I robot con espressioni realistiche del dolore possono eliminare errori e pregiudizi da parte dei medici

Londra: I ricercatori britannici hanno sviluppato un modo per generare espressioni di dolore più realistiche e accurate sul viso dei robot per l’addestramento medico durante un esame fisico delle aree dolenti.

Il nuovo approccio del team dell’Imperial College London potrebbe aiutare a ridurre gli errori e le distorsioni da parte dei medici durante un esame fisico.

I risultati, pubblicati su Scientific Reports, suggeriscono che questo potrebbe anche aiutare a insegnare a medici addestrati a utilizzare indizi nascosti nelle espressioni facciali di un paziente per ridurre la forza necessaria per eseguire esami fisici e potrebbe anche aiutare a rilevare e correggere i primi segni di pregiudizio negli studenti di medicina esponendoli a un gruppo Varietà di identità dei pazienti.

“Migliorare l’accuratezza delle espressioni facciali per il dolore su questi robot è un passo essenziale per migliorare la qualità dell’addestramento all’esame fisico per gli studenti di medicina”, ha affermato Sybil Reruli, della Imperial Dyson School of Design Engineering.

Nello studio, agli studenti universitari è stato chiesto di eseguire un esame fisico dell’addome di un paziente robotico. I dati sulla forza applicata all’addome per causare cambiamenti in sei diverse aree del viso del robot, note come MorphFace, sono stati utilizzati per replicare le espressioni facciali associate al dolore.

Questo metodo ha rivelato l’ordine in cui diverse regioni della faccia robotica, note come unità di attivazione facciale (AU), devono operare per produrre l’espressione più accurata del dolore. Lo studio ha anche identificato la velocità e il volume più appropriati per l’attivazione dell’UA.

I ricercatori hanno scoperto che le espressioni facciali più realistiche si verificavano quando veniva attivata per prima la parte superiore del viso (attorno agli occhi), seguita dalla parte inferiore del viso (attorno alla bocca). In particolare, un ritardo più lungo nell’attivazione di Jaw Drop AU ha portato a risultati più naturali.

READ  Le conseguenze dell'asteroide che uccise i dinosauri furono più brutali di quanto pensassimo

Quando i medici eseguono un esame fisico delle aree dolenti, il feedback delle espressioni facciali del paziente è importante. Tuttavia, molti simulatori di formazione medica attuali non possono visualizzare le espressioni facciali in tempo reale relative al dolore e includono un numero limitato di identità dei pazienti in termini di razza e genere.

Queste limitazioni possono indurre gli studenti di medicina a sviluppare pratiche distorte, affermano i ricercatori, con studi che già evidenziano pregiudizi razziali nella capacità di riconoscere le espressioni facciali del dolore.

“I pregiudizi latenti possono portare a un’interpretazione errata del disagio dei pazienti, aumentando il rischio di abusi, influenzando negativamente la fiducia di medici e pazienti e persino causando la morte”, ha affermato la coautrice Telina Lalitharatne, della Dyson School of Design Engineering.

“In futuro, un approccio assistito da robot potrebbe essere utilizzato per addestrare gli studenti di medicina a normalizzare la loro percezione del dolore espresso da pazienti di diverse razze e generi”.

Giustina Rizzo

"Appassionato di musica. Giocatore. Professionista dell'alcol. Lettore professionista. Studioso del web."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Read also x