Il Dipartimento di Giustizia dovrebbe emettere una nota interna pubblica commissionata da Barr per analizzare se incriminare Trump nell’indagine sulla Russia

La sentenza della Corte d’Appello del Circuito della Capitale arriva in una causa intentata da un watchdog del governo che cerca di ottenere la versione inalterata del memorandum. Il Dipartimento di Giustizia ha sostenuto che alcune delle parti riviste dovrebbero essere protette dalla vista del pubblico.

Ma la corte d’appello federale non ha accolto tale argomentazione, ritenendo che Barr non avesse mai seriamente considerato di accusare Trump di ostacolare il dossier. Indagine Muller – Affermare nella sentenza che il verbale ordinato dall’avvocato è un “esercizio accademico” e un “esperimento mentale”.
L’indagine del consigliere speciale Robert Mueller ha rilevato diversi casi in cui le azioni di Trump durante la presidenza potrebbero soddisfare i requisiti ostruzione all’accusa di giustiziama Mueller ha lasciato la decisione a Barr.

Barr ha poi detto al Congresso che si stava “consultando” con alti funzionari del Dipartimento di Giustizia per sapere se ci fossero prove sufficienti per dimostrare che Trump ha commesso un’ostruzione. Ma questo era fuorviante, lo hanno riscontrato i tribunali e da allora il ministero della Giustizia lo ha riconosciuto.

Barr aveva già deciso che l’incumbent non sarebbe stato accusato di un crimine, ha scritto nel nuovo parere il giudice capo Sri Srinavasan del circuito DC.

DC Circuit ha paragonato l’analisi delle accuse di Trump che Barr ha chiesto all’Office of Legal Counsel del Dipartimento di Giustizia e ad altri per chiedergli una posizione amministrativa sul fatto che il defunto presidente Richard Nixon abbia infranto la legge durante il Watergate – una richiesta fittizia che potrebbe essere fatta ” perché [the attorney general] Era solo una curiosità”, ha scritto la Corte d’Appello.

READ  Centinaia di persone salvate dall'incendio di un grattacielo di Hong Kong, 13 portate in ospedale

La corte alla fine si è pronunciata insieme al gruppo Citizens for Responsibility and Ethics con sede a Washington dopo che il Dipartimento di Giustizia ha cercato di sostenere che le sue revisioni sono ancora in vigore perché proteggono le deliberazioni legali. La corte ha stabilito che tali deliberazioni statutarie non esistevano in questa circostanza, in accordo con il giudice della Corte di grado inferiore Amy Berman Jackson.

Sergio Venezia

"Fanatico del web. Aspirante evangelista del bacon. Appassionato di musica esasperatamente umile. Lettore estremo. Pensatore amichevole. Pioniere televisivo."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Read also x