Il corridore olimpico bielorusso ha utilizzato Google Translate per cercare aiuto a Tokyo

La runner olimpica bielorussa, che temeva rappresaglie a casa dopo aver criticato pubblicamente i suoi allenatori a Tokyo 2020, ha usato il suo telefono per tradurre una richiesta di aiuto e l’ha mostrata alla polizia giapponese mentre cercava di evitare di essere costretta a salire su un aereo.

Kristina Tsimanoskaya giovedì ha descritto la drammatica catena di eventi alle Olimpiadi che l’ha spinta a non tornare in Bielorussia, dove un governo autoritario perseguita incessantemente i suoi critici. Invece, è fuggita in Polonia ed è arrivata mercoledì.

Durante una conferenza stampa a Varsavia giovedì, Tsimanoskaya ha dichiarato che le è stato chiesto di fare le valigie domenica dopo aver pubblicato un messaggio sui social media in cui criticava il modo in cui viene gestita la sua squadra. Ha detto che i funzionari della squadra le hanno detto di dire che era ferita e di tornare a casa presto.

Sulla strada per l’aeroporto, ha parlato brevemente con sua nonna, che ha spiegato che c’era un enorme contraccolpo contro di lei nei media bielorussi, compresi i rapporti secondo cui era malata di mente. Ha detto che sua nonna le ha consigliato di non tornare indietro. I suoi genitori le hanno suggerito di andare in Polonia.

Kristina Tsimanoskaya della Bielorussia gareggia nei 100 metri femminili a Tokyo 2020 il 30 luglio 2021. (Martin Meisner/The Associated Press)

Usi Google Traduttore per chiedere aiuto

Tsimanousskaya ha detto che quando è arrivata all’aeroporto, ha chiamato la polizia per chiedere aiuto, usando Google Translate per trasmettere la sua supplica in giapponese.

All’inizio non capirono e un funzionario bielorusso chiese cosa stesse succedendo. Ha affermato di aver dimenticato qualcosa al Villaggio Olimpico e di dover tornare indietro. Alla fine la polizia l’ha portata via dai funzionari bielorussi.

Trova live streaming, video imperdibili, ultime notizie e altro ancora in un unico pacchetto perfetto per le Olimpiadi. Seguire il Team Canada non è mai stato così facile o più emozionante.

Altro da Tokyo 2020

Man mano che il dramma si diffondeva, i paesi europei si offrivano di aiutare Tsimanousskaya e il precedente è finito nell’ambasciata polacca, dove le è stato concesso un visto umanitario.

Molti attivisti bielorussi sono fuggiti in Polonia per evitare una brutale repressione del dissenso da parte del governo del presidente Alexander Lukashenko.

E il coordinatore della politica estera dell’Unione Europea, Josep Borrell, ha twittato di essere “rassicurato nel vedere che la giocatrice Kristina Tsimanuskaya è arrivata sana e salva in Polonia”.

Si è anche rammaricato che “un’altra donna bielorussa sia stata costretta a fuggire dal suo Paese a causa delle azioni del regime di Lukashenko e della violazione della tregua olimpica”.

Sprinter chiede ai bielorussi di “parlare”

Alla conferenza stampa di giovedì, Tsimanskaya ha ringraziato le persone che l’hanno sostenuta durante lo stallo.

“Era il mondo intero, e queste persone mi rendono molto più forte”, ha detto.

Dice che ora si sente al sicuro e ha anche un messaggio per i suoi colleghi bielorussi.

“Voglio dire a tutti i bielorussi di non avere paura e, se sono sotto pressione, di parlare”, ha detto il corridore, che ha parlato in inglese e russo durante la conferenza stampa.

Tuttavia, ha espresso preoccupazione per la sicurezza della sua famiglia a casa.

Suo marito, Arseny Zhdanievich, è fuggito dalla Bielorussia questa settimana, poco dopo che sua moglie ha annunciato che non sarebbe tornata. Anche la Polonia gli ha concesso un visto.

Le forze dell’ordine bielorusse seguono i partecipanti a una manifestazione dell’opposizione che chiede le dimissioni del presidente bielorusso Alexander Lukashenko a Minsk il 30 novembre 2020. (Reuters)

Tutti gli occhi sono puntati sul governo autoritario della Bielorussia

Gli eventi hanno portato maggiore attenzione sul governo autoritario e implacabile della Bielorussia.

Quando il paese è stato scosso da mesi di proteste a seguito delle elezioni che hanno dato a Lukashenko un sesto mandato ma sono state ritenute fraudolente dall’opposizione e dall’Occidente, le autorità hanno risposto con un giro di vite radicale.

Circa 35.000 persone sono state arrestate e migliaia di manifestanti sono stati picchiati. Il governo ha preso di mira anche media indipendenti e esponenti dell’opposizione.

In segno di quanto le autorità siano disposte a mettere a tacere i loro critici, i funzionari bielorussi hanno dirottato un aereo passeggeri verso la capitale, Minsk, a maggio e hanno arrestato un giornalista dissidente a bordo.

Il CIO apre il caso alle affermazioni del corridore

Mentre le critiche di Tsimanoskaya erano rivolte ai funzionari della squadra, la sua sfida potrebbe non allinearsi bene con le autorità politiche.

Lukashenko, che ha guidato il Comitato Olimpico Nazionale della Bielorussia per quasi un quarto di secolo prima di cedere l’incarico a suo figlio a febbraio, nutre un vivo interesse per questo sport, considerandolo una componente essenziale del prestigio nazionale.

Ma Tsimanoskaya ha insistito sul fatto che non era un’attivista politica, non aveva mai avuto intenzione di fuggire dalla Bielorussia e voleva solo che le fosse permesso di partecipare al suo evento preferito alle Olimpiadi.

Il confronto è iniziato dopo che lei si è lamentata che avrebbe dovuto prendere parte a una gara a cui non aveva mai partecipato prima.

Tsimanskaya ha chiesto un’indagine su quanto accaduto e il CIO ha affermato di aver aperto un caso disciplinare per “stabilire i fatti” della sua situazione.

La runner olimpica bielorussa Kristina Tsimanoskaya tiene in mano una maglietta con lo slogan “Voglio solo correre” dopo una conferenza stampa a Varsavia giovedì. (Charik Sokolowski/The Associated Press)

E il Comitato Olimpico Internazionale ha dichiarato, venerdì, di aver rimosso dai Giochi gli allenatori della nazionale bielorussa per partecipare al tentativo di riportare a casa il corridore.

Il Comitato Olimpico Internazionale ha dichiarato di aver revocato le credenziali di Artur Simak e Yuri Mysevic.[in] interesse per il benessere degli atleti del Comitato Olimpico Nazionale della Bielorussia che rimangono a Tokyo e come misura temporanea”.

“Agli allenatori è stato chiesto di lasciare immediatamente il Villaggio Olimpico e lo hanno fatto”, ha detto il Cio in una nota.

Simak e Mysevic sono in contatto con gli atleti bielorussi da domenica dopo che il CIO li ha collegati al trasporto di Tsimanskaya in auto all’aeroporto.

Il CIO afferma che gli uomini “avranno l’opportunità di essere ascoltati” dal suo comitato disciplinare, che sta indagando sul caso.

Volevo solo correre alle Olimpiadi

Il principale rivale dell’opposizione di Lukashenko nelle contestate elezioni dello scorso agosto ha affermato che il caso Tsimanoskaya ha mostrato fino a che punto il suo governo si sarebbe spinto.

“Il messaggio ora è che anche se non sei coinvolto in un movimento di opposizione, anche se non hai mai partecipato a nessuna manifestazione, ma dimostri la tua slealtà al regime perché non accetti le misure, sei sotto attacco”. Svetlana Tikanovskaya ha dichiarato in un’intervista all’Associated Press.

La runner 24enne ha detto di non aver preso in considerazione la possibilità di chiedere asilo politico e spera di tornare a casa un giorno quando sarà sicuro.

Tsimanskaya ha anche detto che vuole sapere presto come può continuare la sua carriera sportiva. Ha detto che venerdì avrebbe parlato con i funzionari polacchi dei suoi prossimi passi.

“Volevo solo correre alle Olimpiadi, era il mio sogno”, ha detto. “Spero ancora che questa non sia l’ultima Olimpiade della mia vita”.

READ  Trump ha posto il veto alla legge sulla spesa per la difesa, che il Congresso ha già approvato a larga maggioranza

Sergio Venezia

"Fanatico del web. Aspirante evangelista del bacon. Appassionato di musica esasperatamente umile. Lettore estremo. Pensatore amichevole. Pioniere televisivo."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x