Il giudice archivia il caso contro l’uomo accusato di aver dato fuoco alla missione di San Gabriel, ma i pubblici ministeri intendono inoltrare le accuse – Pasadena Star News

Giovedì un giudice della Corte Superiore di Los Angeles ha archiviato il caso contro un uomo accusato di aver appiccato un incendio a quattro allarmi che ha causato ingenti danni la scorsa estate alla storica missione di San Gabriel, ma i pubblici ministeri hanno affermato che intendevano accusarlo nuovamente.

Ricardo Santiago, un portavoce dell’ufficio del procuratore distrettuale della contea di Los Angeles, ha affermato che il giudice ha archiviato il caso perché un testimone chiave non era disponibile per un’udienza che avrebbe deciso se ci fossero prove sufficienti per l’imputato, John David Corrie, per essere processato .

Santiago ha affermato che, nonostante il licenziamento, Corey è rimasto in carcere e ha continuato a scontare una condanna a tre anni in un caso separato di incendio doloso.

Cory è stato arrestato il 12 luglio 2020, appena due giorni dopo l’incendio della missione, per aver tentato di dare fuoco a un negozio sulla West Las Tunas Road a San Gabriel. A settembre non ha presentato ricorso contro le accuse.

È stato questo caso separato di incendio doloso che ha portato gli investigatori a considerare Corrie il principale sospettato nell’incendio della missione.

L’imputato di 57 anni – noto anche come “Joker” – è stato accusato il 4 maggio di due capi di imputazione per incendio doloso relativo a un edificio abitato e un conteggio di incendio doloso durante lo stato di emergenza, furto con scasso di primo grado e possesso di un sostanza infiammabile in relazione a By fire 11 luglio 2020.

I pubblici ministeri affermano che Corey ha fatto irruzione nella missione e ha appiccato incendi che si sono propagati al tetto e lungo la chiesa.

READ  Lo storico ristorante sammarinese si sta sistemando in una nuova casa a Deptford

Corey si è dichiarato non colpevole delle accuse a maggio. Giovedì, Santiago ha detto che gli è stata data la possibilità di rinunciare al suo diritto a un processo rapido per consentire al testimone principale di testimoniare all’udienza preliminare. Tuttavia, ha rifiutato di rinunciare a tale diritto, portando il giudice a archiviare il caso.

L’incendio, che è stato segnalato alle 4:24 del mattino, ha impiegato più di due ore per spegnersi.

Parti del tetto sono cadute sui vigili del fuoco, che hanno dovuto evacuare e iniziare un attacco difensivo con il fuoco, secondo il capitano Antonio Negret dei vigili del fuoco di San Gabriel. Le squadre sono riuscite a spegnere l’incendio prima che raggiungesse l’altare, il museo e l’edificio adiacente.

Non ci sono state vittime civili, anche se un vigile del fuoco di San Gabriel ha riportato ferite che non erano in pericolo di vita.

Quasi il 50% delle risorse antincendio è stato chiamato in azione nella San Gabriel Valley occidentale per combattere gli incendi delle missioni a seguito di accordi di assistenza spontanea all’interno della regione, con oltre 85 vigili del fuoco, 12 aziende di motori, cinque aziende di camion e quattro soccorritori. Ambulanze e cinque comandanti di battaglione sono a portata di mano.

L’indagine che ne è seguita è stata condotta dalla Ferdugo Fire Investigative Task Force e ha incluso l’assistenza del dipartimento di polizia di San Gabriel, insieme ai vigili del fuoco di San Gabriel, San Marino, Glendale, Monterey Park e Monrovia, ai vigili del fuoco di Los Angeles e ai vigili del fuoco del K9. squadra, e il Bureau of Alcohol, Tobacco, Firearms and Explosives e l’FBI.

READ  L'Italia si prepara all'euro con la sconfitta di San Marino

L’arcivescovo di Los Angeles Jose Gómez si svegliò prima dell’alba per apprendere che la missione fondata da Junipero Serra era iniziata nel 1771. Riferì quindi la distruzione del tetto e ingenti danni alla vecchia chiesa.

“Per grazia di Dio e per gli sforzi di oltre 10 compagnie di vigili del fuoco, gli incendi sui gradini dell’altare sono stati spenti. Siamo così grati per l’effusione di sostegno da parte delle nostre famiglie di missione sia vicine che lontane”, ha scritto lo scorso reverendo John Molyneux estate sul sito della missione.

È stata quindi lanciata una raccolta fondi per riparare i danni, con il primo avvio dei lavori sul tetto, che dovrebbe essere pronto entro la primavera del 2022, secondo il sito web della missione.

“La perdita per la missione è stata di milioni di dollari, ma la perdita per la comunità è incalcolabile”, ha dichiarato il procuratore distrettuale George Gascon in una dichiarazione scritta il 4 maggio annunciando le accuse.

Non è stato immediatamente chiaro quando i pubblici ministeri avessero pianificato di restituire il fascicolo.

Il City News Service ha contribuito a questo rapporto.

Celestino Traglia

"Fanatico del web. Aspirante evangelista del bacon. Appassionato di musica esasperatamente umile. Lettore estremo. Pensatore amichevole. Pioniere televisivo."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x