Il famoso gruppo russo per i diritti umani Memorial rischia di perdere lo status legale

La Corte Suprema russa ha iniziato giovedì l’udienza di una petizione per chiudere uno dei più antichi e importanti gruppi per i diritti umani del paese, una mossa che ha fatto arrabbiare l’opinione pubblica e fa parte di una campagna durata mesi contro attivisti, media indipendenti e sostenitori dell’opposizione.

Dopo diverse ore di udienza, il tribunale ha deciso di rinviare al 14 dicembre.

L’ufficio del procuratore generale all’inizio di questo mese ha presentato una petizione alla Corte suprema per revocare lo status giuridico del Memorial, un gruppo internazionale per i diritti umani che si è distinto per i suoi studi sulla repressione politica in Unione Sovietica e che ora comprende più di 50 gruppi più piccoli in Russia e all’estero . .

Nel 2016, Memorial è stato dichiarato “agente estero” in Russia, una designazione che comporta un maggiore controllo da parte del governo e porta con sé forti connotazioni di disprezzo che possono offuscare la reputazione dell’organizzazione bersaglio. I pubblici ministeri affermano che il gruppo ha ripetutamente violato i regolamenti che gli impongono di designarsi come “agente straniero” e ha tentato di nascondere la designazione.

Memorial e i suoi sostenitori hanno sottolineato che le accuse erano motivate politicamente.

Il presidente dell’Estonia twitta preoccupazioni a nome dei leader di Polonia, Lituania e Lettonia :

La pressione del governo fa arrabbiare l’opinione pubblica

Alina Kozlova, capo di Memorial Archives, ha detto a Reuters che l’azione legale contro il gruppo era una rappresaglia per i suoi incessanti sforzi per esporre i crimini del dittatore Joseph Stalin e la repressione sovietica.

READ  Un uomo di colore viene ucciso da un vice sceriffo della polizia del North Carolina | Carolina del Nord
Alexander Korobushkin, che ora vive a Montreal, si è rifugiato a Memorial per condurre ricerche sui suoi antenati. Uno era un pilota che fu assolto postumo dopo essere stato accusato di spionaggio e ucciso, e l’altro era un ufficiale militare che fu catturato e inviato al campo Gulag sotto Stalin nel 1950 per 10 anni.

“Se il Memorial è chiuso e nessuno lo ricorda [repression]Come vivrà la prossima generazione senza questo ricordo? “

Il presidente di Memorial, Oleg Orlov, ha detto giovedì che il gruppo farà appello alla sentenza, se un tribunale deciderà di chiuderla, e continuerà a operare.

“Faremo appello alla Corte europea e continueremo a lavorare in un modo o nell’altro. Potrebbe non essere all’interno del memoriale internazionale che rischia di essere liquidato, ma abbiamo anche il monumento di Mosca e molti monumenti nelle regioni della Russia – fino a quando non saranno liquidati.

La pressione sul gruppo ha suscitato una protesta pubblica, con diverse figure di spicco che si sono espresse a sostegno del suo sostegno questo mese. Quando giovedì è iniziata l’udienza sulla petizione per chiudere il Memorial, grandi folle si sono radunate davanti all’edificio della Corte Suprema per mostrare sostegno all’organizzazione.

I tweet del Segretario generale di Amnesty International su Memorial sarebbero una “perdita irreparabile”:

Secondo quanto riferito, almeno tre persone sono state arrestate, tra cui due donne anziane con in mano cartelli con la scritta “Grazie, Memorial, per ricordarti di noi” e “Non puoi uccidere la memoria delle persone”.

READ  Gli Stati Uniti accelerano il ritiro dall'Afghanistan, Biden fissa la scadenza di agosto | Notizie di conflitto

Negli ultimi mesi, il governo russo ha designato un certo numero di media indipendenti, giornalisti e gruppi per i diritti umani come “agenti stranieri”, in particolare la rete collegata al critico del Cremlino attualmente detenuto Alexei Navalny. Almeno due gruppi per i diritti umani sono stati sciolti per evitare una repressione più dura.

Sergio Venezia

"Fanatico del web. Aspirante evangelista del bacon. Appassionato di musica esasperatamente umile. Lettore estremo. Pensatore amichevole. Pioniere televisivo."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x