Il fantastico Dortmund Mokoko entra nella storia della Germania con i suoi primi gol under 21

Giovedì il prodigio del Borussia Dortmund, il 16enne Yusuf Mukoko, è diventato il più giovane marcatore tedesco di sempre a livello under 21, aprendo il suo conto con due gol contro il San Marino.

Moukoko, che è entrato in scena a soli 15 anni al Signal Iduna Park, ha già segnato un certo numero di record a livello di club scivolando nella sua breve carriera.

E sembra pronto a fare la scena sulla scena internazionale poiché ha dimostrato di essersi completamente ripreso dai suoi recenti problemi di infortunio.

Per la prima volta da ricordare

Moukoko, che in precedenza rappresentava la Germania nell’U16 quando aveva solo 12 anni, ha ricevuto la sua prima telefonata all’U21 nel marzo 2021.

Il giovane ha poi riportato un grave infortunio ai legamenti, che gli ha impedito di fare il suo inchino, escludendolo anche per il resto della stagione 2020-21.

Ora tornato in piena forma e desideroso di iniziare, dopo aver giocato tutte e tre le partite del Dortmund in questa stagione, Mukoko ha iniziato giovedì contro il San Marino nella gara di apertura del Campionato Europeo della sua squadra.

Essendo diventato il giocatore U-21 più giovane della storia a 16 anni e 286 giorni all’inizio della partita, ha segnato due gol nel primo tempo per assicurarsi di detenere anche il record di capocannoniere più giovane.

L’attaccante ha già il primato di essere il giocatore più giovane ad apparire in Bundesliga e Champions League, oltre ad essere il più giovane marcatore in passato.

tempi duri

Tuttavia, non tutto è stato facile per il giovane.

READ  Harry Kane: L'attaccante del Tottenham è fuori gioco per "alcune settimane" a causa di un infortunio alla caviglia notizie di calcio

Mokkoko ha ammesso che la pressione di apparire sul palco in così giovane età era troppo per lui, il che gli ha fatto pensare di tagliare la sua carriera.

“All’inizio, i rapporti erano molto stressanti per me, specialmente quando si discuteva della mia età”, ha detto l’adolescente al quotidiano tedesco WAZ.

“Non volevo più farlo da solo. Volevo smettere, ma il mio allenatore mi ha aiutato molto, mi ha sostenuto. Avrei potuto dimenticare tutto in campo”.

lettura approfondita

Celestino Traglia

"Fanatico del web. Aspirante evangelista del bacon. Appassionato di musica esasperatamente umile. Lettore estremo. Pensatore amichevole. Pioniere televisivo."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x