Il Messico recupera tre antichi manufatti dall’Italia

Il Messico venerdì ha recuperato tre antichi manufatti che sono stati rubati e destinati all’asta in Italia mentre il paese latinoamericano ha organizzato una campagna globale per recuperare le sue opere d’arte e antichità. Questi oggetti, che hanno più di 2.300 anni, sono un vaso di ceramica decorato con figure umane e due volti in ceramica.

L’unità italiana per la protezione del patrimonio culturale ha confiscato i pezzi durante l’ispezione dei manufatti per l’asta, hanno detto i funzionari. Il Ministero degli Affari Esteri messicano ha dichiarato che questi articoli sono stati esportati illegalmente dal Messico. “Le persone che acquistano questi pezzi e coloro che li commerciano sono criminali. Se compri qualcosa di rubato, condividi la responsabilità”, ha detto il ministro degli Esteri messicano Marcelo Ebrard durante una cerimonia a Roma in cui i funzionari hanno restituito i manufatti.

Finora, ha affermato il ministero degli Esteri messicano, l’Italia ha restituito 650 manufatti culturali e religiosi in Messico dal 2013. Il generale italiano Roberto Riccardi, che ha guidato la squadra che ha restituito i manufatti, ha dichiarato su Twitter: “È giustizia, è una cultura globale. Noi devono tornare in un paese.” cose che gli appartengono. https://twitter.com/SRE_mx/status/1454053339268792322

A settembre, il Ministero degli Affari Esteri messicano ha recuperato documenti rubati https://www.reuters.com/lifestyle/mexico-recovers-missing-manuscripts-16th-century-sold-auction-2021-09-24 a causa dell’apertura di Hernán Cortés all’asta. Con l’aiuto di investigatori americani.

(Questa storia non è stata modificata dallo staff di Devdiscourse ed è generata automaticamente da un feed condiviso.)

READ  Dolce & Gabbana chiede ai blogger statunitensi un risarcimento di oltre 600 milioni di dollari

Celestino Traglia

"Fanatico del web. Aspirante evangelista del bacon. Appassionato di musica esasperatamente umile. Lettore estremo. Pensatore amichevole. Pioniere televisivo."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x