Il mosaico dell’Imperatore è in mostra in Italia dopo che lo ha speso come tavolo di New York City

Un mosaico saccheggiato che adornava una nave dell’imperatore romano Caligola che finì come un tavolino da caffè a New York City è finalmente tornato a casa giovedì, poiché i dettagli sulla svolta fortunata sono emersi dalle indagini che ci sono arrivate.

I funzionari hanno svelato i mosaici nel Museo delle navi romane, costruito negli anni ’30 appositamente per ospitare i tesori di due gigantesche navi cerimoniali Caligola intorno al 40 d.C. Alla fine le navi affondarono e furono scavate nelle profondità del Lago di Nemi, sulle colline albanesi del sud di Roma, a partire dalla fine degli anni 1890.

Il mosaico, una stampa geometrica di 1,5 metri quadrati con ricche pietre verdi, viola-rossastre e bianche, faceva parte di un pavimento intarsiato su una delle navi, progettato e decorato principalmente come un palazzo galleggiante a testimonianza della grandezza di Caligola.

Non è chiaro quando il mosaico sia passato in mani private o in quali circostanze. Alla fine, tuttavia, fu acquistata da un antiquario di New York e dal marito giornalista italiano, che la riportarono a New York e realizzarono un tavolino da caffè per il loro appartamento di Park Avenue.

E rimase lì, relativamente indisturbato, fino al 23 ottobre 2013. Quella notte, nella gioielleria Bulgari sulla Fifth Avenue a Manhattan, l’esperto di marmo e pietra Dario Del Buffalo stava tenendo una conferenza e firmando un libro per il suo nuovo libro. porfido, Sulla rara pietra rosso porpora prediletta dagli imperatori romani, alla quale ha partecipato l’élite culturale di New York.

Mentre firmava i libri, Del Buffalo ha detto di aver sentito due donne sfogliare il suo libro gridare “Questo è il mosaico di Helen! Questo è il mosaico di Helen!” Dopo aver visto una foto dell’opera.

READ  "Grande Fratello Vip 5" continua l'episodio 29 in tempo reale

“Non ho capito”, ha detto Del Buffalo, giovedì mentre esponeva i mosaici al Museo di Nemi. C’erano molti esperti d’arte e ho chiesto: ‘Chi è Helen? “Mi dicono che è una donna che ha una casa in Park Avenue e questo stesso mosaico.”

Helen era Helen Fiorati, una commerciante di antichità, e presto fu colta nelle indagini dalla Procura Generale di Manhattan, dal Ministero della Cultura Italiano e dalla Squadra degli Artisti dei Carabinieri, tutti a caccia di antichità saccheggiate dall’Italia e finite in privato collezioni e i più importanti musei americani.

L’ufficio di Manhattan Da ha annunciato nell’ottobre 2017 di aver sequestrato il mosaico e di averlo restituito alle autorità consolari italiane, che lo hanno restituito in Italia. Da allora è in mostra temporanea in Italia, ma giovedì è stato restituito al Museo di Nemi, insieme ad altri manufatti delle navi di Caligola.

Ha detto Fiorati Associated Press Al momento del sequestro aveva acquistato i mosaici in buona fede più di 40 anni fa mentre viveva in Italia e le fu detto che apparteneva alla famiglia aristocratica Barberini. Non è mai stata citata in giudizio e ha deciso di non porre il veto al turno perché pensava che sarebbe costato troppo e avrebbe richiesto troppo tempo.

“Fu un acquisto innocente”, disse all’epoca, aggiungendo che la vendita era stata mediata da uno storico dell’arte italiano noto per il suo lavoro di recupero di opere d’arte rubate dai nazisti. “Ne siamo rimasti molto soddisfatti. Ci è piaciuto molto. Lo possediamo da anni e anni e le persone ci hanno sempre fatto i complimenti”.

Del Buffalo ha detto che l’ufficio del procuratore generale alla fine gli ha chiesto di convalidare il mosaico. Ha detto di aver subito riconosciuto i pezzi rotondi di porfido utilizzati, così come il restauro della fessura verticale.

READ  'Ladri acrobatici' usano Instagram per conquistare le case delle celebrità a Milano Italia

“Quando mi hanno mostrato le immagini a mosaico di questa donna che viveva a New York, ho detto: ‘Sì, è esattamente lo stesso’, ha detto.

Del Buffalo ha suggerito che il mosaico potrebbe non essere mai esposto nel museo, che è stato trasformato in un rifugio antiaereo durante la seconda guerra mondiale e poi danneggiato da un incendio. Ha notato che a differenza di altre reliquie, i mosaici non mostrano alcuna prova di danni da incendio, indicando che sono stati smaltiti prima o durante la guerra, o non sono mai stati lì e sono stati in mani private dopo gli scavi.

Il sindaco di Nemi, Alberto Bertucci, ha detto che la città è orgogliosa di accogliere i mosaici a casa.

“I mosaici testimoniano il significato e la grandezza di queste navi imperiali”, ha detto giovedì durante la cerimonia di inaugurazione. “Queste navi erano come edifici: non avrebbero dovuto navigare e la grandezza di questo imperatore che voleva mostrare attraverso queste navi la grandezza del suo dominio sull’Impero Romano”.

Celestino Traglia

"Fanatico del web. Aspirante evangelista del bacon. Appassionato di musica esasperatamente umile. Lettore estremo. Pensatore amichevole. Pioniere televisivo."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x