Il dolore di Haiti per le crisi politiche ed economiche croniche ostacolano la risposta ai disastri dopo il terremoto

Il lutto incombe sul paesaggio nel sud-ovest di Haiti, dove un terremoto di magnitudo 7,2 la scorsa settimana ha devastato molti villaggi rurali. Con l’area che seppellisce i dispersi, i vivi soffrono per i tanto necessari aiuti che ancora arrivano a malapena.

Questa è l’ultima tragedia di Haiti, ma è solo un altro strato della sua continua sofferenza.

Nella lontana capitale, Port-au-Prince, la vita vacilla in mezzo a povertà estrema, caos crescente, infrastrutture inadeguate e governo inefficace.

Gli haitiani sono abituati a questo [living] Non c’è stato, nessun governo, ha detto Jacqui Lemarque, preside della Quisquoia University di Port-au-Prince, che una volta ha cercato di candidarsi alla presidenza, con l’intesa che non c’è stato, nessun governo.

Jackie LeMarque è il presidente della Quisquoia University di Port-au-Prince, che organizza cliniche mobili per alcune delle aree colpite dal recente terremoto e sta restaurando preziosi manufatti culturali danneggiati nel terremoto del 2010, incluso il dipinto lasciato alle spalle. (Eileen Mauro/CBC)

“Se tu stesso sei in un disastro, non puoi aiutare le persone in un disastro e il governo in un disastro”.

Un devastante vuoto di potere è stato esacerbato da un devastante terremoto – una triste realtà che alimenta una crescente rassegnazione che l’aiuto di cui molti hanno bisogno potrebbe non arrivare mai.

Guarda | Gli sforzi di risposta al terremoto affrontano due crisi politiche ed economiche ad Haiti:

La risposta al terremoto di Haiti ostacolata dalla crisi economica

La crisi economica e politica in corso ha ostacolato la risposta al devastante terremoto della scorsa settimana e gli esperti affermano che il futuro del paese rimane incerto. 3:55

“È come se la natura fosse contro di noi”

È difficile che un terremoto arrivi in ​​un momento peggiore.

Il 7 luglio, poco più di un mese prima del terremoto, il presidente haitiano Jovenel Moise è stato assassinato nella sua casa. Le origini della trama rimangono poco chiare, ma anche prima dell’omicidio Haiti era impantanata in una crisi politica sempre più profonda.

Non c’è stato un parlamento in carica per più di un anno dopo che il paese non è riuscito a tenere nuove elezioni, permettendo a Moss di governare per decreto. I critici lo hanno criticato come un autocrate fiorente. Grandi proteste sono scoppiate chiedendo le sue dimissioni.

I cartelloni pubblicitari del presidente haitiano Jovenel Moise, assassinato a luglio, sono ancora sparsi per la capitale, Port-au-Prince. (Eileen Mauro/CBC)

Dopo l’assassinio, il primo ministro Ariel Henry, nominato da Moyes appena due giorni prima della sua morte, divenne de facto il sovrano di Haiti dopo una breve lotta di potere.

Henry ha annunciato che a novembre si sarebbero tenute nuove elezioni, ma questo era prima del terremoto. Ora, la cronologia è oscura.

ha detto Fritz Jan, un ex primo ministro ad interim che è stato anche governatore della banca centrale di Haiti.

“Quello a cui stiamo assistendo ora è un paese in ginocchio”.

Poi è arrivato il terremoto.

“È come se la natura fosse contro di noi”, ha detto Fritz.

Una donna lava i suoi vestiti in un campeggio a Les Cayes, Haiti, il 18 agosto, quattro giorni dopo che un terremoto di magnitudo 7,2 ha colpito il sud-ovest. (Eileen Mauro/CBC)

in un Intervista a Radio Canada Questa settimana Henry ha ammesso che Haiti è assolutamente impreparata a rispondere alle conseguenze del terremoto.

“Siamo un paese del terzo mondo”, ha detto Henry. “Non abbiamo molte risorse”.

Così, dopo il terremoto, migliaia di persone restano senza casa, vivono in squallidi campi di fortuna o dormono accanto alle rovine delle loro case. Per molti, cibo e acqua scarseggiano, e così anche la speranza, poiché il dolore sembra indefinito.

strati di crisi

Haiti ha un passato orgoglioso ma una storia difficile.

Durante la Rivoluzione haitiana, gli schiavi si liberarono dei loro governanti francesi in quella che è stata descritta come l’unica ribellione di schiavi di successo nella storia. Ma la Repubblica di Haiti è stata sovraccaricata fin dall’inizio.

Per preservare la sua ritrovata libertà e respingere un’invasione francese, Haiti ha dovuto pagare circa 25 miliardi di dollari in dollari odierni per risarcire gli ex proprietari di schiavi, un debito che non sarebbe stato ripagato fino al 1947, più di un secolo dopo.

ascolta | Come la rivoluzione haitiana ha dato origine al movimento Black Lives Matter:

Idee53:59Cosa è comune? E qual è il bene?

La rivoluzione haitiana del 1791 ha prodotto idee sulla liberazione dei neri e sul bene comune che hanno guidato le lotte per la libertà in tutto l’Atlantico nero. IDEAS traccia questo lignaggio e come si relaziona al movimento Black Lives Matter oggi. *Questo episodio è andato in onda il 6 aprile 2021 e fa parte della serie The Common Good. 53:59

Haiti è il paese più povero dell’emisfero occidentale, con il 60% della popolazione che vive al di sotto della soglia di povertà. Il popolo haitiano ha vissuto decenni di disordini politici, punteggiati da corruzione, periodi di occupazione straniera e catastrofici disastri naturali.

Molti haitiani dividono le loro vite in due categorie: prima e dopo il 12 gennaio 2010. Quel giorno, Port-au-Prince è stata colpita da un terremoto di magnitudo 7.0 che ha ucciso più di 200.000 persone in tutta la regione.

Una coppia esamina i danni alle case di Port-au-Prince, Haiti, il 17 gennaio 2010, giorni dopo che un terremoto di magnitudo 7.0 ha devastato la capitale e alla fine ha ucciso più di 200.000 persone. (Adrian Wild/The Canadian Press)

Il terremoto è stato seguito da un’epidemia di colera su vasta scala Associato a una missione di pace delle Nazioni Unite che ha ucciso altri 7.000.

Haiti non si è mai veramente ripresa e le sue vulnerabilità di vecchia data sono state solo esacerbate dal disastro. Miliardi di dollari in aiuti sono affluiti, ma si dice che sia stato mal gestito, sia dalle agenzie umanitarie che dal governo haitiano, e che abbia fatto poca differenza sulla qualità della vita.

Mentre il bilancio delle vittime di questo ultimo terremoto è molto più basso rispetto al 2010, l’ambiente politico ad Haiti 11 anni dopo è diventato molto peggiore, ostacolando la sua capacità di aiutare a coordinare gli aiuti alle aree colpite.

Il controllo statale è così debole che gran parte della risposta alle emergenze viene effettuata per via aerea, con bande che controllano la strada principale da Port-au-Prince all’area del disastro.

L’Onu ha cercato di negoziare con le bande per creare un corridoio umanitario, ma la situazione è fragile.

“La mancanza di sicurezza è diventata troppa”, ha ammesso Henry a Radio Canada. “Siamo determinati a diventare ancora una volta un Paese in cui le persone possano muoversi liberamente”.

Le organizzazioni umanitarie e le fondazioni private stanno cercando di colmare il divario, ma ciò che sta accadendo ora è frammentario e insufficiente.

Persone scaricano aiuti umanitari da un elicottero dell’esercito americano all’aeroporto di Les Cayes, Haiti, il 22 agosto. (Matthias Delacroix/The Associated Press)

L’Università Quisqueya di Le Marque sta organizzando cliniche mobili da inviare in alcune delle zone più colpite. Sta inoltre restaurando preziosi manufatti culturali danneggiati dal terremoto del 2010.

Nonostante la profonda disperazione che ora sta travolgendo l’area del disastro, le Marche affermano che anche i giorni più difficili potrebbero arrivare quando è il momento di provare a ricostruire.

“La fase più difficile è la fase della ricostruzione”, ha detto, perché a quel tempo non c’era più l’interesse dei media internazionali nel Paese e “tutti ti dimenticano, anche il tuo governo”.

opportunità di imparare

La sfida che Haiti deve affrontare per uscire dallo stallo verso un futuro più stabile è sconcertante.

“Le persone scappano perché non possono trovare lavoro, perché lo stato non può fornire l’ambiente per creare ricchezza nel paese”, ha detto Jan. “Lo Stato non ha modo di fornire servizi”.

Questa chiesa di 300 anni a Cavaillon, Haiti, è stata distrutta in pochi secondi durante il terremoto all’inizio di questo mese. (Paul Smith/CBC)

Il paese ha bisogno di elezioni per ripristinare la democrazia, ma data l’attuale situazione economica e di sicurezza, è quasi certamente impossibile tenerle prima del prossimo anno.

Alcuni vogliono più aiuti internazionali per stabilizzare il Paese. Altri temono più influenze esterne.

Ciò che serve è un’opportunità per il Paese di riunirsi e riprendere fiato, ha affermato Le Marc.

“Tutti dovrebbero essere al tavolo, ascoltare tutti e progettare una strategia: primo per una nuova costituzione, secondo per la sicurezza e terzo, elezioni.

“C’è un’opportunità per imparare da questi disastri e diventare più forti”.

Le persone lavorano per rimuovere le macerie a Cavaillon, Haiti, dopo che un terremoto ha colpito il sud-ovest del paese il 14 agosto. (Paul Smith/CBC)

READ  Le bande ad Haiti offrono aiuto per i soccorsi; Il bilancio delle vittime del terremoto è salito a 2.207

Sergio Venezia

"Fanatico del web. Aspirante evangelista del bacon. Appassionato di musica esasperatamente umile. Lettore estremo. Pensatore amichevole. Pioniere televisivo."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x