I talebani avviano colloqui in Norvegia mentre la fame perseguita l’Afghanistan

Oslo, Norvegia – Una delegazione talebana guidata dal ministro degli Esteri ad interim Amir Khan Mottaki ha avviato domenica tre giorni di colloqui a Oslo con funzionari occidentali e rappresentanti della società civile afgana in mezzo al deterioramento della situazione umanitaria in Afghanistan.

Le riunioni a porte chiuse si tengono in un hotel sulle montagne innevate sopra la capitale norvegese. Domenica i rappresentanti dei talebani hanno incontrato attiviste per i diritti delle donne e difensori dei diritti umani dell’Afghanistan e della diaspora afgana.

Prima dei colloqui, il viceministro della cultura e dell’informazione dei talebani ha twittato un messaggio audio di Mottaki, esprimendo la sua speranza per un “buon viaggio pieno di risultati” e ringraziando la Norvegia, un paese che spera diventi “una porta di accesso a una relazione positiva con l’Europa .”

Questa è la prima volta da quando i talebani sono subentrati in agosto, che i loro rappresentanti tengono riunioni ufficiali in Europa. In precedenza, hanno viaggiato in Russia, Iran, Qatar, Pakistan, Cina e Turkmenistan.

Durante i colloqui, Mottaki insisterà sulla richiesta dei talebani di rilasciare quasi 10 miliardi di dollari congelati dagli Stati Uniti e da altri paesi occidentali mentre l’Afghanistan deve affrontare una situazione umanitaria precaria.

Le Nazioni Unite sono state in grado di fornire un po’ di contanti e consentire alla nuova amministrazione di pagare le importazioni, compresa l’elettricità. Ma le Nazioni Unite hanno avvertito che fino a un milione di bambini afghani sono a rischio di fame e che la maggior parte dei 38 milioni di persone del Paese vive al di sotto della soglia di povertà.

Il ministero degli Esteri norvegese ha affermato che la delegazione talebana incontrerà anche gli afgani in Norvegia, tra cui “le donne leader, giornalisti e persone che lavorano, tra gli altri, con questioni relative ai diritti umani, umanitari, economici, sociali e politici”.

READ  Croce Rossa costretta a pagare medici e infermieri afgani in sacchi di contanti dopo il ritiro degli Stati Uniti

Il ministero degli Affari esteri ha affermato in una dichiarazione che “la Norvegia continua il dialogo con i talebani per promuovere i diritti umani e la partecipazione delle donne nella società e per rafforzare gli sforzi umanitari ed economici in Afghanistan”.

Una delegazione statunitense, guidata dal rappresentante speciale per l’Afghanistan Tom West, intende discutere “la formazione di un sistema politico rappresentativo; le risposte alle crisi economiche e umanitarie urgenti; le preoccupazioni relative alla sicurezza e all’antiterrorismo; e i diritti umani, in particolare l’istruzione delle ragazze e donne”, secondo una dichiarazione del Dipartimento di Stato americano.

E il ministro degli Esteri norvegese Anneken Hoetfeldt ha sottolineato, venerdì, che la visita “non è legittimità o riconoscimento dei talebani. Ma dobbiamo parlare con coloro che oggi governano il Paese nella pratica”.

“Siamo profondamente preoccupati per la gravità della situazione in Afghanistan”, ha affermato Hoytfeldt, osservando che le condizioni economiche e politiche hanno creato una “catastrofe umanitaria su larga scala per milioni di persone” che nel Paese stanno affrontando la fame.

Lo svolgimento dei colloqui ha acceso alcune polemiche in Norvegia, un paese della NATO che è stato coinvolto in Afghanistan dal 2001 fino all’arrivo dei talebani la scorsa estate. Domenica, 200 manifestanti si sono radunati in una piazza ghiacciata davanti al ministero degli Esteri norvegese a Oslo per denunciare l’incontro.

“I talebani non sono cambiati, come dicono alcuni nella comunità internazionale”, ha detto Ahmed Yasir, un cittadino norvegese-afghano che vive in Norvegia da quasi due decenni. “Sono brutali come lo erano nel 2001 e prima”.

Il Paese scandinavo, patria del Premio Nobel per la Pace, non è estraneo alla diplomazia. È stato coinvolto in sforzi di pace in numerosi paesi, tra cui Mozambico, Afghanistan, Venezuela, Colombia, Filippine, Israele, Territori Palestinesi, Siria, Myanmar, Somalia, Sri Lanka e Sud Sudan.

READ  Terremoto in Indonesia, allerta tsunami

Sergio Venezia

"Fanatico del web. Aspirante evangelista del bacon. Appassionato di musica esasperatamente umile. Lettore estremo. Pensatore amichevole. Pioniere televisivo."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Read also x