I talebani entrano a Kabul e dicono di aspettare un “trasferimento pacifico” nella capitale afghana

Ultimo:

  • Le forze afghane consegnano la base aerea di Bagram ai talebani.
  • Un funzionario afghano ha detto che i negoziatori talebani si stanno dirigendo al palazzo presidenziale.
  • I combattenti talebani sono entrati a Kabul.
  • E nella capitale si è sentito il rumore degli spari.
  • I talebani mantengono tutti i valichi di frontiera, lasciando l’aeroporto internazionale di Kabul come unica uscita.
  • Funzionari militari hanno affermato che i diplomatici statunitensi distruggono urgentemente documenti sensibili.

I combattenti talebani sono entrati domenica nella periferia della capitale afghana e hanno affermato di essere in attesa di un “trasferimento pacifico” della città dopo aver promesso di non prenderla con la forza, ma i residenti terrorizzati si sono precipitati ad andarsene, mentre i lavoratori sono fuggiti dagli uffici governativi e gli elicotteri sono atterrati a l’ambasciata degli Stati Uniti.

In un’offensiva nazionale durata poco più di una settimana, i talebani hanno sconfitto, si sono uniti o hanno inviato le forze di sicurezza afghane a fuggire da vaste aree del paese, nonostante ricevessero un certo sostegno aereo dall’esercito americano.

Domenica sono arrivati ​​a Kabul. Tre funzionari afgani hanno riferito all’Associated Press che i talebani si trovavano nei distretti della capitale Kalakan, Qarabagh e Bagman.

In seguito, secondo il capo del distretto di Bagram, Darwish Raoufi, le forze afgane della base aerea di Bagram, che ospita una prigione con 5.000 detenuti, si sono arrese ai talebani. La prigione ospitava combattenti talebani e dello Stato Islamico.

L’incredibile velocità dei pagamenti ha scioccato molti e sollevato interrogativi sul motivo per cui le forze afgane stavano crollando nonostante anni di addestramento americano e miliardi di dollari di spesa. Pochi giorni fa, una valutazione militare degli Stati Uniti ha stimato che sarebbe passato un mese prima che la capitale fosse sotto pressione dei ribelli.

READ  Il giudice vaticano ordina al cardinale e ad altri nove di essere processati per reati finanziari | Vaticano

Il portavoce dei talebani Suhail Shaheen ha detto al canale di notizie inglese Al Jazeera con sede in Qatar che gli insorti stavano “aspettando una transizione pacifica verso la città di Kabul”. Ha rifiutato di fornire dettagli su eventuali negoziati tra le sue forze e il governo.

Ma quando è stato pressato per il tipo di accordo che i talebani volevano, Shaheen ha riconosciuto che stavano cercando la resa incondizionata da parte del governo centrale.

Trattative del palazzo presidenziale: un funzionario afghano

Un funzionario afghano, che ha parlato a condizione di anonimato per paura di rappresaglie, ha detto che domenica i negoziatori talebani si sono recati al palazzo presidenziale per discutere del trasferimento di proprietà. Non è ancora chiaro quando questo trasferimento avverrà.

Tra i negoziatori del governo ci sono l’ex presidente Hamid Karzai e il capo del Consiglio nazionale per la riconciliazione afghano, Abdullah Abdullah, ha detto un funzionario. Abdullah è stato a lungo un critico vocale del presidente Ashraf Ghani, che ha rifiutato a lungo di rinunciare al potere per raggiungere un accordo con i talebani.

Il funzionario, che ha parlato a condizione di anonimato per discutere i dettagli della trattativa a porte chiuse, l’ha definita “tesa”.

Un elicottero militare americano sorvola domenica l’ambasciata americana a Kabul. (MP Kohsar/AFP/Getty Images)

Il ministro della Difesa ad interim, Bismillah Khan, ha cercato di rassicurare il pubblico tramite un videomessaggio.

“Vi assicuro della sicurezza di Kabul”, ha detto.

In precedenza, i ribelli hanno cercato di calmare i residenti della capitale.

“La vita, la proprietà e la dignità di nessuno non saranno danneggiate e la vita della gente di Kabul non sarà in pericolo”, hanno affermato gli insorti in una nota.

Tuttavia, un messaggio audio che circola sui social media, presumibilmente di un comandante talebano, avverte “di non permettere a nessuno di entrare nella provincia di Kabul”.

Elicotteri Black Hawk vicino all’ambasciata

Nonostante le promesse, il panico ha prevalso quando molti si sono precipitati a lasciare il paese attraverso l’aeroporto di Kabul, l’ultima via d’uscita dal paese in quanto i talebani ora controllano ogni valico di frontiera.

I voli navetta veloci degli elicotteri Boeing CH-47 Chinook sono iniziati vicino all’ambasciata degli Stati Uniti poche ore dopo che i militanti hanno catturato la vicina città di Jalalabad. I SUV diplomatici sono stati visti lasciare l’area intorno al centro.

Il Dipartimento di Stato degli Stati Uniti non ha risposto immediatamente alle domande sui movimenti. Tuttavia, si potevano vedere fili di fumo vicino al tetto dell’ambasciata mentre i diplomatici distruggevano urgentemente documenti sensibili, secondo due ufficiali militari statunitensi che hanno parlato a condizione di anonimato perché non erano autorizzati a discutere della situazione.

E il fumo è aumentato nel tempo nella zona, che ospita anche le ambasciate di altri Paesi.

Anche gli elicotteri Sikorsky UH-60 Black Hawk, che di solito trasportano forze armate, sono atterrati vicino all’ambasciata. Almeno un elicottero d’attacco è stato visto nel cielo mentre gli elicotteri sparavano razzi per distrarre l’attenzione da un possibile lancio di missili. Pochi giorni fa, gli Stati Uniti hanno deciso di inviare migliaia di soldati per aiutare a evacuare parte del personale dalla propria ambasciata.

Jalalabad cade in mano ai talebani

Un pilota, che ha parlato in condizione di anonimato per discutere di questioni di sicurezza, ha detto all’aeroporto internazionale di Kabul che le forze afgane hanno abbandonato il campo agli eserciti occidentali. Il pilota ha detto che un aereo afghano era atterrato in precedenza all’aeroporto di Kandahar carico di soldati che si erano arresi ai talebani, anche dopo essere stato colpito da una scheggia di un colpo di mortaio.

Ghani, che sabato ha parlato alla nazione per la prima volta dall’inizio dell’offensiva, appare sempre più isolato. I signori della guerra con cui ha negoziato pochi giorni prima si sono arresi ai talebani o sono fuggiti, lasciando Ghani senza alcuna opzione militare.

Anche i negoziati in Qatar, sede dell’ufficio talebano, non sono riusciti a fermare l’avanzata degli insorti.

I soldati pakistani controllano i documenti dei cittadini afgani bloccati che tornano in Afghanistan sabato al valico di frontiera tra Pakistan e Afghanistan a Chaman. I talebani ora controllano tutti i valichi di frontiera del paese. (AFP tramite Getty Images)

Migliaia di civili ora vivono nei parchi e negli spazi aperti della stessa Kabul, temendo che un governo talebano possa reimporre una regola brutale che annulli i diritti delle donne. Alcuni bancomat hanno smesso di distribuire contanti mentre centinaia si radunano davanti alle banche private nel tentativo di prelevare i propri risparmi.

La sparatoria è scoppiata in diversi punti, anche se la presidenza afghana ha cercato di minimizzare la sparatoria.

“Le forze di difesa e di sicurezza insieme alle forze internazionali che lavorano per la sicurezza della città di Kabul e la situazione sono sotto controllo”, ha detto la presidenza in mezzo al caos.

Jalalabad, l’ultima grande città dell’Afghanistan oltre alla capitale non controllata dai militanti, è caduta nelle mani dei talebani domenica scorsa. I militanti hanno pubblicato online delle foto che li mostrano nell’ufficio del governatore di Jalalabad, la capitale della provincia di Nangarhar.

Abrarullah Murad, un deputato della provincia, ha detto all’Associated Press che i militanti avevano catturato Jalalabad dopo che gli anziani avevano negoziato la caduta del governo locale. Murad ha detto che non ci sono stati combattimenti quando la città si è arresa.

Il legislatore afghano Hamida Akbari e i talebani hanno affermato che i militanti hanno anche preso il controllo di Maidan Shar, la capitale di Maidan Wardak, domenica, a soli 90 chilometri da Kabul. Un membro del consiglio provinciale, che ha parlato a condizione di anonimato per paura di rappresaglie, ha detto che anche un altro capoluogo di provincia, Khost, è caduto nelle mani dei talebani.

Sergio Venezia

"Fanatico del web. Aspirante evangelista del bacon. Appassionato di musica esasperatamente umile. Lettore estremo. Pensatore amichevole. Pioniere televisivo."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x