Il ministro della Sanità NB ha affermato che l’indagine sulla misteriosa sindrome cerebrale continua

FREDERICTON – Il ministro della salute del New Brunswick ha affermato che gli esperti stanno lavorando il più rapidamente possibile per studiare una misteriosa malattia neurologica che ha ucciso sei persone e ne ha infettate 48.

Ma Dorothy Sheppard ha detto venerdì che non c’era alcuna garanzia che avrebbe trovato risposte piuttosto che altre domande.

“Potremmo essere fortunati ad avere risposte, ma nessuno di noi può prevederlo”, ha detto Sheppard in un’intervista.

Sheppard ha scritto una lettera giovedì per aggiornare le famiglie dei pazienti con la malattia sconosciuta sugli ultimi sviluppi, compresi gli sforzi per reclutare più personale a tempo pieno presso la Mind Clinic di Moncton, NB, dove si sta svolgendo lo studio. Ha detto che un assistente sociale verrà aggiunto ad agosto e uno psicologo clinico a novembre.

La clinica ha ora 81 pazienti registrati da quando è stata aperta in primavera, ha detto Sheppard, anche se il gruppo di esperti sta studiando solo le 48 cliniche originali. “Questi primi 48 ci aiuteranno a determinare il percorso di cui abbiamo bisogno per andare avanti – una possibile diagnosi o la possibilità di andare avanti con una sindrome neurologica sconosciuta”, ha detto.

I sintomi della sindrome dell’ambiguità includono demenza a rapida progressione, spasmi muscolari, atrofia e una serie di altre complicazioni.

Alle famiglie di ogni paziente viene chiesto di compilare un questionario dettagliato nel tentativo di trovare possibili cause e collegamenti comuni. Dovrebbe essere completato entro la fine del mese, dopo di che ci vorranno quattro mesi prima che il gruppo di esperti conduca la revisione clinica. Ventisei dei 48 sondaggi sono stati completati a partire da venerdì.

READ  Bella galassia catturata dalla classificazione di Hubble che sfida la classificazione

“Questo percorso è valido. È una metodologia e ci porterà dove dobbiamo andare”, ha detto Sheppard.

Ma Steve Ellis, il cui padre era uno dei pazienti, è critico nei confronti del ritmo delle informazioni del ministro e chiede al governo di rivelare maggiori dettagli. “Voglio che riveli quante persone in ogni fascia di età hanno questa sindrome e rilasci la fascia di età o le fasce di età per coloro che sono morti”, ha detto Ellis in un’intervista venerdì.

Ellis ha affermato di non aver appreso nulla di nuovo dalla lettera del segretario, ma si è detto felice di vedere l’impegno nei briefing pubblici. Ha aggiunto che la revisione clinica sta procedendo molto lentamente, ma occupare posizioni a tempo pieno presso la Mind Clinic sarebbe di aiuto.

Il dipartimento sanitario regionale afferma che il primo caso della malattia risale al 2015, ma un potenziale gruppo di casi non è stato identificato dai funzionari federali fino a dicembre 2020. Il sistema federale di sorveglianza della malattia di Creutzfeldt-Jakob ha rilevato un modello di sintomi tra i pazienti lo scorso anno e quindi ha escluso la possibilità che la sindrome fosse dovuta a una malattia da prioni umani come la CJD.

Diversi casi sono stati identificati nella regione di Moncton o nella penisola di Acadian, nel nord-est della contea, ma non c’erano prove evidenti che suggerissero che la sindrome fosse geograficamente correlata.

A marzo, un ricercatore di Public Health Canada ha affermato che la probabile causa potrebbe essere un qualche tipo di esposizione ambientale.

A questo punto, ha detto Sheppard, il governo non ha nuovi dettagli sulla causa della malattia. “È importante iniziare con questo senza pregiudizi”, ha detto. “Ecco perché questi sondaggi sono così importanti per aiutarci a determinare il prossimo percorso migliore”.

READ  La NASA e SpaceX lanciano la missione Crew-2 dopo un ritardo meteorologico

Questo rapporto è stato pubblicato per la prima volta da The Canadian Press il 16 luglio 2021.

Giustina Rizzo

"Professionista di musica estrema. Twitter geek. Aspirante fanatico di viaggi. Nerd appassionato di alcol."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x