Il Massachusetts Institute of Technology (MIT) sta studiando le origini di un raro tipo di galassia nana

I ricercatori del Massachusetts Institute of Technology, dell’Università della California a Riverside e di altre istituzioni hanno studiato le galassie nane. Come suggerisce il nome, una galassia nana è molto piccola e oscura rispetto a una tipica galassia e contiene solo una frazione del numero di stelle presenti nella Via Lattea. Sebbene la maggior parte delle galassie nane sia solitamente molto piccola, ne esiste un tipo chiamato galassie ultra-diffuse, o UDG, che possono disperdersi su regioni giganti dello spazio.

L’UDG è difficile da rilevare perché è diffuso su vaste aree di spazio, ma la maggior parte è stata rilevata all’interno di ammassi di grandi galassie. Gli astronomi del MIT e di altre istituzioni stanno ora utilizzando simulazioni altamente dettagliate per scoprire gli UDG spenti, un raro tipo di galassia nana che non dà più vita alle stelle. È interessante notare che le simulazioni hanno rilevato diversi sistemi di questo tipo. Gli astronomi hanno scoperto che le galassie non erano in ammassi. Invece, si trovano in regioni quasi vuote dell’universo.

Il loro isolamento è contrario alle previsioni su come potrebbero formarsi gli UDG irrigati. I ricercatori sfruttano le loro simulazioni per eseguire un altro compito utilizzandole per riflettere l’evoluzione degli UDG per vedere come sono stati creati. Le simulazioni hanno portato gli astronomi a credere che gli UDG spenti si siano formati probabilmente in aloni di materia oscura con un momento angolare insolitamente elevato.

Il momento può trasformare le galassie nane in schemi insolitamente allungati. Si ritiene che gli UDG si siano evoluti all’interno degli ammassi di galassie come fanno la maggior parte. Tuttavia, si pensa che le interazioni all’interno dell’ammasso abbiano spinto le galassie nane ad espandersi nello spazio. Questa espulsione ha creato un’orbita “backsplash” che si è curvata come un boom. Si pensa che lo stesso processo abbia anche eliminato il gas all’interno della galassia, rendendola incapace di produrre stelle.

READ  Cometa dal bordo del sistema solare che uccide i dinosauri: uno studio

Giustina Rizzo

"Professionista di musica estrema. Twitter geek. Aspirante fanatico di viaggi. Nerd appassionato di alcol."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x