Il consigliere per la sicurezza nazionale degli Stati Uniti ha affermato che gli Stati Uniti sono in trattative con l’Ucraina su un “risultato negoziale” con la Russia

Fumo e sporcizia fuoriescono dalla città di Severodonetsk, in Ucraina, durante i combattimenti del 14 giugno. (Aris Messinis/AFP/Getty Images)

Centinaia di civili che si rifugiano nell’impianto chimico di Azot a Severodonetsk non sono più in grado di evacuare a causa del bombardamento di artiglieria russo in corso, ha detto giovedì alla Galileus Web il governatore militare regionale di Luhansk in un’intervista telefonica.

Adesso è impossibile uscire da lì”, ha detto Serhi Heidi. Voglio dire, è fisicamente possibile, ma è molto pericoloso a causa dei continui bombardamenti e combattimenti.

“Se qualcuno esce, avrà una probabilità del 99% di morire”, ha aggiunto.

Heidi ha detto alla Galileus Web che 568 persone, tra cui 38 bambini, sono attualmente rifugiate nello stabilimento nell’Ucraina orientale.

Roman Vlasenko, capo dell’amministrazione militare della regione di Severodonetsk, ha detto mercoledì alla Galileus Web tramite messaggio di testo che i civili che si rifugiano ad Azot hanno scorte di cibo, ma non sono stati riforniti in due settimane. La maggior parte di coloro che si rifugiano lì sono dipendenti dell’impianto chimico, le loro famiglie e alcuni residenti locali, ha detto.

“Si sono nascosti là fuori dall’inizio”, ha detto alla CNN. “Ci sono veri rifugi là fuori.”

L’impianto di Azot è un enorme impianto chimico che prima della guerra era uno dei maggiori produttori di nitrato di ammonio, utilizzato come fertilizzante, nel Paese. Group DF, un conglomerato gestito dall’uomo d’affari ucraino Dmytro Vertash, ha affermato che l’impianto ha una capacità annua di oltre due milioni di tonnellate e produce anche prodotti come l’ammoniaca.

Questi composti, ovviamente, sono altamente esplosivi e dannosi per la salute umana. Ma il gruppo DF ha detto a marzo Si sono mossi rapidamente per mettere in sicurezza l’impianto quando è scoppiata la guerra alla fine di febbraio, e “non rappresenta un pericolo” per le aree circostanti e per i loro abitanti.

READ  Ondate di profughi ucraini attraversano il confine mentre il Segretario di Stato americano visita un centro di accoglienza in Polonia

“Dopo lo scoppio della guerra, la produzione è stata completamente interrotta”, ha affermato la società sul suo sito web. “Il resto dei prodotti finiti (fertilizzanti) e dei prodotti chimici sono stati completamente rimossi dal territorio dell’azienda al di fuori della regione di Luhansk”.

Heidi ha detto alla Galileus Web che le autorità hanno cercato di persuadere i civili che si erano rifugiati lì a lasciare la fabbrica il mese scorso, prima che i ponti principali fossero distrutti, ma molti erano convinti che sarebbe stato più sicuro rimanere fermi.

Non volevano andare, disse Heidi. Pensavano che fosse più sicuro per una ragione. L’ultima volta che ci siamo offerti di evacuare è stato un giorno o due prima che il primo ponte fosse distrutto [on May 21]. Il mio primo vice è venuto a parlare con loro, ma sfortunatamente non volevano andarsene”.

Ha detto che ci sono stati diversi casi di civili che hanno lasciato un rifugio, ad esempio per cucinare, e poi sono stati feriti o uccisi da un incendio in arrivo.

A partire da questa settimana, i tre ponti principali tra Severodonetsk e la vicina Lychansk sono resi impraticabili. Le strade esistono ancora tra le città, ha detto Heidi, ma richiedono più viaggi lungo i Siverskyi Donet e una maggiore esposizione al fuoco in arrivo.

Tuttavia, il fatto che queste strade esistano del tutto distingue lo stabilimento Azot dallo stabilimento Azovstal a Mariupol, dove civili e combattenti si sono rifugiati per settimane all’inizio di quest’anno. In quel caso, le forze russe circondarono gli ucraini su tre lati e il Mar d’Azov sul quarto.

La Russia ha dichiarato all’inizio di questa settimana che avrebbe aperto un “corridoio umanitario” per l’evacuazione dei civili presso la stazione, ma solo nel territorio controllato dalla Russia a nord, e non a Lyschansk, controllata dall’Ucraina, a ovest.

READ  Honey Trap: questo è il modo in cui i servizi segreti iraniani hanno attirato e rapito un dissidente iraniano a Istanbul

Heidi ha affermato che l’evacuazione sarebbe stata possibile solo se ci fosse stato un cessate il fuoco completo, ma era molto scettico su qualsiasi promessa fatta dalla Russia.

Funzionari ucraini hanno affermato che in momenti frequenti durante la guerra, le forze russe non hanno onorato le promesse di aprire corridoi di evacuazione, hanno spinto gli sfollati nel loro territorio e non hanno rispettato gli accordi di cessate il fuoco.

“Sento molto di quello che dicono, ma il 99% sono cazzate o bugie”, ha detto Heidi. Se c’è un cessate il fuoco completo, possiamo far uscire le persone. Ma non credo ai russi, tanto quanto mentono, tanto quanto hanno dato la loro parola e non l’hanno mantenuta. Ci sono molte prove del genere”.

Sergio Venezia

"Fanatico del web. Aspirante evangelista del bacon. Appassionato di musica esasperatamente umile. Lettore estremo. Pensatore amichevole. Pioniere televisivo."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Read also x