Il giudice statunitense respinge l’accusa contro l’ex consigliere Trump Bannon, citando la grazia

NEW YORK – Steve Bannon, l’ex analista strategico capo del presidente degli Stati Uniti Donald Trump, ha vinto martedì la grazia presidenziale respingendo un atto d’accusa che lo accusava di aver frodato i donatori di un fondo per costruire un muro lungo il confine tra Stati Uniti e Messico.

Il giudice del tribunale distrettuale statunitense Analisa Torres a Manhattan ha detto che il licenziamento è stato la “strada giusta” alla luce dell’amnistia concessa da Bannon nelle ultime ore della presidenza Trump.

I querelanti hanno sostenuto che invece di respingere l’accusa, il giudice avrebbe dovuto licenziare Bannon solo come uno dei quattro imputati. Gli imputati sono stati accusati in relazione alla presunta appropriazione indebita di centinaia di migliaia di dollari dalla campagna di crowdfunding “We Build the Wall” di $ 25 milioni.

Ma il giudice ha detto che la grazia era valida, e che anche se Bannon non avesse ammesso formalmente la colpa, emettere una grazia potrebbe comportare un verdetto di colpevolezza; E accetta il riconoscimento di esso. I pubblici ministeri hanno detto che l’amnistia “parla da sola” e purché Bannon sia “definitiva”.

L’ufficio del procuratore generale degli Stati Uniti Audrey Strauss a Manhattan ha rifiutato di commentare.

Ma il giudice ha detto che la grazia era valida, e che anche se Bannon non avesse ammesso formalmente la colpa, emettere una grazia potrebbe comportare un verdetto di colpevolezza; E accetta il riconoscimento di esso.

I pubblici ministeri hanno detto che l’amnistia “parla da sola” e purché Bannon sia “definitiva”.

L’ufficio del procuratore generale degli Stati Uniti Audrey Strauss a Manhattan ha rifiutato di commentare.

Dopo aver parlato con lui, il suo avvocato, Robert Costello, ha detto che Bannon era “felicissimo che l’accusa fosse stata archiviata”.

READ  Corte per ascoltare l'appello dell'ufficiale di Dallas che ha ucciso il suo vicino

“Ho ottenuto il risultato giusto di sicuro”, ha detto Costello, riferendosi al giudice. “Un perdono non riscrive la storia … Ma in questo caso, abbiamo a che fare con una persona presumibilmente innocente ai sensi della Costituzione degli Stati Uniti che si è dichiarata non colpevole, e nulla cambia neanche quella data”.

Non è stato immediatamente chiaro come il licenziamento avrebbe influenzato gli altri imputati di Bannon, o se avrebbero tentato di attribuire la colpa a Bannon in loro difesa.

Tra gli imputati c’è Brian Colvage, un veterano dell’Air Force e tre volte amputato che ha guidato la campagna “Build the Wall”.

“Non ho niente da dire sulla situazione”, ha detto in un’intervista l’avvocato di Colvag Harvey Steinberg. “È completamente fuori dalla nostra portata e nei limiti della discrezione dell’esecutivo”.

Bannon, 67 anni, ha difeso il populismo di destra “America first” e la feroce opposizione all’immigrazione che sono diventati i tratti distintivi della presidenza Trump.

(Montaggio di Leslie Adler e Bill Berkrot)

Sergio Venezia

"Fanatico del web. Aspirante evangelista del bacon. Appassionato di musica esasperatamente umile. Lettore estremo. Pensatore amichevole. Pioniere televisivo."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x