Il cricket porta gioia ai migranti bloccati in Bosnia

Canti allegri sono riecheggiati in un campo per richiedenti asilo in Bosnia questa settimana mentre dozzine di adolescenti e giovani uomini mettono da parte le loro lotte quotidiane per il cricket.

I giocatori assorbiti dalla partita correvano su un pavimento improvvisato stringendo mazze di legno o lanciando palle. Altri hanno sostenuto le squadre applaudendo di lato con i volti splendenti.

“È stata una bella partita!” Sift, un richiedente asilo afghano, ha detto.

“Domani abbiamo il torneo finale!” Muhammad Jahanzeb, che viene dal Pakistan, ha partecipato a questo.

L’opportunità di rilassarsi e divertirsi al campo di Blazuj nella capitale bosniaca, Sarajevo, è resa possibile grazie a un gruppo umanitario con sede a Roma che ha portato l’attrezzatura da cricket donata a rifugiati e migranti nel Paese balcanico.

Andrea Costa, presidente di Baobab Experience, ha dichiarato all’Associated Press che gli attivisti hanno avuto l’idea dagli stessi richiedenti asilo, in particolare da quelli provenienti da Pakistan, Bangladesh o India, dove il cricket è uno sport nazionale.

Migliaia di persone in fuga da guerre e povertà in Medio Oriente, Africa e Asia sono bloccate da mesi, se non anni, in Bosnia in attesa di un’opportunità per spostarsi verso l’Europa occidentale. Dalla Bosnia, i migranti tentano prima di attraversare la Croazia, il paese confinante dell’Unione europea, prima di proseguire verso i paesi più ricchi dell’Unione europea.

“Parlando con tanti giovani … è stato naturale chiedere loro cosa gli manca di più e cosa vogliono”, ha detto Costa. “Proprio come un ragazzo italiano chiede un pallone da calcio e gioca a calcio, dicono che perdono una partita di cricket”.

Costa e il suo team si sono diretti in Bosnia dopo aver raccolto donazioni dalle ambasciate di Regno Unito, India e Pakistan a Roma e dalle comunità di quei paesi in Italia, secondo Costa. Insieme a Sarajevo, l’attrezzatura è stata consegnata a Tuzla, nella Bosnia centrale.

READ  Il Gruppo Mahindra apre un centro di design avanzato per prodotti per la mobilità nel Regno Unito

“Il nostro prossimo passo con il cricket sarà tornare in Italia, tornare in Europa e dire che gli immigrati erano molto felici”, ha detto Costa.

Tra coloro che hanno aspettato con impazienza l’arrivo dei pacchi c’era Ali Shima, che ha detto di aver iniziato a giocare a cricket quando aveva sette anni e di aver giocato per diversi club nel suo paese d’origine, il Pakistan.

Ora ha 24 anni, vive in Bosnia da due anni. Quando l’auto con l’attrezzatura da cricket si è fermata a Tuzla, era lì per aprire borse piene di mazze, bastoni, guanti, maglie e cappelli.

“Giocheremo una partita di cricket il prima possibile”, ha detto, spiegando che in precedenza, “tagliamo un po ‘di legno” per fare mazze. Un giorno dopo, Shima ei suoi amici vengono visti allenarsi in uno stadio di Tuzla.

“Ho deciso di andare dal Pakistan per seguire i miei sogni”, ha detto Sheema. “Mi piacerebbe andare in Inghilterra e continuare a giocare a cricket, perché ero un giocatore di cricket in Pakistan e non avevo abbastanza possibilità”.

Costa ha detto che la sua organizzazione intende fare di più per aiutare i giovani immigrati stranieri in Bosnia a fare sport e “passare la giornata con le cose che amano”.

“Prima di tutto, pensiamo che sia un loro diritto raggiungere il loro obiettivo, ed è un loro diritto raggiungere l’Europa”, ha detto Costa. “In secondo luogo, la nostra organizzazione ritiene che da quando hanno attraversato questi paesi, deve essere fatto ogni sforzo per aiutarli a sentirsi i benvenuti e rimanere in forma”.

Melania Cocci

"Guru del cibo. Fanatico del bacon. Appassionato di tv devoto. Specialista di zombi. Appassionato di cultura pop freelance."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x