Il Napoli ha vinto il primo scudetto italiano in 33 anni | notizie di calcio

Il Napoli ha vinto il primo scudetto italiano in 33 anni |  notizie di calcio

L’1-1 contro l’Udinese ha regalato al Napoli il punto necessario per vincere il suo primo scudetto dal 1990.

Il Napoli ha finalmente messo fine alla sua lunga attesa per vincere la Serie A, unendosi all’icona del club Diego Maradona nei libri di storia per essere stato incoronato campione d’Italia con un record di cinque partite.

Il pareggio per 1-1 di giovedì contro l’Udinese ha dato al Napoli l’opportunità di cui aveva bisogno per porre fine ai suoi 33 anni di attesa, portando a festeggiamenti sfrenati tra migliaia di tifosi a Udine, allo stadio Maradona di Napoli e in tutta la più grande città del sud Italia.

I tifosi sono scesi in campo alla Dacia Arena per festeggiare dopo una stagione dominata dalla squadra di Luciano Spalletti, creando momenti di tensione con i tifosi di casa scontenti di feste a porte aperte.

Victor Osimhen ha segnato il gol decisivo nella ripresa quando gli attuali campioni del Napoli hanno rimontato in rimonta nel primo tempo di Sandy Lovric ed hanno emulato le squadre guidate da Maradona, che ha vinto il campionato nel 1987 e nel 1990.

“Per confrontarmi con lui, essere capitano dopo Maradona per alzare lo scudetto, non ho parole”, ha detto il capitano Giovanni Di Lorenzo. “Non è il mio soprannome, appartiene a ogni giocatore e alle persone che hanno lavorato per realizzare il nostro sogno”.

Spalletti e la sua squadra riceveranno un’accoglienza emozionante al loro ritorno a Napoli, dove le feste in tutta la città continueranno fino alla prossima partita casalinga contro la Fiorentina di domenica sera.

READ  I famosi All Blacks si preparano a scendere dal palco ma non c'è tempo per i sentimenti
I tifosi del Napoli festeggiano la vittoria del campionato italiano [Guglielmo Mangiapane/Reuters]

“Vedere i napoletani felici è sufficiente per dare il senso della gioia che provano”, ha detto Spalletti a DAZN, sull’orlo delle lacrime.

“Queste persone guarderanno indietro a questo momento in cui la vita diventa dura, hanno tutto il diritto di festeggiare in quel modo. Ti senti più a tuo agio sapendo che hai dato loro questo momento di felicità”.

Era giusto che Osimhen fosse l’uomo che ha guidato il Napoli sulla linea perché l’attaccante nigeriano ha avuto la migliore stagione della sua carriera ed è stato fondamentale per la gloria storica del Napoli.

Il gol decisivo di Osimhen è stato il suo 22esimo in 28 presenze in campionato, e giustamente ha causato il putiferio tra il pubblico gremito che ha attanagliato Udine.

Il vantaggio di 16 punti del Napoli sulla Lazio, seconda in classifica, lascia loro un mese di corsa da qui alla fine della stagione che consentirà ai suoi tifosi a lungo sofferenti di scrollarsi di dosso più di una generazione di frustrazione.

Spalletti ha detto che Diego Maradona ha messo gli occhi sul Napoli e ha aiutato il suo vecchio club a conquistare finalmente il titolo di Serie A.

Maradona, scomparso nel 2020, è considerato da molti il ​​più grande calciatore di tutti i tempi, e i suoi anni di punta sono stati trascorsi al Napoli, dove ha vinto due scudetti e la Coppa UEFA del 1989.

Maradona, scomparso nel 2020, ha vinto due scudetti e la Coppa Uefa nel 1989 con il Napoli. [Guglielmo Mangiapane/Reuters]

Gli omaggi a Maradona si possono trovare in tutta Napoli ed è considerato un santo patrono da una città appassionata di calcio la cui squadra non ha raggiunto le stesse vette dalla sua partenza nel 1991.

READ  Alex Marquez Balic a Madrid, Watkan Motorcycle in Giappone

È il primo titolo di Serie A nella lunga e movimentata carriera da allenatore di Spalletti, e il carismatico toscano è quasi sopraffatto dall’emozione di non poter più essere considerato l’uomo più vicino al calcio italiano.

“Sì! Champions” ha detto a Reuters Television il tifoso Roberto Santoniello, indossando con orgoglio la maglia del suo club mentre altri urlavano, sventolavano bandiere e accendevano razzi e petardi nel centro di Trieste e in piazza Trento a Napoli.

La polizia ha vietato i fuochi d’artificio, ma questo non ha impedito al cielo napoletano di illuminarsi una volta terminata la partita contro l’Udinese. Le autorità hanno anche vietato il traffico di auto e moto dal centro della città nella speranza di ridurre i rischi per l’ordine pubblico.

“Sto aspettando lo scudetto napoletano da quando ero piccola”, ha detto un’adolescente con due dei suoi amici, le guance dipinte di blu napoletano. “È una vittoria per l’intera città, è incredibile”, ha aggiunto, rifiutando di essere nominata.

Cinzia Necci

"Professionista di musica estrema. Twitter geek. Aspirante fanatico di viaggi. Nerd appassionato di alcol."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x