Il giudice respinge l’ultimo tentativo di Trump di nascondere le dichiarazioni dei redditi al comitato della Camera | Donald Trump

Un giudice federale ha respinto i recenti sforzi di Donald Trump per nascondere le sue dichiarazioni dei redditi a un comitato della Camera, stabilendo che l’interesse legislativo del Congresso supera qualsiasi rispetto che Trump dovrebbe avere come ex presidente.

Il giudice distrettuale degli Stati Uniti Trevor McFadden ha affermato nella sua sentenza che Trump “ha sbagliato di diritto” nel cercare di impedire alla House Ways and Means Committee di ottenere le sue dichiarazioni dei redditi.

McFadden ha anche affermato che spetta al presidente della commissione pubblicare i risultati se lo ritiene opportuno.

Trump è stato il primo presidente in 40 anni a non rilasciare la dichiarazione dei redditi perché mirava a mantenere segreti i dettagli della sua ricchezza e le attività della sua azienda di famiglia, la Trump Organization.

La commissione ha citato in giudizio nel 2019 per forzare la divulgazione delle dichiarazioni dei redditi e la controversia è continuata quasi 11 mesi dopo che Trump ha lasciato l’incarico.

Patrick Strobridge, l’avvocato di Trump, ha dichiarato a McFadden il mese scorso che il comitato non aveva motivi legittimi per vedere le dichiarazioni dei redditi e ha chiesto loro nella speranza di rivelare informazioni che potrebbero danneggiare politicamente Trump.

I Democratici della Camera hanno affermato di aver bisogno delle dichiarazioni dei redditi di Trump per vedere se l’Internal Revenue Service sta esaminando adeguatamente le dichiarazioni presidenziali in generale e per valutare se è necessaria una nuova legislazione.

McFadden, l’incaricato di Trump, ha affermato che la commissione sarebbe in grado di raggiungere l’obiettivo dichiarato senza pubblicare i risultati.

Il presidente democratico del comitato, il rappresentante Richard Neal, ha avvertito che mentre ha il diritto di farlo, “chiunque potrebbe vedere che la pubblicazione di informazioni fiscali riservate per un concorrente politico è il tipo di mossa che tornerà a ferire l’inventore”.

In una dichiarazione, Neil ha affermato che la sentenza “non è sorprendente” e che “è chiaro che la legge è dalla parte della commissione”.

Trump può ancora appellarsi al caso. MacFadden ha sospeso la sua condanna per 14 giorni, concedendo il tempo per un tale appello.

READ  Il Canada chiude l'ambasciata in Ucraina, sposta il personale diplomatico tra i timori di una guerra

Sergio Venezia

"Fanatico del web. Aspirante evangelista del bacon. Appassionato di musica esasperatamente umile. Lettore estremo. Pensatore amichevole. Pioniere televisivo."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Read also x