Il giornalista che ha rintracciato l’amico d’infanzia di Viktor Urban infettato da spyware | Ungheria

Il fotoreporter di Budapest Daniel Nemeth ha cercato di rimanere fuori dai riflettori nel suo lavoro innovativo che indaga e documenta lo stile di vita lussuoso dell’élite al potere in Ungheria.

Sebbene il suo nome non sia molto noto, il 46enne ha potuto utilizzare il suo drone e per il volo pubblico. e dati di tracciamento delle navi, per trovare e fotografare politici filo-governativi e uomini d’affari, esponendo lussi nascosti come yacht in luoghi esotici.

Ora, si è presentato, qualcuno lo stava guardando anche lui.

Un’indagine di Direkt36, un media investigativo e membro del consorzio Pegasus Project, che ha indagato sul gruppo NSO, ha rivelato che due telefoni Németh sono stati recentemente hackerati da un agente governativo della società di spyware israeliana.

L’analisi forense dei telefoni Németh, condotta dai ricercatori del Citizen Lab dell’Università di Toronto e confermata dai ricercatori del Security Lab di AI, ha scoperto che i telefoni sono stati infettati dal software di sorveglianza Pegasus di NSO Group, che consente agli utenti di monitorare le conversazioni telefoniche di una vittima, i messaggi di testo messaggi, foto e posizione fisica . Lo spyware può anche trasformare un telefono cellulare in un dispositivo di ascolto gestito da remoto.

Gli attacchi si sono verificati nel luglio 2021 mentre Nemeth stava riportando sul luogo in cui si trovava un amico d’infanzia, Viktor Orban, amico d’infanzia di Lorenc Mizzaros, che era stato nel settore del gas ed era diventato uno degli uomini più ricchi in Ungheria negli ultimi anni. .

Mészáros ha costruito un impero commerciale che abbraccia più settori da quando Orbán è salito al potere nel 2010 e le sue aziende spesso vincono lucrative gare d’appalto governative. Nel 2019, la rivista Forbes lo ha scelto come la persona più ricca d’Ungheria.

Orbán ha ripetutamente rifiutato di commentare l’aumento fulmineo delle fortune di Mészáros, dicendo che la politica e gli affari dovrebbero essere separati. Mészáros evita l’attenzione dei media, ma in un’intervista del 2014 con un punto vendita ungherese ha attribuito il suo successo a “Dio, fortuna e Viktor Orbán”.

Un portavoce di Mészáros ha dichiarato in una dichiarazione: “Mészáros non è a conoscenza di Dániel Németh, né delle attività di altri fotografi, del luogo o degli incidenti ad essi correlati”.

Sebbene non sia verificabile quale dei client NSO abbia preso di mira Nemeth, poiché questa analisi esamina solo se il telefono è stato infettato, Le nuove rivelazioni arrivano mentre il governo di estrema destra di Orban affronta un esame a Bruxelles sul suo presunto uso dello strumento di spionaggio Pegasus contro giornalisti, proprietari di media e personaggi dell’opposizione politica.

Didier Reynders, commissario per la giustizia della Commissione europea, ha recentemente dichiarato ai deputati che il blocco ha “totalmente condannato” i presunti tentativi dei servizi di sicurezza nazionale di accedere illegalmente alle informazioni sugli oppositori politici tramite i loro telefoni. Reynders ha affermato che il ramo esecutivo dell’Unione europea ha seguito da vicino un’indagine dell’autorità per la protezione dei dati ungherese sulle accuse secondo cui il governo di Orban stava utilizzando in modo improprio lo strumento di spionaggio.

Un consorzio di 17 media, tra cui il Guardian e coordinato dall’organizzazione no profit francese Forbidden Stories, ha rivelato a luglio che i clienti globali di NSO avevano utilizzato software di hacking per prendere di mira attivisti per i diritti umani, giornalisti e avvocati. Tra gli hackerati con Pegasus ci sono due giornalisti di Direkt36, András Szabó e Szabolcs Panyi.

La legge ungherese prevede che nei casi in cui è in gioco la sicurezza nazionale, i servizi di intelligence possono disporre la sorveglianza senza controllo giudiziario, solo con la firma del ministro della Giustizia. Il ministro della Giustizia ungherese Judit Varga ha rifiutato di commentare, ma ha detto: “Ogni paese ha bisogno di tali strumenti”.

Un portavoce del governo ungherese non ha risposto a una richiesta di commento.

NSO ha affermato che il suo spyware è destinato esclusivamente all’uso da parte delle forze dell’ordine autorizzate contro terroristi e sospetti criminali. La società ha affermato di non avere accesso ai dati degli obiettivi dei suoi clienti e che sta indagando su tutte le accuse credibili di abuso.

NSO ha rifiutato di commentare specificamente sul caso.

Dopo che il progetto Pegasus è stato pubblicato a luglio, documentando casi di abuso della tecnologia NSO da parte di agenti governativi, Németh ha contattato Citizen Lab tramite un conoscente e ha chiesto ai ricercatori di analizzare i suoi telefoni. I ricercatori hanno trovato tracce di spyware sui dispositivi, il che ha spinto Németh ad allertare Direkt36. I media hanno quindi chiesto agli esperti di Amnesty Tech, il laboratorio di sicurezza di Amnesty, di fare una seconda analisi dei telefoni. L’analisi forense di intelligenza artificiale ha mostrato che i miei due telefoni Németh sono stati hackerati con successo utilizzando lo spyware Pegasus, uno dal 1 al 9 luglio 2021 e l’altro dal 5 al 9 luglio.

Durante questo periodo, Németh era in Ungheria dopo essere tornato da un viaggio di cronaca nel sud Italia, dove stava seguendo i movimenti di Mészáros.

“La conferma da parte dell’IA di un’infezione da Pegasus sul dispositivo di Daniel Nemeth è un altro esempio scandaloso di come lo spyware di NSO Group sia stato utilizzato come strumento per mettere a tacere i giornalisti”, ha affermato Likhita Banerjee, ricercatrice di Amnesty International.

Un agente di sicurezza che in precedenza ha lavorato con un servizio di intelligence ungherese ha detto a Direkt36 che, per quanto ne sa, i servizi ungheresi hanno iniziato a utilizzare Pegasus nel 2018. Il governo ungherese non ha negato di utilizzare Pegasus, né ha negato di monitorare le persone di cui Direkt36 ha informato.

John Scott Railton, ricercatore senior presso Citizen Lab, ha affermato che il caso ha dimostrato il modo in cui il governo ungherese cerca di prendere di mira le persone “politicamente inappropriate” che hanno riferito di persone vicine al governo.

Ancora una volta, questo è rivolto a un giornalista. Non ci sono scuse per questo e non c’è motivo di credere che l’Ungheria lo stia usando per scopi legittimi. “Sembra abbastanza chiaro cosa sta succedendo”, ha detto Scott Railton.

Nell’ultimo incarico di Németh – che includeva due viaggi a Napoli, in Italia – ha deciso di lasciare a casa il suo normale iPhone, affidandosi invece a un vecchio dispositivo con una carta SIM prepagata. Il telefono non è attivo da così tanto tempo che ho dovuto riattivare la sim. Il giorno successivo, l’analisi forense ha mostrato che anche questo telefono era stato violato.

READ  L'Italia copre i ghiacciai in contrazione per salvarla dal caldo estivo ارة

Melania Cocci

"Guru del cibo. Fanatico del bacon. Appassionato di tv devoto. Specialista di zombi. Appassionato di cultura pop freelance."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x