Il Made in Italy ha bisogno di rinnovarsi?

Dalla Montà si affida a un fornitore per far funzionare la sua attività e gestire il rapporto con i marchi. “Non ho la struttura per stare al passo con la gestione dei contratti e delle specifiche con i marchi”, spiega. “Il mio lavoro è in fabbrica. Per me è più facile prenderlo senza pensare al resto”.

lavoratore cinese

La concorrenza di molte aziende cinesi in Veneto, spesso sporadica, è agguerrita. Secondo le stime di Confartigianato Veneto, le piccole imprese di proprietà cinese rappresentano ormai circa il 35 per cento della produzione totale della regione.

Il ruolo cinese nella catena di approvvigionamento è importante ma solleva ogni tipo di domanda. “I cinesi sono necessari per svolgere determinate tipologie di produzione, di livello e di standard inferiori. Ma nonostante i controlli continuano a operare nell’illegalità”, afferma Giuliano Secco, presidente di Confartigianato Veneto, l’associazione regionale delle piccole imprese.

I marchi di lusso di solito vengono lasciati all’oscuro e potresti non sapere se la produzione viene subappaltata a società cinesi. Il venditore gestisce la filiera e può scegliere di nascondere o addirittura nascondere alcuni dettagli. Lo sfruttamento dei cinesi e di altri lavoratori stranieri continua a destare preoccupazione. A luglio, la polizia veneta ha scoperto una rete di aziende che impiegano lavoratori stranieri, tra cui una di pakistani maltrattati. Sono state messe in discussione anche le pratiche occupazionali nel settore della moda.

Perché non entrano più giovani italiani nel settore della moda? È un lavoro duro e difficile, dice Laura Dalla Monta. Non trovo giovani da venire a lavorare in azienda. Molte delle donne che lavorano qui stanno per andare in pensione, non so come potrò aggiungere nuovi dipendenti all’azienda – nessun ragazzo è interessato a questo. “

READ  I rendimenti dei titoli di Stato scendono nell'area dell'euro, l'Italia attende nuovi titoli a 50 anni

Alcune aziende italiane stanno cercando di attirare nelle loro aziende lavoratori cinesi qualificati, mentre altre cercano una partnership più stretta e diretta con le aziende cinesi. “Ci sono aziende cinesi guidate da imprenditori di seconda generazione che rispettano le regole”, dice Rambaldi di FashionArt. “Sono ancora una minoranza, ma ci sono”.

Più in generale, le aziende italiane in Veneto che forniscono marchi di lusso vogliono migliorare le loro relazioni con i marchi stessi. L’obiettivo è costruire una fiducia a lungo termine e creare una situazione vantaggiosa per tutti, in cui sia possibile garantire investimenti in persone e macchinari.

Per ora, con ordini pesanti da evadere in tempi doppi, questo rimane un sogno per aziende artigiane come Confection Alice e Laura Dalla Monta. “I miei lavoratori sono stanchi e siamo stati sotto stress per settimane”, dice. “Vorrei avere l’opportunità di premiarli e dare loro qualche soldo in più per il loro impegno. Ma se le cose non cambiano, non è possibile”.

Commenti, domande o feedback? Contattaci al feedback@voguebusiness.com.

Maggiori informazioni su questo argomento:

The Long View di Vogue Business: formare una startup di moda

Risolvere i problemi più grandi della moda: sovrapproduzione e consumo eccessivo

Esaurito: quando aiuta – e fa male – un marchio

Melania Cocci

"Guru del cibo. Fanatico del bacon. Appassionato di tv devoto. Specialista di zombi. Appassionato di cultura pop freelance."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x