― Advertisement ―

spot_img

Studio: la Via Lattea potrebbe essere più grande del previsto

Kunming, 12 luglio 2020 (Xinhua) -- Gli scienziati hanno affermato che la Via Lattea potrebbe essere più grande di quanto precedentemente previsto e avere...
HomescienceIl declino dell'anidride carbonica atmosferica 200 milioni di anni fa ha aiutato...

Il declino dell’anidride carbonica atmosferica 200 milioni di anni fa ha aiutato i dinosauri a migrare dal Sud America alla Groenlandia

I dinosauri sauropodi sono apparsi in Sud America circa 230 milioni di anni fa, ma nonostante vivessero nel supercontinente Pangea, ci sono voluti 15 milioni di anni per raggiungere la Groenlandia, un tempo che avrebbe dovuto richiedere 20 anni.

Un team della Columbia University suggerisce che un “fenomeno climatico” potrebbe aver permesso alle enormi creature di compiere finalmente il viaggio.

La Terra ha subito un “massiccio” ritiro nell’atmosfera di anidride carbonica (CO2) nel momento in cui la fotosintesi è migrata 214 milioni di anni fa.

Le elevate condizioni di anidride carbonica avrebbero reso le regioni del Sud America troppo aride per supportare i movimenti dei grandi dinosauri, che li intrappolano nelle regioni temperate.

Ma una volta che il clima è cambiato, i dinosauri dal collo lungo sono riusciti a coprire 6.500 miglia.

I dinosauri sauropodi sono apparsi in Sud America circa 230 milioni di anni fa, ma nonostante vivessero nel supercontinente Pangea, ci sono voluti 15 milioni di anni per raggiungere la Groenlandia, quando avrebbero dovuto impiegarci 20 anni.

“In linea di principio, i dinosauri avrebbero potuto spostarsi da un polo all’altro all’incirca”, ha detto Denise Kent, assistente ricercatore presso il Lamont-Doherty Earth Observatory della Columbia University.

Non c’era oceano tra di loro. Non c’erano grandi montagne. Eppure ci sono voluti 15 milioni di anni. È come se le lumache potessero farlo più velocemente.

Kent osserva inoltre che se uno stormo si spostasse di un miglio al giorno, ci vorrebbero meno di 20 anni per raggiungere la Groenlandia dal Sud America.

READ  Goditi la bellezza colorata di un atterraggio perseverante con il permesso dei talentuosi Mars Lovers

Gli scienziati sono rimasti a lungo perplessi sul motivo per cui c’è stato un così grande divario di tempo da quando le immagini e i podomorfi sono apparsi per la prima volta in Argentina e in Brasile e poi in Groenlandia.

Lo suggerisce un team della Columbia University

Un team della Columbia University suggerisce che un “fenomeno climatico” potrebbe aver permesso alle enormi creature di compiere finalmente il viaggio. La Terra ha subito una massiccia riduzione del biossido di carbonio atmosferico (CO2) nel momento in cui il fotospodomorfo migrò 214 milioni di anni fa.

Stime precedenti indicano che gli erbivori dal collo lungo raggiunsero la Groenlandia tra 225 milioni e 205 milioni di anni fa.

Poiché i fossili mostrano che sono apparsi per la prima volta in Sud America circa 230 milioni di anni fa, gli esperti non erano sicuri di quando i dinosauri avessero compiuto il viaggio e perché un viaggio così lungo.

Kent, insieme a Lars Clemensen dell’Università di Copenaghen, ha analizzato gli antichi schemi magnetici negli strati rocciosi di siti fossili in Sud America, Arizona, New Jersey, Europa e Groenlandia per restringere una data più precisa.

Questi risultati mostrano che il sauropodomorfo è apparso in quella che oggi è la Groenlandia circa 214 milioni di anni fa.

Il team ha quindi esaminato il clima durante questo periodo di tempo e ha scoperto che la Terra stava subendo una diminuzione del biossido di carbonio.

Questi risultati mostrano che il sauropodomorfo è apparso in quella che oggi è la Groenlandia circa 214 milioni di anni fa.  Il team ha quindi esaminato il clima durante questo periodo di tempo e ha scoperto che la Terra stava subendo una diminuzione del biossido di carbonio.  Nella foto è un fossile scoperto in Groenlandia

Questi risultati mostrano che il sauropodomorfo è apparso in quella che oggi è la Groenlandia circa 214 milioni di anni fa. Il team ha quindi esaminato il clima durante questo periodo di tempo e ha scoperto che la Terra stava subendo una diminuzione del biossido di carbonio. Nella foto è un fossile scoperto in Groenlandia

READ  Lo studio suggerisce che il virus dell'influenza stagionale H1N1 potrebbe essere un discendente diretto del ceppo influenzale del 1918 che ha causato una pandemia influenzale globale.

Fino a circa 215 milioni di anni fa, il periodo Triassico ha visto un drammatico aumento dei livelli di anidride carbonica, a circa 4.000 parti per milione, circa 10 volte superiore rispetto a oggi. Ma tra 215 e 212 milioni di anni, la concentrazione di anidride carbonica è stata dimezzata, fino a circa 2.000 parti per milione.

Nello studio, i ricercatori suggeriscono che i livelli moderati di anidride carbonica potrebbero aver contribuito a rimuovere le barriere climatiche che potrebbero aver circondato il Saurapodomorph in Sud America.

Sulla terraferma, le aree intorno all’equatore sono calde e umide, mentre le aree adiacenti alle latitudini inferiori tendono ad essere molto secche.

Kent e Clemensen affermano che su un pianeta pieno di anidride carbonica, le differenze tra quelle fasce climatiche potrebbero essere nette – e forse troppo intense perché i dinosauri sauropodomorfi le attraversino.

“Sappiamo che con l’aumento del biossido di carbonio, la siccità diventa più secca e l’umidità più umida”, ha detto Kent.

I ricercatori notano che 230 milioni di anni fa, livelli elevati di anidride carbonica avrebbero potuto rendere alcune aree troppo secche per gli enormi dinosauri, oltre a diminuire la copertura vegetale delle creature necessarie per sopravvivere.

Tuttavia, poiché tali condizioni causano pioggia e monsoni ai tropici, i dinosauri non erano in grado di viaggiare lontano dalle loro regioni temperate.

I livelli più elevati di anidride carbonica avrebbero reso alcune aree troppo secche per gli enormi dinosauri, oltre a diminuire la vegetazione di cui gli organismi avevano bisogno per sopravvivere.  Ma quando i livelli sono scesi da 215 milioni di anni fa a 212 milioni di anni fa, potrebbero aver spostato i tropici in aree più miti e i luoghi asciutti meno più secchi.  Nella foto c'è una scogliera nel bacino di Jameson Land nella Groenlandia centro-orientale, il luogo più settentrionale dove sono stati trovati i fossili di Sorobodomorph.

I livelli più elevati di anidride carbonica avrebbero reso alcune aree troppo secche per gli enormi dinosauri, oltre a diminuire la vegetazione di cui gli organismi avevano bisogno per sopravvivere. Ma quando i livelli sono scesi da 215 milioni di anni fa a 212 milioni di anni fa, potrebbero aver spostato i tropici in aree più miti e i luoghi asciutti meno più secchi. Nella foto c’è una scogliera nel bacino di Jameson Land nella Groenlandia centro-orientale, il luogo più settentrionale dove sono stati trovati i fossili di Sorobodomorph.

READ  L'aurora boreale in primo piano? Le macchie solari giganti raddoppiarono di dimensioni e si diressero verso la Terra

Ma quando i livelli sono scesi da 215 milioni di anni fa a 212 milioni di anni fa, potrebbero aver spostato i tropici in aree più miti e i luoghi asciutti meno più secchi.

Il team osserva inoltre che potrebbero essere stati percorsi da erbivori lungo il viaggio di 6.500 miglia verso la Groenlandia, dove i loro fossili sono ora abbondanti.

All’epoca, la Groenlandia aveva un clima temperato simile a quello dell’attuale Stato di New York, ma con inverni più miti, perché a quel tempo non c’erano calotte polari.

Kent ha detto: “ Una volta arrivati ​​in Groenlandia, sembrava che si fossero stabiliti. “Dopo di che furono appesi come una lunga documentazione fossile.”