Il governo federale chiede scuse alle famiglie degli italocanadesi detenuti durante la seconda guerra mondiale

MONTREAL (CityNews) – Il primo ministro Justin Trudeau, questo mese, rilascerà le scuse ufficiali alle famiglie degli italocanadesi che furono rinchiusi nei campi funerari durante la seconda guerra mondiale.

Quasi 600 uomini furono arrestati nei campi in Canada nel 1940 dopo che l’Italia si unì al potere dell’Asse in Germania.

I familiari di questi detenuti dicono che le scuse ufficiali del governo canadese saranno un momento di guarigione.

“Le scuse sono importanti perché dicono alle famiglie che qualcuno ha ascoltato le loro storie e che le loro esperienze di vita sono importanti”, ha detto la storica Joyce Bellarella, nipote di uno dei detenuti. Anche il fatto che siano stati in grado di raccontare queste storie, sono stati finalmente in grado di fare qualcosa per i loro genitori che non potevano fare nel 1940.

“Ci è voluto molto coraggio perché queste famiglie parlassero perché non volevano essere giudicate. Avevano paura, si vergognavano”.

GUARDA: Ottawa scuserà gli italocanadesi arrestati (3 maggio 2021)

Quando il governo federale ha promulgato il War Measures Act durante la seconda guerra mondiale, circa 31.000 italocanadesi erano considerati alieni nemici, un termine usato per descrivere le persone che vivevano in Canada ei cui paesi d’origine erano in guerra con il Canada.

Di questi 31.000, circa 600 uomini sono stati collocati in tre campi in Alberta, Ontario e New Brunswick. Questi uomini erano sospettati di simpatizzare con il fascismo o si credeva che fossero direttamente coinvolti nelle organizzazioni fasciste.

Bellarella raccoglie storie di famiglie di detenuti da più di 30 anni.

“Rimuove lo stigma che avevano come prigionieri di guerra o come alieni nemici”, ha detto. “E ha lo scopo di dimostrare che queste famiglie, siamo sempre stati buoni cittadini canadesi e abbiamo amato questo paese. Ora le scuse riguardano solo questo”.

READ  Malta, San Marino ed Estonia

Nick Di Pietro, figlio di un detenuto, ricorda di essere cresciuto in una casa dove nessuno parlava di campi di concentramento per paura della vergogna e del giudizio.

Di Pietro ricorda suo padre mentire durante i colloqui di lavoro su quello che faceva da due anni.

Le persone durante l’intervista chiedevano: ‘Cosa è successo in questi due anni, cosa stavi facendo? Ora doveva trovare un modo per nascondere quello che era successo. Diceva senza mentire: “Ho seguito dei corsi, non ero in grado di lavorare, non mi sentivo bene”.

“Non è stato molto divertente. Il mio povero padre ha cercato di seppellire il più possibile la storia.”

Con le scuse incombenti del governo Trudeau, le famiglie sono grate che il Canada stia riconoscendo quel momento nella storia del paese.

“C’è una conclusione, ma la parte triste per me è che i bambini erano la classe in via di estinzione di questa storia”, ha detto Bellarella. “Quindi è triste che ci siano così tante persone che vorrei fossero qui per far parte di questo evento”.

Di Pietro credeva che le scuse avrebbero significato molto per suo padre.

Disse: “Papà, sarebbe stato felice”. “Non è il tipo che darebbe una grande festa o qualsiasi altra cosa. Forse mio zio è morto nell’anno 94. Probabilmente stava per suonare la sua armonica e aveva un grande bicchiere di vino e aveva alcuni amici.”

“Ma no, l’avrebbero tenuto più o meno nei loro cuori.”

Celestino Traglia

"Fanatico del web. Aspirante evangelista del bacon. Appassionato di musica esasperatamente umile. Lettore estremo. Pensatore amichevole. Pioniere televisivo."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x