Il comitato antisommossa del Campidoglio degli Stati Uniti vede le prove del “complotto criminale” di Trump

Il comitato antisommossa del Campidoglio degli Stati Uniti vede le prove del “complotto criminale” di Trump

Il comitato della Camera che indaga sulla ribellione del 6 gennaio al Campidoglio degli Stati Uniti ha dichiarato mercoledì per la prima volta che le prove indicano che l’ex presidente Donald Trump e i suoi associati hanno commesso crimini nel tentativo fallito di ribaltare i risultati delle elezioni presidenziali del 2020.

Il comitato della Camera ha affermato in una dichiarazione in tribunale che Trump e i suoi associati si sono impegnati in una “cospirazione criminale” per impedire al Congresso di certificare la vittoria del democratico Joe Biden al Collegio elettorale. La commissione ha affermato che Trump e il suo staff hanno diffuso false informazioni sul risultato delle elezioni presidenziali e hanno fatto pressioni sui funzionari statali affinché annullassero i risultati, il che violerebbe diverse leggi federali.

“Il comitato ristretto ha anche una base in buona fede per concludere che il presidente e i membri della sua campagna si sono impegnati in una cospirazione criminale per frodare gli Stati Uniti”, ha scritto il comitato in un fascicolo presentato alla corte distrettuale degli Stati Uniti per il distretto centrale di California. .

L’archivio di 221 pagine rappresenta lo sforzo più ufficiale della commissione per collegare l’ex presidente a un crimine federale, sebbene l’effettiva portata della registrazione non sia chiara. I legislatori non hanno il potere di sporgere denuncia penale e possono fare riferimento solo al Dipartimento di Giustizia. Il dipartimento stava indagando sui disordini dell’anno scorso, ma non ha fornito alcuna indicazione che stesse prendendo in considerazione la possibilità di sporgere denuncia contro Trump.

Il comitato ha presentato le accuse in risposta a una causa intentata dal consigliere di Trump John Eastman, un avvocato e professore di diritto che si stava consultando con Trump mentre tentava di annullare le elezioni. Eastman cerca di trattenere i documenti dalla commissione.

In una dichiarazione rilasciata alla fine di mercoledì, l’avvocato di Eastman, Charles Burnham, ha affermato che il suo cliente aveva la responsabilità di “proteggere i segreti di un cliente, anche con notevoli rischi e spese personali”.

READ  Il procuratore distrettuale non farà appello alla sua liberazione mentre l'assassino di Robert F. Kennedy chiede la libertà vigilata

“Il comitato ristretto ha risposto agli sforzi del dottor Eastman per eliminare questa responsabilità accusandolo di attività criminale”, ha aggiunto Burnham.

La nota depositata mercoledì era un tentativo di far respingere le richieste di privilegio avvocato-cliente di Eastman. In tal modo, il panel ha affermato che esisteva un’eccezione legale che consentiva la divulgazione di comunicazioni relative a reati attuali o futuri.

“Select Commission non sta conducendo un’indagine penale”, ha affermato in una dichiarazione il rappresentante del Mississippi Benny Thompson, presidente democratico del comitato. “Ma, come ha osservato il giudice in una precedente udienza, le affermazioni sul privilegio del Dr. Eastman sollevano la questione se l’eccezione per reato e frode al privilegio avvocato-cliente si applichi in questo caso”.

Il deposito fornisce anche nuovi dettagli dalle interviste del comitato con diversi importanti aiutanti di Trump e membri del team dell’ex vicepresidente Mike Pence, tra cui il capo del personale Mark Short e il consigliere senior Greg Jacob.

Il comitato ha affermato di avere prove che Trump ha cercato di ostacolare l’azione ufficiale – in questo caso, la certificazione dei risultati elettorali – cercando di indurire Pence per ritardare le misure fino a quando non ci fosse stato più tempo per “truccare” i risultati.

“Le prove supportano una conclusione secondo cui il presidente Trump e i membri della sua campagna sapevano di non aver ottenuto abbastanza voti elettorali legittimi perché lo stato fosse dichiarato vincitore delle elezioni presidenziali del 2020 durante la sessione congiunta del Congresso il 6 gennaio, ma il presidente tuttavia ha cercato di utilizzare il vicepresidente per manipolare i risultati a suo favore, afferma la causa.

READ  Il personale ospedaliero deve seguire un corso di primo soccorso sulla salute mentale

Il 6 gennaio 2021, il comitato ha rivelato uno scambio di e-mail tra Eastman e Jacob, che spingeva Pence a interferire con il suo ruolo cerimoniale e interrompere la certificazione dei voti elettorali, una mossa che Pence non ha l’autorità di prendere.

Jacob ha risposto: “Qui rispetto il tuo cuore. Condivido le tue preoccupazioni su ciò che i Democratici faranno una volta in carica. Voglio riformare l’integrità elettorale. Ma ho percorso ogni percorso legale davanti a me fino alla sua conclusione, concludendolo rispettosamente come un quadro giuridico, è una posizione orientata ai risultati che non sosterreste mai se provassi l’opposizione, e in pratica finsi completamente”.

Ha aggiunto: “E grazie ai tuoi tori – ora siamo sotto assedio”.

La registrazione rappresenta uno sguardo completo finora ai risultati della commissione del 6 gennaio, che sta indagando sulla violenta ribellione dei sostenitori di Trump nel tentativo di garantire che nulla di simile accada di nuovo. Sebbene il comitato non possa perseguire le accuse penali, i membri vogliono fornire al pubblico un resoconto completo dell’attacco, in cui centinaia di persone hanno picchiato brutalmente la polizia, spinto attraverso porte e finestre e interrotto la certificazione della vittoria di Biden.

Finora, legislatori e investigatori hanno intervistato centinaia di persone, inclusi membri della famiglia Trump e il suo capo di gabinetto, nonché alleati nei sette stati oscillanti in cui l’ex presidente ha cercato senza successo di dimostrare la sua vittoria. Il comitato ha anche cercato informazioni dai membri del Congresso e ha sollecitato registrazioni e testimonianze dalle principali piattaforme di social media che ritengono siano state coinvolte nella diffusione di disinformazione sulle elezioni.

Il comitato dovrebbe pubblicare i suoi risultati per intero in un lungo rapporto o serie di rapporti entro la fine dell’anno, prima delle elezioni di medio termine. La commissione sta anche pianificando giorni o settimane di udienze che inizieranno ad aprile con alcuni testimoni che testimonieranno.

READ  Aggiornamenti sulla tempesta invernale: disordini negli Stati Uniti e in Canada

In altre trascrizioni rilasciate come parte del deposito, l’ex alto funzionario del Dipartimento di Giustizia Richard Donoghue ha descritto il tentativo di convincere Trump che le accuse di frode elettorale erano finzione. “Ho detto io stesso al presidente che molte volte, in diverse conversazioni, che queste accuse di schede elettorali contrabbandate in una borsa e passate attraverso le macchine più volte, non erano vere, l’abbiamo guardato, abbiamo guardato il video, abbiamo intervistato i testimoni e non era vero”.

Donoghue ha detto a un certo punto di aver dovuto rassicurare Trump sul fatto che il Dipartimento di Giustizia aveva indagato su un rapporto secondo cui qualcuno aveva trasportato un rimorchio di un trattore pieno di schede elettorali da New York alla Pennsylvania. Donoghue ha affermato che l’amministrazione non ha trovato prove a sostegno delle accuse.

Le trascrizioni hanno anche fornito dettagli a colori in una controversa riunione del 3 gennaio 2021, in cui Trump ha preso in considerazione la possibilità di sostituire il procuratore generale ad interim, Jeffrey Rosen, con il suo aiutante che ha promesso di rivelare la verità sulle false accuse di frode elettorale del presidente.

Questo assistente, Jeffrey Clark, è stato per un po’ l’avvocato senior per le forze dell’ordine ambientali del dipartimento, un fatto che ha portato a un po’ di ridicolo da parte dei colleghi durante la riunione quando è stato sottolineato che Clark non era un pubblico ministero.

“In un certo senso ha risposto dicendo: ‘Beh, ho fatto molti appelli complicati, cause civili e contenziosi ambientali e cose del genere'”, ha detto Donoghue. Sei un avvocato ambientale. Che ne dici di tornare nel tuo ufficio, ti chiameremo quando c’è una fuoriuscita di petrolio. “

Sergio Venezia

"Fanatico del web. Aspirante evangelista del bacon. Appassionato di musica esasperatamente umile. Lettore estremo. Pensatore amichevole. Pioniere televisivo."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x