― Advertisement ―

spot_img
HomeWorldIl ministro dell'Interno britannico di origine indiana propone un nuovo giro di...

Il ministro dell’Interno britannico di origine indiana propone un nuovo giro di vite sui clandestini

Suella Braverman ha annunciato martedì una nuova immigrazione clandestina. (file)

Londra:

Il ministro degli Interni indiano britannico Soila Braverman ha annunciato martedì un nuovo disegno di legge sull’immigrazione clandestina che significherebbe che i migranti che arrivano illegalmente nel Regno Unito su piccole imbarcazioni sarebbero “spazzati via”.

Il ministro, il cui padre è di origine goa e madre è tamil, ha fatto riferimento alle sue radici immigrate durante la sua dichiarazione alla Camera dei Comuni, descrivendo in dettaglio il nuovo “approccio forte” contro l’immigrazione clandestina.

“Non smetteranno di venire qui fino a quando il mondo non saprà che se entri illegalmente in Gran Bretagna verrai detenuto e rispedito rapidamente nel tuo paese, se è sicuro, o in un paese terzo sicuro come il Ruanda”, ha detto la signora Braverman.

“E questo è esattamente ciò che farà questa legge. È così che fermeremo le barche”, ha detto.

Il ministro degli Interni ha affermato che il nuovo disegno di legge significherebbe che le revisioni giudiziarie dell’ultimo minuto “che si svolgono a tarda notte senza alcuna possibilità di presentare il nostro caso o persino decisioni di appello” non sono più consentite.

“Ora, il Regno Unito deve sempre sostenere i più vulnerabili del mondo. Dal 2015, abbiamo dato rifugio a quasi mezzo milione di persone. Tra loro ci sono 150.000 persone da Hong Kong, 160.000 dall’Ucraina e 25.000 afgani in fuga dai talebani”.

“In effetti, decenni fa, i miei genitori hanno trovato sicurezza e opportunità in questo paese, qualcosa per cui la mia famiglia sarà per sempre grata”, ha detto la signora Braverman.

READ  Il personale ospedaliero deve seguire un corso di primo soccorso sulla salute mentale

“Per il governo non rispondere alle ondate di immigrati clandestini che violano i nostri confini sarebbe un tradimento della volontà delle persone che siamo stati eletti per servire”, ha detto.

In base alla nuova legge, sarà suo dovere di ministro degli Interni “rimuovere” coloro che entrano nel Regno Unito attraverso rotte illegali. Ciò avrebbe la precedenza legale sul diritto di qualcuno di chiedere asilo, anche se ci sarebbero eccezioni per i minori di 18 anni, coloro con gravi condizioni mediche e alcuni che sono “a rischio reale di danni gravi e irreversibili”.

Eventuali ulteriori domande di asilo saranno esaminate a distanza dopo l’allontanamento. Il disegno di legge consentirebbe agli immigrati clandestini di essere trattenuti senza cauzione o revisione giudiziaria per i primi 28 giorni di detenzione, fino a quando non potranno essere rimossi.

Oltre alla repressione delle imbarcazioni non sicure che attraversano i confini marittimi francesi, Suella Braverman ha anche svelato i piani per fissare un tetto annuale fissato dal Parlamento ai migranti a cui è stato concesso asilo nel Regno Unito attraverso rotte sicure.

Il disegno di legge, i cui dettagli completi non sono ancora stati resi noti in parlamento, arriva dopo che il primo ministro britannico Rishi Sunak ha segnalato i piani per una nuova dura legge nel fine settimana.

“Non commettere errori, se vieni qui illegalmente, non puoi restare”, ha detto Rishi Sunak al Sunday Express.

Enti di beneficenza per i rifugiati e gruppi per i diritti umani hanno avvertito delle conseguenze legali per i richiedenti asilo vulnerabili.

Braverman ha insistito alla Camera dei Comuni: “Naturalmente, il Regno Unito cercherà sempre di sostenere il diritto internazionale e sono fiducioso che questo disegno di legge sia coerente con gli obblighi internazionali”.

READ  Il referendum di Taiwan è fallito in una grave battuta d'arresto per l'opposizione

Il partito laburista all’opposizione ha sollevato dubbi sulla legalità e l’utilità del disegno di legge, ei liberaldemocratici hanno affermato che i ministri hanno elaborato “un altro piano a metà”.

(Questa storia non è stata modificata dallo staff di NDTV ed è generata automaticamente da un feed sindacato.)

Video in primo piano della giornata

Opposizione alla missione: unita dalle agenzie, divisa dall’interesse personale?