I robot decollano alla prima sfida dell’anno, il San Marino Tribune

Scritto da Gavin O’Malley
Speciale per la Tribuna

Foto fornite da Titanium Robotics
La squadra ascolta una presentazione del design del gioco e delle regole successive.

Nonostante tutto quello che è successo nell’ultimo anno, una cosa rimane costante: è in corso la stagione dei lavori per il Titanium Robotics Team al San Marino High School.
Ogni anno, FIRST – l’organo di governo delle competizioni di robotica delle scuole superiori il cui acronimo sta per “ispirazione e riconoscimento della scienza e della tecnologia” – presenta una sfida con un argomento specifico in mente. Quest’anno, una delle sfide è l’Innovation First Challenge.
L’obiettivo è identificare e sviluppare una soluzione a un problema sociale correlato al perseguimento della salute mentale e fisica attraverso il movimento attivo. Questa è una sfida diffusa e i team di FIRST Robotics sono incoraggiati a prendere la direzione che desiderano: dopotutto, l’obiettivo è l’innovazione.
“Sono molto entusiasta di far parte di questa sfida”, ha affermato Marcus Chia, Head of Business. “Uno degli aspetti unici di questo evento è che richiederà ai nostri team di ingegneri e aziendali di collaborare direttamente, un fenomeno che non si è verificato su questa scala negli anni precedenti. Penso che la sfida dell’innovazione, più di ogni altra cosa, sia di grande valore in quanto ci consente di applicare le nostre capacità. Nel campo della scienza, della tecnologia, dell’ingegneria e della matematica, si occupano direttamente dei problemi della vita reale e lavorano per costruire un prodotto tangibile che possa portare vantaggi diretti alla società “.
I parametri sono ampi per consentire molte idee. Ad esempio, la guida afferma che i giudici dovrebbero essere informati sul concetto finale; Tuttavia, il modo in cui viene visualizzato è interamente a discrezione del team: può essere 2D o 3D, fisico o virtuale. Un esempio di un concetto precedente è un “campo sportivo” progettato con luci a LED integrate, che consente loro di cambiare i loro confini e contorni con la semplice pressione di un pulsante. Ciò consente l’accesso a una varietà di atletica leggera, soprattutto in contesti più piccoli e in situazioni con budget ridotti.
Il modo in cui Titanium Robotics sta affrontando la sfida è ancora nelle prime fasi di discussione e ci sono molti forti contendenti. Con il tempo riservato alla fase di pianificazione della sfida, il team ha iniziato a ospitare riunioni bimestrali durante le quali i membri si sono divisi in gruppi più piccoli da tre a cinque. Quindi questi team discutono idee e piani e iniziano a formulare come questi piani possono essere realizzati nella pratica. Per la prima volta, le matricole prendono parte alle sfide senza mai mettere piede nella sala robotica. Questo promette di essere un compito impegnativo perché con i nostri nuovi studenti che hanno così poca esperienza personale, è difficile ottenere un input e una conversazione esattamente uguali.

READ  Ricercato processo per crollo di un ponte in Italia che ha ucciso 43
Freshman Maya Borkar offre la sua soluzione in kit per l’intero team.

“I robot online erano decisamente diversi da quello che immaginavo a scuola, ma erano un buon modo per entrare a far parte del team di Titanium Robotics”, ha detto la studentessa Maya Burkar. “Il team è stato molto accogliente e inclusivo nei confronti di tutti i nuovi membri e ha fatto un ottimo lavoro di sensibilizzazione. Noi junior abbiamo sentito come se le nostre voci fossero state ascoltate allo stesso modo mentre il tutoraggio era ancora dato dai membri senior del team. Per quanto riguarda l’innovazione sfida, è stato molto aperto, il che ha permesso a tutta la squadra di pensare ai problemi che le persone devono affrontare nel mondo reale che riguarda FIRST “.
Uno dei principali vantaggi del programma online è che i mentori sono in grado di sedersi a ogni riunione che possono prendere, rendendo il tutoraggio e l’esperienza alla portata dei membri junior e dei veterani esperti.
Titanium Robotics è un team di oltre 100 studenti, la maggior parte dei quali della San Marino High School, che si uniscono con un interesse comune per la scienza, la tecnologia, l’ingegneria e la matematica. Ingegneri e mentori professionisti imparano a costruire e competere nella competizione annuale FIRST Robotics utilizzando un robot di loro progettazione. La programmazione, i lavori elettrici, la progettazione assistita da computer e l’amministrazione aziendale sono amministrati dai rappresentanti degli studenti, rendendo l’intera organizzazione guidata dagli studenti dall’inizio alla fine.

Celestino Traglia

"Fanatico del web. Aspirante evangelista del bacon. Appassionato di musica esasperatamente umile. Lettore estremo. Pensatore amichevole. Pioniere televisivo."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x