Il consigliere del presidente ucraino ha affermato di ritenere che nei prossimi giorni otterranno risultati dai colloqui con la Russia

I residenti di Kherson si sono presentati in gran numero domenica 13 marzo, nella più grande protesta che la città abbia visto dall’inizio dell’invasione e dalla sua caduta sotto l’occupazione russa. (da Telegram)

Centinaia di manifestanti si sono riversati nelle strade di Kherson occupata dai russi per protestare contro i sospetti piani russi di trasformare il territorio meridionale dell’Ucraina in una repubblica separatista.

Nei giorni scorsi almeno un funzionario del Consiglio regionale di Kherson ha avvertito che le forze di occupazione stanno aprendo la strada alla “Repubblica popolare di Kherson”. Se fosse vero, la mossa annullerebbe la creazione da parte di Mosca di due stati separati nella regione del Donbass, nell’Ucraina orientale. L’Ucraina ritiene che quelle regioni separatiste – la Repubblica popolare di Donetsk e la Repubblica popolare di Luhansk – siano occupate dalla Russia.

Il presidente russo Vladimir Putin ha riconosciuto l’indipendenza di queste due regioni nei giorni precedenti l’invasione russa totale dell’Ucraina come pretesto per un attacco al paese.

“Sono in corso i preparativi per un referendum sull’istituzione della Repubblica popolare di Kherson nella regione di Kherson”, ha scritto sabato il membro del consiglio della regione di Kherson Sergey Khelan in un post su Facebook invitando i membri del consiglio a boicottare gli incontri con le forze di occupazione russe.

“Fai parte della storia ucraina come cittadini, i cui nomi saranno ricordati dalle generazioni future, e non come traditori insostituibili”, ha aggiunto.

I manifestanti a Kherson domenica mattina hanno sventolato bandiere ucraine, cantato slogan anti-russi e insultato Putin, ha detto alla CNN il videografo Artem Ivanov, che è a terra a Kherson. “Kherson ucraino”, “Putin è “I soldati russi sono fascisti” e “i soldati russi stanno tornando a casa”, secondo Ivanov sono stati cantati alcuni slogan durante la protesta.

I residenti di Kherson si sono presentati in gran numero domenica 13 marzo, nella più grande protesta che la città abbia visto dall'inizio dell'invasione e dalla sua caduta sotto l'occupazione russa.
I residenti di Kherson si sono presentati in gran numero domenica 13 marzo, nella più grande protesta che la città abbia visto dall’inizio dell’invasione e dalla sua caduta sotto l’occupazione russa. (ottenuto dalla CNN)

READ  Anche l'Alberta ha le cicale, ma non sono numeri enormi per "X covata" che appare negli Stati Uniti dopo 17 anni di lavoro sotterraneo.

Sergio Venezia

"Fanatico del web. Aspirante evangelista del bacon. Appassionato di musica esasperatamente umile. Lettore estremo. Pensatore amichevole. Pioniere televisivo."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Read also x