Il mosaico dell’Imperatore Caligola perduto da tempo tornò in Italia dopo essere stato utilizzato come tavolino da caffè a New York

Ci sono state a lungo affermazioni che una terza corazzata potrebbe ancora trovarsi sul fondo del lago, e il restauro dei mosaici ha riacceso le speranze di essere ritrovate.

Per restaurare i due sandali degli anni Trenta, Mussolini ordinò il dragaggio di gran parte del lago.

Il misterioso terzo composto potrebbe essere situato in una porzione del lago che non è stata svuotata. Emiliano Belmonte, del consiglio comunale di Niemi, ha detto che da un’indagine sonar condotta alcuni anni fa non ne è stata trovata traccia, ma ciò non significa che non sia presente.

Ha detto al The Telegraph: “Secoli fa ci fu una frana su questo lato del lago, il che significa che la terza nave mitica potrebbe essere sotto di essa.”

“Il sonar non sarebbe penetrato nelle rocce. Stiamo pensando a diversi modi per esplorare il lago. Il mistero rimane.”

Alberto Bertucci, sindaco di Nemi, ha detto che ci sono rapporti risalenti al XV secolo che una terza chiatta potrebbe trovarsi sott’acqua, con pescatori locali che occasionalmente tirano manufatti nelle loro reti. “Ci sono prove che c’è qualcosa là fuori. Non è ancora finita. Queste navi mostrano il notevole lavoro di ingegneria che i romani furono in grado di fare.”

Dopo che i sandali furono recuperati dal fondo del lago durante l’era fascista, furono conservati in un museo appositamente costruito sulle rive del lago.

Ma nel 1944, quando gli Alleati avanzarono verso nord nella liberazione dell’Italia, il museo fu dato alle fiamme, con il sospetto che le forze tedesche in ritirata avessero incendiato il museo per dispetto. Gli scheletri di legno dei sandali imperiali furono quasi completamente distrutti.

READ  La Coppa del Mondo FIS riprenderà in Italia dopo una pausa di tre settimane

Tuttavia, il mosaico è sopravvissuto perché a quel tempo era conservato a Roma. Fu girato nel 1955 in un magazzino ma poi scomparve senza lasciare traccia.

La vicenda non si è più risolta fino a quando un reparto speciale della Polizia dei Carabinieri italiana, che si occupa di furto e traffico di beni culturali, è stato informato che era stato scambiato illegalmente negli Stati Uniti e che era stato utilizzato come tavolino da caffè in una Nuova York a casa. Per una coppia italiana. Dissero di averlo acquistato in buona fede negli anni ’60 da un aristocratico.

Il maggiore Paolo Salvatore dei Carabinieri ha detto che gli sforzi per recuperare i mosaici hanno comportato un processo “complesso” in collaborazione con la polizia e i pubblici ministeri statunitensi.

Il mosaico quadrato è stato restaurato nel 2017, dopodiché gli esperti hanno trascorso anni a pulire le macchie di tè e caffè che si erano accumulate nel corso degli anni.

Massimo Osana, Direttore Generale Musei Italiani, ha accolto con favore l’inaugurazione presso il Museo delle Navi sulle rive del Lago di Nemi.

“È essenziale riportare artefatti come questi ai loro contesti originali”, ha detto. “Sono così felice che sia finalmente riportato da dove veniva”.

Ha detto che le chiatte di Caligola non erano navi normali, ma “palazzi galleggianti”. Avevano acqua corrente calda e fredda, pavimenti a mosaico e stanze da pranzo e da letto.

Durante il restauro delle chiatte negli anni ’30, gli archeologi scoprirono statue in bronzo decorate di teste di lupo e leone e la mitica figura Medusa.

Celestino Traglia

"Fanatico del web. Aspirante evangelista del bacon. Appassionato di musica esasperatamente umile. Lettore estremo. Pensatore amichevole. Pioniere televisivo."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x