Il “periodo di adattamento” alla vita italiana – Appalachi

Il “periodo di adattamento” alla vita italiana – Appalachi

Emma Dalì

Il Ponte Vecchio si trova di fronte al fiume Amo e ti porta direttamente nella città di Firenze.

Il mio viaggio in Italia è iniziato con l’addio agli amici, alla famiglia e all’indipendenza in quel terrificante viaggio di otto ore. Quando senti qualcuno dire che sta per partire per un viaggio di studio all’estero, pensi al divertimento, ai viaggi e al periodo più bello della tua vita. Posso dirti subito che è la cosa più spaventosa che potresti mai fare.

Ho passato la prima settimana a odiarmi per la nostalgia di casa quando avevo a disposizione l’intera città di Firenze. Avevo paura di fare amicizia per paura di affezionarmi troppo e di non poterli lasciar andare, e avevo anche paura che non avrei mai fatto amicizia. La mia salute mentale si è deteriorata e il mio amore per i viaggi sembrava scemare.

Ma con il periodo di adattamento, ho presto scoperto quanto amassi Firenze e ho iniziato a realizzare una cosa molto importante: sono qui solo una volta.

Incontrare i miei coinquilini è stata la prima cosa che ho fatto. Erano gentili, premurosi e sarcastici nel miglior modo possibile. Sydney, la mia prima compagna di viaggio, era divertente e timida. Millie mi ha fatto sentire come a casa perché la conoscevo già dalla confraternita. Katie e Katrina avevano le personalità più grandi e straordinarie che abbia mai visto. E MK, beh, ti ruba il cuore a modo suo. Tutti mi hanno aiutato a sistemarmi e a venire a patti con il fatto che dovevo ottenere il massimo da questi prossimi quattro mesi. Ma la cosa più importante che mi ha aiutato è stato il viaggio.

READ  La cucina italiana a conduzione familiare apre la sua prima sede a Vancouver
La cattedrale italiana Duomo è chiamata la Basilica di Santa Maria del Fiore nel centro di Firenze. (Emma Dali)

Era il mio primo viaggio a Venezia. È stata una notte piena di fretta alle 3 del mattino, autobus prenotato dopo singoli bicchieri di vino. Il mio compagno di stanza e io stavamo correndo insonni, facendo le valigie e uscendo dalla porta entro tre ore dal nostro biglietto dell’autobus. Il viaggio è durato ben quattro ore e quando siamo arrivati ​​a destinazione ci siamo resi conto di aver raggiunto la stazione che ci aveva appena portato nella città alle porte di Venezia. A questo punto non sapevamo cosa fare. Abbiamo fatto un pisolino nell’atrio di un motel a caso e abbiamo cercato di capire come entrare in città invece di arrenderci completamente. Un’ora dopo, abbiamo trovato la nostra grazia salvifica: un viaggio in treno da quattro euro direttamente in città. Non appena siamo scesi dal treno e siamo entrati nelle strade fiancheggiate da molti canali, lo stress e l’ansia sono scomparsi. La nostalgia di casa svanì mentre esploravo Venezia con il mio coinquilino. Con questo, ho capito quanto sono fortunato ad avere Firenze come base.

La settimana successiva abbiamo iniziato a studiare. Quando pensi a un programma universitario medio, sono sicuro che sembra tre giorni alla settimana delle stesse lezioni e altri due giorni di lezioni diverse. Beh, in Italia è un po’ diverso. Abbiamo lezioni un giorno alla settimana e durano 2 ore e 30 minuti.

Dopo due settimane di studio in Italia, non sono ancora sicuro di quale orario preferire. Le lezioni possono durare a lungo, ma ho anche solo tre giorni di lezione, quindi ho il tempo di viaggiare nei fine settimana. Le lezioni qui sono anche molto più interattive delle aule negli Stati Uniti.

READ  Guida della città di Bergamo, Italia
La vista da Piazelle Michelangelo, il belvedere è un buon posto contemplativo per scrivere un diario, leggere e dimenticare il resto del mondo.

Qui prendo cinema e letteratura italiana, prima sceneggiatura, spettacolo, oratorio e serie: tv e non solo. Queste lezioni sono per lo più basate su lezioni frontali, ma includono anche molte analisi di film e letture di sceneggiature, cosa che non faccio mai nelle lezioni di cinema negli Stati Uniti.

L’unica cosa che rende le mie lezioni più difficili è la barriera linguistica. Anche se ho scelto di studiare in Italia, non conosco la lingua. Tutte le mie lezioni sono tenute in inglese, ma gli accenti possono essere difficili da capire e la velocità con cui gli insegnanti parlano è molto alta.

Il mio viaggio all’estero è stato a dir poco interessante e terrificante. Mi mancano i miei amici e la mia famiglia, ma lentamente e sicuramente ne sto facendo di nuovi qui. Stabilirsi e lo shock culturale sono le cose più difficili da fare, soprattutto quando si supera la paura di perdersi qualcosa. Un altro ostacolo che ho dovuto superare è stato l’enorme cambiamento di tempo con le persone a casa. Detto questo, non scambierei le mie ultime 3 settimane per il mondo e non vedo l’ora di vedere cosa succederà dopo.


Celestino Traglia

"Appassionato di musica. Giocatore. Professionista dell'alcol. Lettore professionista. Studioso del web."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x