Il commercio estero salva l’economia spagnola

Louis Alkayed | A settembre 2021, le esportazioni spagnole sono cresciute del 21,9% su base annua a 28,337 miliardi di euro, un record nell’ultimo decennio. La cifra di 5 miliardi di euro supera il picco di vendite per il resto del mondo registrato a settembre 2019. Al contrario, anche le importazioni mostrano il numero più alto dal 2012, con un aumento annuo del 24,2% a 30,730 miliardi di euro. Un aumento non correlato dei prezzi dei prodotti energetici e della ripresa economica, anche se inferiore alle attese. Una chiara asimmetria tra battibecchi politici e il dinamismo del mondo degli affari, per non parlare della portata della vaccinazione.

Il numero di esportatori con vendite superiori a 1.000 euro è cresciuto del 14,9% a 87.897, mentre gli esportatori regolari (quelli che lo sono stati negli ultimi tre anni e quest’anno) sono cresciuti in media del 9%.

Un confronto internazionale dei numeri rafforza la convinzione della competitività dell’economia spagnola. Infatti, la crescita del 21,9% a settembre è doppia rispetto a quella di Francia e Italia, e addirittura superiore a quella della Germania. L’aumento delle importazioni ha superato anche quello di Unione Europea, Stati Uniti e Regno Unito, con gli acquisti esteri in calo del 10%.

In termini assoluti, la differenza tra esportazioni e importazioni per settembre ha determinato un deficit commerciale di 2,396 miliardi di euro. Aumento annuo del 60,8%, ma è comunque molto inferiore a quelli registrati a settembre 2018 e 2019. La componente principale del deficit di settembre è l’aumento dei prezzi degli idrocarburi, con il deficit non energetico che si mantiene sullo stesso periodo dello scorso anno.

Tra gennaio e settembre 2021, le esportazioni sono aumentate del 22,1% a 229,963 miliardi di euro, un nuovo massimo storico per il periodo, superando i precedenti dati sull’epidemia. Da parte sua, le importazioni sono cresciute del 21,9% su base annua nei nove mesi del 2021 a 243,230 miliardi, portando il deficit commerciale spagnolo a 13,267 miliardi alla fine del terzo trimestre. Tuttavia, il tasso di copertura delle esportazioni e delle importazioni, al 94%, è il più alto dell’intero decennio in quei primi nove mesi di ogni anno.

READ  Italia: molti paesi del G20 vogliono obiettivi climatici più urgenti

La distribuzione geografica delle nostre esportazioni verso l’Unione Europea e l’Area Euro mostra il 61,7% e il 54,4% delle vendite totali, mentre il tasso di avanzamento verso queste due aree è cresciuto rispettivamente del 24,4% e del 25,1%. La Francia rimane il nostro cliente numero uno, seguita dalla Germania, che si sta indebolendo come acquirente, mentre le vendite in Italia e Portogallo sono in forte crescita. Mantenere le esportazioni nel Regno Unito. Poco più del doppio di quelli inviati in Cina in questi nove mesi del 2021.

I prodotti energetici hanno registrato un rimbalzo a causa dell’aumento dei prezzi; Crescono anche gli acquisti di droga. Tuttavia, i beni strumentali rimangono la componente più importante delle importazioni spagnole. Questa è un’ulteriore indicazione della forza del nostro settore produttivo.

L’avanzo con l’Unione Europea è stato di 18,856 miliardi di euro e di 20,668 milioni di euro con l’eurozona. Sale invece a 32,123 miliardi di euro il deficit commerciale con i paesi extra UE (prezzi del carburante). Per quanto riguarda il nostro commercio con l’Europa fuori dall’Unione Europea, abbiamo registrato un surplus di 2,329 miliardi di euro per effetto dell’avanzo con il Regno Unito, che supera il deficit con il resto dei paesi europei extraeuropei.

Le esportazioni verso la Cina sono cresciute a un tasso annuo del 16,5% tra gennaio e settembre, superando l’aumento del 13% degli acquisti. Tuttavia, i numeri totali sono così sproporzionati che il deficit commerciale con la Cina nei primi nove mesi del 2021 è salito a 17,8 miliardi di euro, ben al di sopra del deficit totale con il resto del mondo di 13,268 miliardi di euro.

READ  Draghi dall'Italia dice che senza cooperazione sui cambiamenti climatici non si va da nessuna parte

Melania Cocci

"Guru del cibo. Fanatico del bacon. Appassionato di tv devoto. Specialista di zombi. Appassionato di cultura pop freelance."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x