Il G20 accetta la dichiarazione sull’ambiente, le lotte sui progressi climatici

Gli attivisti del gruppo di campagna Avaaz, indossando maschere raffiguranti il ​​calciatore argentino Diego Armando Maradona, organizzano una protesta per chiedere la riduzione del debito climatico mentre i ministri del clima e dell’ambiente del G20 si riuniscono a Napoli, in Italia, il 22 luglio 2021. REUTERS/Guglielmo Mangiabani

NABLUS (Reuters) – I ministri dell’ambiente e dell’energia del Gruppo delle 20 nazioni hanno fatto pochi progressi giovedì su come raggiungere gli obiettivi climatici, poiché un gruppo di paesi ha rifiutato i loro duri impegni, hanno detto i funzionari.

Vicino all’opulento Palazzo Reale di Napoli, dove si è svolto l’incontro, migliaia di manifestanti sbandieratori hanno protestato contro quella che hanno definito una mancanza di azione sul riscaldamento globale.

Giovedì il G20 ha discusso della biodiversità e dell’ambiente naturale, venerdì l’energia e il cambiamento climatico saranno all’ordine del giorno. I diplomatici hanno lottato per giorni per trovare un terreno comune significativo su entrambe le questioni.

L’Italia, che quest’anno detiene la presidenza di turno del G20, ha affermato che la dichiarazione sull’ambiente è stata finalmente concordata con “grande gioia” di tutte e 20 le nazioni dopo “settimane di negoziati e una sessione non-stop di due giorni”.

Il ministro italiano per la trasformazione ambientale Roberto Cingolani ha affermato che il documento di 7 pagine ha trattato molti argomenti tra cui la sicurezza alimentare, l’uso sostenibile dell’acqua e dei rifiuti marini, la finanza sostenibile e come educare meglio i giovani sulle questioni climatiche.

La sintesi rilasciata dal suo ufficio mancava di impegni politici concreti, ma Cingolani ha comunque descritto il risultato come “particolarmente ambizioso” e ha affermato che riflette gli obiettivi della presidenza italiana del G20.

READ  Fiat 500X: nel 2021 anche una Cabrio

“Questa è la prima volta che queste cose sono state scritte in modo chiaro e vincolanti per tutti i paesi che producono l’80% del PIL mondiale e l’85% delle emissioni di carbonio”, ha detto ai giornalisti.

La dichiarazione di venerdì, che affronta direttamente gli impegni sul cambiamento climatico, sarà probabilmente più impegnativa.

Nel suo discorso al G-20, il ministro dell’Ambiente argentino Juan Cabande, visto da Reuters, ha chiesto uno “scambio di debiti” in cui viene cancellato parte del debito dei paesi in via di sviluppo in modo che possano finanziare la loro trasformazione ambientale.

Cingulani ha detto di non essere a conoscenza della proposta.

La riunione del G20 è vista come una tappa intermedia fondamentale in vista dei colloqui globali sul clima noti come COP 26 che si terranno a Glasgow a novembre.

L’urgenza dell’azione per il clima è tornata questo mese con inondazioni mortali in Europa, incendi negli Stati Uniti e temperature in aumento in Siberia, ma le nazioni rimangono in disaccordo su come pagare costose politiche per frenare il riscaldamento globale.

I funzionari hanno affermato che Brasile, Arabia Saudita e Indonesia sono stati tra i paesi che hanno continuato a resistere ai tentativi della presidenza italiana di rafforzare il linguaggio nelle dichiarazioni del G20.

“Sembra che ci sarà una totale mancanza di impegni finanziari”, ha detto Oscar Soria del gruppo di attivisti online con sede negli Stati Uniti Avaaz.

“Il nord dice al sud ‘dobbiamo proteggere l’ambiente’ e il sud dice ‘ci servono soldi per questo’ e la presidenza italiana non sta dimostrando di essere brava a mettere tutti d’accordo”, ha detto.

READ  Il ministro della Salute italiano prevede che i casi di Coronavirus inizieranno a diminuire nella tarda primavera Il mondo | notizia

Le nazioni sviluppate hanno concordato alle Nazioni Unite nel 2009 di contribuire congiuntamente con 100 miliardi di dollari all’anno entro il 2020 al finanziamento del clima per i paesi più poveri, molti dei quali soffrono per l’innalzamento dei mari, tempeste e siccità esacerbati dal cambiamento climatico.

Tuttavia, questo obiettivo non è stato ancora raggiunto.

“Gli impegni di finanziamento assunti dai paesi sviluppati non sono stati rispettati, il che ha influito sulla fiducia tra le parti”, ha affermato Kapande.

Salvo progressi dell’ultimo minuto, la riunione del G-20 a Napoli sembra improbabile che suggerisca 100 miliardi di dollari o prenda impegni finanziari di altro tipo.

Ci sono stati momenti di tensione durante la marcia di protesta, quando un piccolo gruppo ha lanciato palloncini pieni d’acqua contro la polizia.

“Ci sono cose che non capisco”, ha detto Cingolani. “Non so perché dovrebbero esserci litigi oggi quando 20 paesi nel mondo si uniscono per impegnarsi a cercare soluzioni”.

Segnalazioni aggiuntive di Guglielmo Mangaban, montaggio di Bernadette Baum, Crispian Palmer e Giles Elgood

I nostri criteri: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

Melania Cocci

"Guru del cibo. Fanatico del bacon. Appassionato di tv devoto. Specialista di zombi. Appassionato di cultura pop freelance."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x