I sei capi di Stato appoggiano l’Italia e chiudono la porta al Sudafrica | sei paesi

L’amministratore delegato del Sei Nazioni, Ben Morell, ha negato che il recente record negativo dell’Italia stesse danneggiando la credibilità del torneo e ha tenuto la porta chiusa all’ingresso del Sudafrica nel principale evento di rugby in Europa.

Intervenendo all’evento di lancio dell’edizione maschile 2022, che inizia una settimana sabato, Morrell ha respinto l’idea di promozione e retrocessione nelle sei nazioni, ma ha affermato che l’organizzazione stava invece mettendo “tutte le nostre risorse” nei piani per un nuovo evento all’interno dell’elenco esistente. Finestre internazionali.

L’ultima vittoria dell’Italia è arrivata contro la Scozia nel 2015 e l’anno scorso ha avuto una stagione calda, accumulando cinque pesanti sconfitte di 184 punti.

Ma Morell ha insistito sul fatto che meritano il loro posto. “Hanno giovani talenti e stanno andando bene sotto i 20 anni su base regolare”, ha detto. “Entrare in prima squadra è stata la loro lotta. Ci hanno messo molte risorse dietro e abbiamo piena fiducia nella loro gestione.

“Quest’anno hanno tre trasferte [in France, Ireland and Wales], quindi dobbiamo essere vigili, ma hanno una squadra giovane ed eccitante. Sanno cosa devono fare. Non credo ci sia un problema di credibilità [for the tournament]. “

Alla domanda se fossero state prese in considerazione la promozione e la retrocessione, Morrell ha detto: “No. Non è nell’agenda attuale. Ma riconosciamo che deve esserci un percorso per le nazioni emergenti verso il rugby d’élite”.

Non solo le nazioni emergenti, come il Giappone, sono state citate come potenziali partecipanti: anche i campioni del mondo del Sud Africa sono stati collegati con un posto al tavolo da rugby europeo. Ma Morrell ha detto che rimane “molto cauto sull’argomento” dell’espansione. La priorità è concordare importanti modifiche all’attuale calendario internazionale e che i colloqui siano “attivi” con World Rugby e i sindacati su un torneo organizzato che inizierà nel 2024, dopo la Coppa del Mondo di rugby del prossimo anno.

“Per dare una traiettoria più forte alle nazioni emergenti, indipendentemente da chi possano essere nell’emisfero settentrionale o meridionale, ci può essere qualche adattamento alle finestre di luglio o novembre”, ha affermato Morrell. “Potrebbe dare partite più competitive a quelle federazioni… per dare loro l’esperienza di cui hanno bisogno per raggiungere questo livello. Penso che la priorità ora sarebbe che luglio e novembre siano più organizzati”.

Ripartizione: Iscriviti e ricevi la tua e-mail settimanale di rugby union.

“La nostra attuale priorità strategica è provare una serie Autumn Nations di vero successo… Crediamo di poter migliorare la narrativa sportiva e dare significato e connessione a ogni gioco, che si spera culminerà in una sorta di fine settimana finale.

“Perché questo accada dopo i Mondiali, dovremo finire prima dell’estate. Quindi questi colloqui sono attivi. [There are] Molte persone con cui discutere, molte consultazioni… Si spera che venga individuata una buona soluzione comune. Dove c’è una volontà, c’è un modo”.

READ  Il gesto esasperante del Milan Hai notato qualcosa di strano al Tonale?

Celestino Traglia

"Appassionato di musica. Giocatore. Professionista dell'alcol. Lettore professionista. Studioso del web."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Read also x