I talebani hanno spesso chiuso l’aeroporto di Kabul mentre i ponti aerei stranieri diminuivano

KABUL, Afghanistan – Le forze talebane hanno chiuso sabato l’aeroporto di Kabul alla maggior parte degli afgani che speravano di evacuare, mentre gli Stati Uniti ei loro alleati hanno posto fine al caotico ponte aereo che porrà fine ai loro due decenni di presenza di truppe in Afghanistan.

I leader occidentali hanno riconosciuto che il loro ritiro significherà lasciare alcuni dei propri cittadini e molte delle persone locali che li hanno aiutati nel corso degli anni, e si sono impegnati a cercare di continuare a lavorare con i talebani per consentire agli alleati locali di andarsene dopo il presidente degli Stati Uniti Joe Biden Martedì termine ultimo per il ritiro. dallo stato.

Sebbene la maggior parte dei suoi alleati abbia terminato i voli di evacuazione, gli Stati Uniti prevedono di continuare i voli 24 ore su 24 fino alla scadenza, affermando che 117.000 persone sono state evacuate da quando i talebani hanno preso il controllo di Kabul il 15 agosto.

La Gran Bretagna ha effettuato i suoi ultimi voli di evacuazione sabato, anche se il primo ministro Boris Johnson ha promesso di “trasformare cielo e terra” per spostare altri talebani a rischio in Gran Bretagna con altri mezzi.

“È giunto il momento di chiudere questa fase del processo ora”, ha dichiarato l’ambasciatore britannico in Afghanistan, Laurie Bristow, in un video clip dall’aeroporto di Kabul e pubblicato su Twitter.

“Ma non abbiamo dimenticato le persone che devono ancora partire”, ha detto. “Continueremo a fare tutto ciò che è in nostro potere per aiutarli. Non abbiamo dimenticato il popolo coraggioso e rispettabile dell’Afghanistan. Meritano di vivere in pace e sicurezza”.

Mentre il flusso di aerei in partenza da Kabul rallentava, altri aerei arrivavano in aree del mondo trasportando afgani che erano riusciti a garantire posti sui recenti voli di evacuazione, tra cui l’area di Washington, Filadelfia, Madrid, Birmingham, Inghilterra e altri. Alcuni erano sollevati e non vedevano l’ora di iniziare la loro nuova vita lontano dai talebani, ma altri erano amareggiati dal dover fuggire.

In Spagna, il giornalista evacuato Shabeer Ahmadi, un 29enne preso di mira dai talebani, ha affermato che gli Stati Uniti erano condannati per il fallimento che lui e altri avevano fatto per rendere l’Afghanistan un posto migliore consentendo al gruppo di insorti di riconquistare il potere.

READ  L'autore di "Fire and Fury" scrive un nuovo libro per Trump intitolato Landlide

“Hanno abbandonato la nuova generazione in Afghanistan”, ha detto Ahmadi.

Un volo di evacuazione verso la Gran Bretagna ha fatto atterrare un passeggero in più sabato, secondo i media turchi, dopo che l’equipaggio di volo ha dato alla luce una bambina a mezz’aria. I genitori la chiamavano Hava, o Eve, ed era almeno la quarta figlia nata da madri afgane che erano entrate in travaglio durante i voli di evacuazione.

Nel frattempo, le famiglie degli afgani uccisi nell’attentato suicida di giovedì all’aeroporto da parte di un gruppo dello Stato islamico hanno continuato a seppellire i loro morti: almeno 169 afgani e 13 membri del servizio statunitense uccisi nell’attacco. Tra i morti c’era Bilal Asfali, un appaltatore di 36 anni che lavorava a un progetto finanziato dagli Stati Uniti che era andato all’aeroporto da solo senza sua moglie. I parenti hanno detto che i suoi resti erano così mutilati che potevano essere identificati solo quando qualcuno ha risposto alle ripetute chiamate della famiglia al cellulare con cui si trovava.

Sabato, gli Stati Uniti hanno rilasciato i nomi di 13 membri del personale di Marines, Navy ed Army uccisi nell’attentato. Tra di loro c’era almeno un marine – recentemente promosso a sergente dei marine. Nicole J, 23 anni – La si vede in foto molto diffuse mentre coccolano i bambini afghani che sono stati temporaneamente salvati dalla folla fuori dai cancelli dell’aeroporto questo mese.

Il portavoce dei talebani Zabihullah Mujahid ha affermato, sabato, che le forze del movimento occupano alcune località all’interno dell’aeroporto e sono pronte a controllarle pacificamente con l’uscita delle forze americane. Ma il portavoce del Pentagono John Kirby ha negato l’affermazione.

I talebani hanno dispiegato ulteriori forze fuori dall’aeroporto per impedire che si radunassero grandi folle a seguito dell’attentato di giovedì. Nuovi strati di posti di blocco sono comparsi sulle strade per l’aeroporto, alcuni dei quali avevano combattenti talebani in uniforme con Humvee e occhiali per la visione notturna sequestrati alle forze di sicurezza afghane. Le aree in cui le folle si erano radunate nelle ultime due settimane nella speranza di fuggire dal paese erano in gran parte vuote.

I funzionari hanno affermato che le forze statunitensi stavano prendendo ogni precauzione all’aeroporto, poiché si temeva che l’ISIS, che è molto più estremo dei talebani, potesse colpire di nuovo. Biden ha detto in una dichiarazione sabato che i comandanti gli hanno detto che un altro attacco era “molto probabile entro le prossime 24-36 ore”.

READ  Trevor Noah: "Tentare di ritenere Trump responsabile è come cercare di uccidere un moscerino della frutta". Tour televisivo a tarda notte

Biden ha anche affermato che l’attacco di rappresaglia con i droni che ha ordinato che ha ucciso quelli che i funzionari militari hanno descritto come due militanti “prominenti” dell’ISIS ritenuti coinvolti nella pianificazione o facilitazione degli attacchi non sarebbe stata la sua “ultima” risposta all’attacco suicida di giovedì.

Un afghano che lavorava come traduttore per l’esercito americano ha detto di essere con un gruppo di persone che avevano il permesso di partire e che hanno cercato di raggiungere l’aeroporto venerdì sera tardi. Dopo aver attraversato tre posti di blocco, sono stati fermati al quarto. Ne è nata una discussione e i talebani hanno affermato che gli americani avevano chiesto loro di consentire il passaggio solo ai titolari di passaporto statunitense.

“Sono molto disperato per il mio futuro”, ha detto in seguito l’uomo all’Associated Press, a condizione dell’anonimato a causa di problemi di sicurezza. “Se lo sfratto finisce, cosa ci accadrà?”

Sabato, il portavoce del Pentagono Kirby ha affermato che gli afgani che hanno lavorato con le forze statunitensi possono ancora entrare.

Secondo un portavoce del Dipartimento di Stato, 5.400 americani e forse più sono stati evacuati in sicurezza dall’Afghanistan dal 14 agosto, inclusi quasi 300 americani l’ultimo giorno. E altri 350 stanno ancora cercando di lasciare il Paese, e questi sono gli unici che il ministero ha confermato siano ancora in Afghanistan.

Con l’avvicinarsi della scadenza di martedì e con i talebani al controllo di quasi tutto il paese, centinaia di manifestanti, tra cui molti dipendenti pubblici, si sono radunati fuori da una banca mentre innumerevoli sportelli automatici erano in fila. Dissero di non essere stati pagati da tre a sei mesi e di non essere stati in grado di prelevare i soldi. Gli sportelli automatici erano ancora in funzione, ma i prelievi erano limitati a circa $ 200 ogni 24 ore. Più tardi, sabato, la banca centrale ha ordinato l’apertura di filiali di banche commerciali e ha consentito ai clienti di prelevare $ 200 a settimana, descrivendolo come una misura temporanea.

READ  Jacob Zuma paragona i giudici sudafricani ai governanti dell'apartheid | Jacob Zuma Notizie

La crisi economica, che ha preceduto l’acquisizione dei talebani, potrebbe conferire influenza ai paesi occidentali poiché spinge i nuovi governanti afghani a formare un governo moderato e inclusivo e consentire alla gente di andarsene dopo martedì.

L’Afghanistan fa molto affidamento sugli aiuti internazionali, che coprivano circa il 75% del budget del governo appoggiato dall’Occidente che è stato rovesciato. I talebani hanno affermato di volere buone relazioni con la comunità internazionale e hanno promesso una forma di governo islamico più moderata rispetto all’ultima volta che avevano governato il Paese, ma molti afghani sono profondamente scettici.

I talebani non hanno accesso a nessuno dei circa 9 miliardi di dollari di riserve della banca centrale, la maggior parte delle quali sono detenute dalla Federal Reserve di New York. Il Fondo Monetario Internazionale ha anche sospeso il trasferimento di circa 450 milioni di dollari. Senza una fornitura regolare in dollari USA, la valuta locale rischia di crollare, il che potrebbe far salire i prezzi delle materie prime.

Biden ha detto che rispetterà la scadenza di martedì per il ritiro di tutte le forze statunitensi e i talebani hanno rifiutato qualsiasi estensione di tale scadenza. Lui e i leader di altri alleati della NATO hanno affermato che avrebbero cercato di lavorare con i talebani per consentire ai propri cittadini e agli afghani che hanno lavorato con loro di andarsene.

I talebani hanno incoraggiato gli afgani a rimanere, hanno promesso l’amnistia anche per coloro che li hanno combattuti e hanno affermato che i voli commerciali riprenderanno dopo il ritiro degli Stati Uniti, ma non è chiaro se le compagnie aeree siano pronte a fornire il servizio.

Gli Stati Uniti e i loro alleati hanno affermato che continueranno a fornire aiuti umanitari attraverso le Nazioni Unite e altri partner, ma qualsiasi impegno più ampio, compresa l’assistenza allo sviluppo, dipenderà probabilmente dal fatto che i talebani mantengano le loro promesse di un governo più moderato.

——

Fayez segnalato da Istanbul, Lawless segnalato da Londra e Nikmeyer segnalato da Oklahoma City. Gli scrittori dell’Associated Press Francis Demilio a Roma, Joseph Krause a Gerusalemme, Robert Burns a Washington, Aritz Parra a Madrid e Cathy Gannon a Islamabad hanno contribuito a questo rapporto.

Sergio Venezia

"Fanatico del web. Aspirante evangelista del bacon. Appassionato di musica esasperatamente umile. Lettore estremo. Pensatore amichevole. Pioniere televisivo."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x