Il generale degli Stati Uniti ha chiamato la Cina per paura che Trump potesse ordinare la guerra: rapporto | Notizie di Donald Trump

Un nuovo libro rivela informazioni sugli ultimi mesi della presidenza di Trump, comprese due chiamate del generale Milley a Pechino.

Un alto generale degli Stati Uniti ha chiamato in privato la sua controparte cinese due volte per la preoccupazione che l’allora presidente degli Stati Uniti Donald Trump possa scatenare una guerra con la Cina mentre la sua potenziale perdita elettorale incombe e sulla sua scia, secondo il Washington Post.

Il generale statunitense Mark Milley, presidente del Joint Chiefs of Staff, ha chiamato il generale Li Zuocheng dell’Esercito di liberazione popolare il 30 ottobre 2020 – quattro giorni prima delle elezioni – e di nuovo l’8 gennaio, due giorni dopo che i sostenitori di Trump hanno preso d’assalto il Campidoglio degli Stati Uniti. Lo riferisce il giornale. Milley ha fatto i commenti martedì.

Il rapporto affermava che Milley, nelle chiamate, cercava di rassicurare Lee che gli Stati Uniti erano stabili e non avrebbero lanciato un attacco, e se ci fosse stato un attacco, avrebbe avvisato la sua controparte in anticipo.

Il rapporto era basato sul nuovo libro di Peril dei giornalisti Bob Woodward e Robert Costa, che ha affermato che si basava su interviste con 200 fonti, e dovrebbe essere pubblicato la prossima settimana.

Secondo quanto riferito, Milley ha discusso con altri alti funzionari, tra cui l’allora direttore della CIA Gina Haspel e il capo della National Security Agency Paul Nakasone, della necessità di essere vigili tra le preoccupazioni che Trump possa agire in modo irrazionale.

Haspel è stato citato come dicendo che si trovano in una “situazione molto pericolosa”.

READ  Gli incendi boschivi continuano in alcune parti della Grecia | Notizie sul clima

“Alcuni potrebbero obiettare che Millie ha oltrepassato la sua autorità e ha assunto un’autorità straordinaria”, hanno scritto gli autori.

Trump, in una dichiarazione, ha messo in dubbio la storia, definendola “fabbricata”. Ha detto che se la storia fosse vera, Millie dovrebbe essere processata per tradimento.

“Per la cronaca, non ho mai pensato di attaccare la Cina”, ha detto Trump.

L’ufficio di Milley ha rifiutato di commentare.

Il senatore repubblicano Marco Rubio ha invitato il presidente democratico Joe Biden a licenziare immediatamente Milley.

“Non ho bisogno di dirvi i pericoli posti da alti ufficiali militari che perdono informazioni riservate sulle operazioni militari statunitensi, ma sottolineerò che tale sabotaggio mina la capacità del presidente di negoziare e utilizzare uno degli strumenti di potere nazionale di questa nazione nelle sue interazioni con paesi stranieri “, ha detto Rubio in Lettera a Biden.

Alla domanda sul rapporto del Washington Post, il vice segretario stampa della Casa Bianca Karen Jean-Pierre ha rifiutato di commentare e ha rivolto domande ai capi di stato maggiore congiunti e al Dipartimento della Difesa.

Trump, un repubblicano, ha nominato Milley alla più alta posizione militare nel 2018, ma ha iniziato a criticare lui, così come gli ex incaricati e dipendenti, dopo aver perso le elezioni presidenziali contro Biden nel novembre 2020.

Il Washington Post ha riferito che Milley era entusiasta di chiamare Pechino per la seconda volta, in parte a causa di una telefonata dell’8 gennaio con la presidentessa della Camera degli Stati Uniti Nancy Pelosi, che ha chiesto al generale quali garanzie fossero in atto per impedire a un “presidente instabile” di lanciare un attacco nucleare.

READ  In Nigeria, un'attesa dolorosa per i genitori di 300 bambini rapiti Notizie sui diritti dei bambini

“È pazzo. Sai che è pazzo”, ha detto Pelosi a Millie, citando una trascrizione della chiamata.

Secondo la trascrizione della suddetta chiamata, il generale ha risposto: “Sono d’accordo con te su tutto”.

Sergio Venezia

"Fanatico del web. Aspirante evangelista del bacon. Appassionato di musica esasperatamente umile. Lettore estremo. Pensatore amichevole. Pioniere televisivo."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x