Il ministro italiano afferma che il piano di ripresa dipende dal rafforzamento del settore privato

Il ministro delle Infrastrutture e della Mobilità, Enrico Giovanini, in un’intervista, ha avvertito che il piano dell’Italia di avviare la propria economia utilizzando sovvenzioni e prestiti del Fondo di ripresa dell’Unione europea non avrebbe successo senza un grosso acquisto da parte di investitori privati.

“Tutti parlano solo di fondi pubblici, ma questa è una visione distorta”, ha detto il ministro. Nel tentativo di spostare l’attenzione maggiormente verso un mix di finanziamenti pubblici e privati, Giovanini sta istituendo un comitato all’interno del suo ministero per esplorare modi per utilizzare altri strumenti finanziari per gli investimenti.

Il ministero ha la responsabilità comune di investire 40,7 miliardi di euro (49 miliardi di dollari) in finanziamenti stanziati per il paese nell’ambito del programma Next Generation dell’Unione europea. Altri programmi di sviluppo europei e nazionali aggiungeranno altri 20 miliardi di euro.

Ha detto che i progetti coperti dal piano di ripresa, compresa la creazione di zone economiche speciali e la costruzione di ferrovie ad alta velocità nel sud impoverito, promettono di creare un “ambiente favorevole” per le imprese e, in ultima analisi, attraggono investimenti privati.

Contratto di investimento

“A causa dell’epidemia, molte aziende hanno interrotto i loro investimenti e non c’era possibilità di spendere”, ha detto Giovanini. Il ministro ha affermato che le ampie riserve di liquidità fornite dalla Banca centrale europea non sono ancora confluite nell’economia reale.

Il ministro ha anche detto che si aspetta che le aziende italiane inizino a costruire nuove catene di approvvigionamento all’interno del paese per sviluppare alcuni progetti nell’ambito del piano.

Il ministro ha detto che un progetto italiano per lo sviluppo di treni alimentati a idrogeno è un esempio di “uno spazio straordinario per lo sviluppo della filiera nazionale”.

READ  Le azioni globali salgono su forti guadagni e guadagni di petrolio | Reuters | Attività commerciale

Giovanini ha detto che è in gioco la credibilità dell’Italia come partner affidabile. Ha detto che l’assegnazione e la supervisione di successo dei fondi dimostrerebbero che “l’Italia può finalmente spendere i soldi dell’UE in modo appropriato”. Giovanini ha detto che il successo del programma rafforzerà anche la fiducia dei cittadini nel governo del premier Mario Draghi.

© 2021 Bloomberg LP

Melania Cocci

"Guru del cibo. Fanatico del bacon. Appassionato di tv devoto. Specialista di zombi. Appassionato di cultura pop freelance."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x