Il controllo della valvola Starliner continua a concentrarsi sulla reazione dell’umidità con il propellente

Huntsville, Ala. Il Boeing CST-100 Starliner era a poche ore dal lancio per il suo secondo volo di prova senza equipaggio all’inizio di agosto, quando le valvole bloccate nel sistema di propulsione del veicolo spaziale hanno costretto un lancio che si è trasformato in un ritardo che si estende fino al prossimo anno.

“La pillola è stata difficile da ingoiare”, ha detto John Vollmer, vicepresidente e responsabile del programma per il programma commerciale dell’equipaggio di Boeing, del ritardo in una recente intervista. La società ha lavorato per un anno e mezzo per correggere i problemi software che hanno interrotto un primo volo di prova senza equipaggio, chiamato Orbital Flight Test (OFT), nel dicembre 2019.

“Abbiamo fatto molti test nello show. Ci siamo sentiti a nostro agio. Quel tipo di dolore perché non era qualcosa che ci aspettavamo”, ha detto.

Boeing continua a indagare sul motivo per cui le 13 valvole rimangono in posizione chiusa. Il motivo principale è che il propellente del tetrossido di azoto (NTO), che filtra attraverso la valvola, reagisce con l’umidità e crea ossido nitrico, che corrode la valvola.

“Abbiamo sviluppato un ampio albero degli errori per identificare e considerare ogni possibilità di ciò che potrebbe essere”, ha affermato. “Siamo al 75% attraverso quell’albero dei bug. Stiamo colpendo le scatole.”

Questa indagine è condotta da un team che include la NASA, nonché Aerojet Rocketdyne, che fornisce il sistema di propulsione sullo Starliner, e Marotta, che produce le valvole su quel sistema di propulsione.

Il prossimo passo nell’indagine è rimuovere diverse valvole dal veicolo spaziale per un’analisi approfondita. Le valvole saranno inviate al Marshall Space Flight Center della NASA per le scansioni TC e ulteriori test, ha affermato Michael Parker, vicepresidente e capo ingegnere spaziale e di lancio di Boeing.

READ  La navicella spaziale Lucy della NASA trasporterà le parole dei Beatles nello spazio

Uno dei problemi più grandi è il motivo per cui l’usura è apparsa su questo veicolo spaziale quando non è stato visto nel primo volo di prova senza equipaggio o in altri test a terra del veicolo spaziale. “Lo stavamo guardando da vicino”, ha detto. “Questi sono gli stessi fusibili, gli stessi numeri di parte, che avevamo al lancio della nostra unità di servizio, nel test del foglio di alluminio nel New Mexico e OFT-1. Non ci sono state modifiche a quei fusibili. “

Le differenze tra OFT-1 e OFT-2 che l’azienda sta prendendo in considerazione includono quanto tempo il propulsore NTO ha trascorso nei serbatoi del veicolo spaziale prima del lancio e l’umidità che potrebbe aver contribuito all’umidità che ha interagito con l’NTO.

Un fattore che l’azienda ha escluso è il fatto che il veicolo spaziale OFT-2 sia stato utilizzato per la prima volta in una serie di test ambientali chiamati Environmental Qualification Test (EQT). “Abbiamo fatto una serie di cose per cancellare l’EQT”, ha detto Parker. Ad esempio, alcune valvole sono state sostituite dopo quei test. “Anche quelle valvole che erano le ultime valvole non EQT avevano questo problema”.

La perdita di NTO attraverso la valvola non è imprevista. “Questo è qualcosa che è noto con l’NTO che penetra attraverso le guarnizioni in teflon”, ha detto Vollmer. “Abbiamo visto qualcosa di questo nel programma Shuttle e penso che la NASA l’abbia testato in altri programmi. È davvero una combinazione di NTO e umidità”.

Ha aggiunto che l’indagine stava esaminando se ci fossero incompatibilità relative ai materiali nelle valvole che non erano state identificate nelle analisi precedenti, “o se fosse solo l’eccesso di umidità che abbiamo riscontrato”.

READ  "Migliori piogge di meteoriti dell'anno": Perseid raggiunge il suo apice questa settimana

Boeing sta ancora valutando opzioni che vanno dalle riparazioni all’unità di servizio attualmente installata alla sostituzione dell’intera unità di servizio con una in costruzione per la missione Crew Flight Test. Vollmer ha affermato che la riparazione dell’unità di servizio fornisce il percorso più veloce per un nuovo tentativo di lancio. “Il nostro obiettivo è tornare al volo in sicurezza il prima possibile”.

Indipendentemente dal fatto che il modulo di servizio venga riparato o sostituito, ha affermato, il prossimo tentativo di lancio avrà luogo solo a metà del 2022. “Ci sono alcuni modi potenziali per accelerarlo”, ha affermato, in particolare se l’indagine non ha successo. Ancora più sorprese. “C’è una possibilità che saremo in grado di volare prima della metà del 2022, ma questo non è stato ancora determinato”.

La società sta già esaminando potenziali azioni correttive anche se le indagini continuano. “Stiamo cercando di garantire che l’umidità non penetri nelle valvole. Stiamo valutando la durata della permanenza della NTO nel sistema”, ha affermato Parker. “Stiamo esaminando la possibilità di aggiungere riscaldatori alle valvole, consentendoci di liberare questi prodotti se vengono creati.”

Il problema della valvola è l’unico lavoro in corso a bordo della navicella spaziale Starliner al momento. “Non abbiamo ancora aperto la portiera. L’auto è ancora completamente assemblata”, ha detto Vollmer. “Stiamo cercando di mantenere tutto com’era. Non stiamo lavorando su altri problemi”.

Ha elogiato il team Starliner per essere andato avanti nonostante quest’ultima battuta d’arresto, che ha ritardato la missione OFT-2 fino a un anno. “Il morale è stato sorprendentemente positivo considerando che abbiamo avuto un paio di eventi deludenti qui”, ha detto. “La squadra ha mantenuto un atteggiamento positivo”.

READ  Il lancio di SpaceX Crew-3 è stato nuovamente posticipato, questa volta fino al 10 novembre

Giustina Rizzo

"Professionista di musica estrema. Twitter geek. Aspirante fanatico di viaggi. Nerd appassionato di alcol."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x