Il giudice vaticano ordina al cardinale e ad altri nove di essere processati per reati finanziari | Vaticano

un Vaticano Un giudice ha ordinato a 10 persone, tra cui un cardinale italiano, di essere processate per presunti reati finanziari tra cui appropriazione indebita, riciclaggio di denaro, frode, estorsione e abuso d’ufficio.

Tra gli accusati figurano il cardinale Angelo Piccio, licenziato dal papa lo scorso anno, ex capi dell’unità di intelligence finanziaria vaticana, e due mediatori italiani coinvolti nell’acquisto da parte del Vaticano di un edificio in una zona elegante di Londra.

Pacchio, che è stato licenziato dal Papa l’anno scorso e che si è dichiarato innocente durante un’indagine durata due anni, è diventato il più alto funzionario della chiesa vaticana accusato di presunti reati finanziari.

Secondo la legge della chiesa, il Papa ha personalmente approvato la decisione del giudice di indagare e incriminare Becciu. Le accuse a suo carico comprendono peculato e abuso d’ufficio.

Una donna italiana che lavorava per Becciu è stata accusata di appropriazione indebita.

I broker italiani Gianluigi Torzi e Raffaele Mencioni sono stati accusati di peculato, truffa e riciclaggio di denaro. Anche Torzi, per il quale i giudici italiani hanno emesso un mandato di cattura ad aprile, è stato accusato di estorsione. Entrambi hanno negato ogni addebito.

Incriminate anche quattro società legate a singoli imputati, due in Svizzera, una negli Stati Uniti e una in Slovenia.

Un comunicato afferma che il processo dovrebbe iniziare il 27 luglio in Vaticano.

READ  I leader repubblicani non sono d'accordo su Trump, il che mette il partito nei guai

Sergio Venezia

"Fanatico del web. Aspirante evangelista del bacon. Appassionato di musica esasperatamente umile. Lettore estremo. Pensatore amichevole. Pioniere televisivo."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x