Il ministro degli Esteri italiano incontra funzionari egiziani su immigrazione, Libia

Il Cairo (AFP) – Il massimo diplomatico italiano ha tenuto colloqui domenica con funzionari egiziani e della Lega Araba al Cairo che si sono concentrati sulla sicurezza regionale e sul conflitto nella vicina Libia, nonché su delicate questioni bilaterali.

Il ministro degli Esteri Antonio Tajani ha detto di aver sollevato con il presidente egiziano il caso di Giulio Regeni, un laureando italiano rapito, torturato e ucciso al Cairo nel 2016, e il caso di Patrick George Zaki, un attivista egiziano che studia a Bologna e che era stato arrestato. per quasi due anni.

“Ho chiesto e ricevuto assicurazioni di forte collaborazione nei casi Regeni e Zaki”, ha scritto Tajani su Twitter. Nel corso della giornata, ha affermato in una conferenza stampa congiunta con il ministro degli Esteri egiziano Sameh Shoukry che il Cairo è “pronto a rimuovere le barriere” per risolvere le due questioni. Non ha fornito ulteriori dettagli.

Tajani ha affermato che il suo incontro con il presidente Abdel Fattah al-Sisi ha riguardato anche la sicurezza energetica e la cooperazione economica nel Mediterraneo, ma si è concentrato “soprattutto” sull’instabilità politica in Libia e sugli sforzi per fermare la “migrazione irregolare” da quel Paese.

Il Ministro degli Esteri italiano ha incontrato anche il Segretario Generale della Lega degli Stati Arabi, Ahmed Aboul Gheit.

Il caso Regeni ha destabilizzato i rapporti del Cairo con Roma, poiché la famiglia Regeni e le autorità italiane hanno accusato le forze di sicurezza egiziane di averlo torturato e ucciso. I servizi di sicurezza egiziani hanno negato qualsiasi coinvolgimento nel rapimento o nella morte di Regeni.

Regeni, 28 anni, era uno studente di dottorato presso l’Università di Cambridge che faceva ricerche sui movimenti sindacali in Egitto quando è stato rapito il 25 gennaio 2016. Il suo corpo è stato ritrovato sul ciglio della strada diversi giorni dopo con segni di torture diffuse, del tipo che Vi sono stati sottoposti attivisti e gruppi per i diritti umani. su larga scala all’interno delle carceri egiziane.

READ  Il Padiglione Italia svela una replica della statua del David all'Expo 2020

Nel frattempo, Zaki è stato rilasciato nel dicembre 2021 in attesa del processo con l’accusa di aver diffuso notizie false sull’Egitto, sia all’interno che all’esterno, e non ha potuto viaggiare dal suo rilascio.

L’arresto e il processo di Zaki sono diventati notizie da prima pagina in Italia e hanno scatenato un’ondata di proteste studentesche. Per molti italiani la sua detenzione è stata un ricordo della morte di Regeni.

In Italia, le personalità politiche dell’opposizione hanno reagito duramente all’affermazione di Tajani secondo cui l’Egitto avrebbe offerto rassicurazioni sui casi di Regeni e Zaki.

“Tajani non riesce a dire la verità. L’Italia non è soddisfatta della cooperazione con l’Egitto”, ha twittato Lia Quartapelle, deputata che si occupa di affari esteri per il Pd. “Il processo a Regeni è vietato. Zaki resta in Egitto”.

Il processo italiano in contumacia dei massimi funzionari della sicurezza egiziana è stato interrotto quando Roma non ha notificato formalmente agli imputati in Egitto di aver ordinato il processo a Regeni per il rapimento e l’omicidio di Regeni.

Quartapelle, che nella precedente legislatura ha fatto parte di una commissione parlamentare speciale che ha indagato sul caso Regeni, ha affermato in passato che non ci si può fidare dell’Egitto fino a quando non si farà piena luce sull’omicidio del giovane.

Tajani ha raccontato il suo viaggio in Egitto e, prima ancora, in Tunisia, e la visita in Algeria del Presidente del Consiglio italiano Giorgia Meloni Faceva parte degli sforzi dell’Italia per rafforzare i suoi legami energetici nella regione e, soprattutto, arginare il flusso di migranti attraverso il Mediterraneo verso l’Europa.

READ  Il tasso di natalità in Italia è più basso che mai. Draghi vuole aggiustarlo

“Bisogna fare di più perché per noi il tema dell’energia è un tema di straordinaria importanza… I costi dell’energia sono troppo alti per restare competitivi, anche all’interno dell’Unione Europea”, ha detto.

L’Egitto, che ospita più di 6 milioni di migranti, promuove da anni i suoi sforzi per impedire la partenza delle barche di migranti dalle sue coste. Ma nel 2022, i migranti egiziani sono tra le nazionalità migliori per raggiungere le coste europee viaggiando prima attraverso la vicina Libia prima di intraprendere pericolosi viaggi per mare.

“Risolvere il problema della Libia è parte della soluzione del problema dell’immigrazione clandestina”, ha detto, aggiungendo che l’Italia potrebbe ricevere “più immigrati legali”, anche dall’Egitto, se gli attraversamenti illegali fossero controllati.

La Libia è diventata un hub per i migranti africani e mediorientali che cercano di viaggiare in Europa, con l’Italia che ne riceve decine di migliaia ogni anno. Roma ha stretto accordi con le autorità della capitale libica, Tripoli, negli ultimi anni nel tentativo di arginare il flusso di migranti.

La Libia è impantanata nel caos da quando una rivolta sostenuta dalla NATO ha rovesciato e ucciso il dittatore di lunga data Muammar Gheddafi nel 2011. Il paese è ora diviso tra due amministrazioni rivali che rivendicano la legittimità. L’Egitto sostiene le forze di stanza nella Libia orientale, mentre l’Italia sostiene l’amministrazione di stanza a Tripoli.

___

La scrittrice dell’Associated Press Frances Demelio ha contribuito a questo reportage da Roma.

Melania Cocci

"Pioniera degli zombi. Fan della tv esasperante e umile. Lettore. Creatore. Giocatore professionista."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x