Il più grande problema economico dell’Italia? ancora Italia

NAPOLI, Italia – Qualunque siano le speranze che un governo radicalmente poco ortodosso possa far uscire l’Italia dal torpore economico hanno spesso lasciato il posto a amare dimissioni, in questo Paese nulla sembra cambiare mai.

A più di un anno da quando l’Italia ha consegnato il potere a una coalizione di due partner fratturati – la Lega populista di destra e il Movimento Cinque Stelle anti-establishment – l’economia è sotto costante pressione politica.

E ora il gioco sembra pronto a produrre ancora più caos e incertezza quando Matteo Salvini, il leader della Lega, giovedì ha dichiarato divergenze inconciliabili con Five Star e indetto elezioni anticipate.

Le aziende stanno ritardando le espansioni e limitando gli investimenti piuttosto che rischiare denaro in un momento di incertezza. Il debito pubblico rimane enorme, a più di 2 trilioni di euro ($ 2,24 trilioni), ovvero più del 130 per cento della produzione economica annuale.

Le banche sono ancora piene di prestiti inesigibili, anche se meno di prima, che le rendono riluttanti a concedere prestiti. Un’economia che non si è espansa nell’ultimo decennio è rimasta stagnante tra aprile e giugno, secondo dati recenti, mentre gli investimenti si sono ridotti. Ciò non ha mantenuto l’Italia sulla buona strada per la crescita quest’anno, rafforzando al contempo la sua pretesa su un titolo sgradito: l’economia più debole d’Europa.

All’inizio di quest’anno, il Gruppo Adler Pelzer, un importante produttore italiano, si è assicurato un ordine del valore di 2,6 milioni di euro (quasi 3 milioni di dollari) per la produzione di componenti per aerei militari. Questo ha creato 250 nuovi posti di lavoro nel suo stabilimento fuori Napoli, il cuore del perennemente turbolento sud Italia.

“E’ stata una grande opportunità”, ha affermato Paolo Scuderi, presidente dell’azienda e consigliere di amministrazione di Confindustria, la più potente associazione imprenditoriale italiana.

Ma l’azienda ha recentemente spostato l’attività in una fabbrica in Polonia in risposta al crescente caos politico.

“La battaglia con l’Unione Europea ei conflitti con il mondo hanno creato problemi di credibilità al governo italiano”, ha affermato Scuderi. Hanno causato problemi non solo alla mia azienda ma a tutte le aziende italiane e, soprattutto, all’Italia stessa. Tutti quelli che vogliono investire in Italia ora ci pensano due volte”.

L’Italia il mese scorso è riuscita a disinnescare il suo problema più urgente, il rischio di penalizzare l’Unione Europea per aver violato i suoi vincoli di debito pubblico. Dopo aver minacciato multe, Bruxelles ha rinviato quando alcuni dei piani di spesa esistenti dell’Italia si sono rivelati meno costosi del previsto.

Questo risultato è stato celebrato a Roma come prova che l’Italia poteva ridurre il proprio debito ed evitare conflitti con il blocco europeo.

Il ministro delle finanze italiano, Giovanni Tria, ha dichiarato durante un’intervista nel suo ufficio cavernoso a Roma che i massicci affreschi del soffitto possono provocare gelosia in Vaticano.

READ  Draghi Ally è considerato il miglior candidato per la gestione di un istituto di credito statale italiano

“Abbiamo annullato tutte le possibili discussioni sulla nostra situazione in Europa”, ha aggiunto Tria. “Vogliamo cambiare le regole, ma stiamo rispettando le regole attuali”.

Tuttavia, questo autunno ci aspettano altre scaramucce con Bruxelles quando il governo inizia le deliberazioni sul bilancio del prossimo anno. L’associazione è ancora intenzionata ad adottare un piano cosiddetto flat tax per tagliare le tasse. Il suo pagamento costringerebbe l’Italia a tagliare la spesa oa scontrarsi nuovamente sui limiti del debito europeo.

“Dobbiamo scegliere”, disse il signor Trea. “Se si vuole fare una riforma fiscale nella direzione della flat tax, dobbiamo tagliare le spese”.

Il problema è che i tagli alla spesa stanno privando l’economia del carburante per la crescita. Le successive amministrazioni italiane hanno sottolineato la necessità di ampliare l’appello di Bruxelles per il permesso di spendere più di quanto consentito dalle regole di bilancio.

Questa è sempre stata una vendita difficile, poiché i funzionari europei orientati all’austerità tendono a vedere l’Italia come un’adolescente viziosa che cerca di abbandonare la carta di credito di famiglia. È un argomento ancora più difficile ora, poiché l’Italia dirige un governo i cui leader hanno ripetutamente minacciato di rompere con l’ortodossia europea.

I disordini politici si sono intensificati nelle ultime settimane a seguito della crisi Report di BuzzFeed Che i consiglieri della Lega si siano incontrati segretamente con funzionari russi che cercano di migliorare le prospettive del partito nelle elezioni europee di quest’anno. Salvini ha smentito la relazione, mentre il suo omologo a cinque stelle, Luigi Di Maio, lo ha esortato a rivolgersi al parlamento. L’ultimo antagonista è stata l’opposizione dei Cinque Stelle a una ferrovia ad alta velocità che collegasse il nord Italia con la Francia.

Con il governo ora destinato al collasso, la quarta economia più grande d’Europa è ancora bloccata in un pantano familiare.

“E’ una recessione sequenziale”, ha detto Nicola Puri, professore di finanza alla Louis University di Roma. “L’economia non si contrae e non cresce. L’Italia è un Paese debole, vecchio, in cui non si investe in nuove idee”.

Alcuni dirigenti d’azienda sostengono che i discorsi cupi nascondono il potere, specialmente nelle regioni industriali del nord del paese.

“L’economia reale del Paese è molto forte”, ha affermato Carlo Messina, amministratore delegato di Intesa Sanpaolo, la seconda banca italiana per asset. “Continueremo a essere un Paese molto resiliente in ogni scenario”.

Ha liquidato il dramma politico come un baraccone. “Credimi”, ha detto, “in Italia siamo abituati a una situazione politica del genere”.

L’attuale governo è per molti versi un prodotto dell’insoddisfazione pubblica per la pessima performance economica dell’Italia. Five Star ha ottenuto consensi con le sue promesse di cosiddetti pagamenti di reddito di base: sovvenzioni in contanti a persone a basso reddito. Era particolarmente attraente nel sud Italia, dove la disoccupazione fa da sfondo a tutto. La Lega, ora la forza politica dominante, ha ottenuto voti con l’impegno di arginare il flusso di immigrati e tagliare le tasse.

READ  Programmatori, designer e imprenditori prosperano grazie alla Apple Developer Academy

Ma i risultati si rivelarono deludenti, un sentimento particolarmente palpabile a Napoli, città gloriosa ma in via di estinzione sul Mar Tirreno.

Terribilmente belle, le sue strade sono piene di degrado. Napoli pullula di vecchie dimore, ora contaminate dall’abbandono, mentre i giovani si dirigono a nord in cerca di lavoro. Il Vesuvio – il vulcano la cui eruzione ha seppellito Pompei – si erge sopra il paesaggio, a ricordare che possono eruttare pressioni invisibili.

Una mattina, decine di operatori sanitari si sono radunati fuori da un edificio del governo regionale. Indossavano berretti rossi decorati con le lettere della loro unione, la CGIL, la più grande d’Italia. Hanno emesso forti fischi. Qualcuno teneva in mano il vivavoce e lo inclinava verso il cielo, gridando con rabbia ai funzionari negli uffici sopra.

I lavoratori hanno protestato per la perdita di 5.000 posti di lavoro negli ospedali regionali negli ultimi dieci anni, che ha portato a una carenza di medici e infermieri. Dissero che il nuovo governo di Roma non era interessato.

“Tutti vedono che combattono ogni giorno tra di loro e con l’Unione Europea”, ha detto il capo della sezione sindacale locale, Marco Daconto. Ma ciò che conta per noi è cosa fanno per il Paese e la regione. E questo non è niente”.

Nel quartiere popolare di Montesanto – appartamenti angusti punteggiati da stradine disseminate di immondizia – i disoccupati si radunano in una chiesa abbandonata che è stata rilevata da un’organizzazione improvvisata della comunità. Hanno scambiato strategie per navigare nello sconcertante sistema dei benefici del governo.

A livello nazionale, il tasso di disoccupazione è vicino al 10%, inferiore a quello di un anno fa, ma più o meno lo stesso del 2012, sulla scia di una brutale crisi economica. Molti qui dicono che la crisi non è mai finita.

“Ciò che era sbagliato prima è diventato sbagliato in un modo più stabile”, ha affermato Mimi Ercolano, attivista sindacale. “Ci sono un numero enorme di persone che lavorano in nero, nell’ombra dell’economia. È un cancro sociale”.

Dieci anni fa, nel pieno della crisi finanziaria mondiale, Antonio Pastore ha perso il lavoro che aveva ricoperto per due decenni, restaurando statue in marmo. Guadagnava circa 1.200 euro ($ 1349) al mese. Con gli ordini andati, ha detto, il suo datore di lavoro gli ha fatto pressioni affinché accettasse di lavorare fuori dai libri contabili, consentendo all’azienda di evitare di pagare le tasse. Rifiutato, espulso. Quella fu l’ultima volta che ebbe un vero lavoro.

READ  Il braccio Piaggio apre il primo stabilimento per veicoli elettrici a Chennai

Il Sig. Pastore ha assunto incarichi edilizi temporanei, lavorando sottobanco per 20 euro al giorno. Tornò a vivere con i suoi genitori.

Ora 45, sussulta quando gli è stato chiesto se ha figli.

“Non è possibile avere una famiglia quando non hai un lavoro”, ha detto.

È cambiato qualcosa da quando è subentrato il governo populista? Il signor Pastore sogghignò. “È solo peggiorato”, ha detto. “È diventato difficile trovare un lavoro, perché molte aziende stanno chiudendo i battenti”.

Fuori Napoli, in una fabbrica che produceva cesti di frutta, a marzo è caduta la scure, facendo finire gli stipendi di 117 lavoratori a tempo indeterminato e 200 appaltatori. Alcuni hanno fatto domanda senza successo per un lavoro in una vicina fabbrica di automobili per la Fiat, dove la forza lavoro è scesa a meno di 5.000, da 15.000 negli anni ’70.

La maggior parte dei disoccupati non ha diritto al pagamento del reddito di base, perché le regole vengono assegnate a coloro che ricevono sostegno finanziario dai parenti. Five Star una volta ha promesso che circa nove milioni di persone ne avrebbero beneficiato, ma solo 674.000 si erano qualificate all’inizio di giugno, secondo l’Istituto nazionale di assistenza sociale.

Trentacinque miglia a est di Napoli, nella città di Avellino, Sabino Basso ha interrotto i piani per assumere altre 30 persone nell’impianto di imbottigliamento dell’olio d’oliva avviato dal suo bisnonno.

L’azienda del signor Basso acquista olio d’oliva da coltivatori in Italia, Spagna e Grecia ed esporta l’80 percento dei suoi prodotti in paesi di tutto il mondo, in particolare negli Stati Uniti, dove Walmart è uno dei principali clienti. Aveva in programma di aumentare il marketing e le vendite online.

Ma poi Five Star ha inasprito i requisiti legali per le aziende che assumono lavoratori a tempo determinato, limitando di fatto i periodi di lavoro a un anno. Il cambiamento mirava a costringere le aziende ad assumere lavoratori a tempo indeterminato.

Il signor Basu era terrorizzato. Ha detto che tutti tranne cinque dei suoi 100 lavoratori sono a tempo indeterminato. Gli altri sono stagisti, condizione che gli ha permesso di essere assunto con contratto a tempo determinato.

“Per capire se voglio mantenere le persone per tutta la vita”, ha detto, “devo metterle alla prova”. Le nuove regole non gli hanno concesso abbastanza tempo. “Ho appena smesso di assumere”.

Le sue vendite in Italia sono diminuite del 4% quest’anno, una tendenza che attribuisce al tumultuoso reality show della politica italiana.

“Quando la televisione dice che il governo sta combattendo con l’Unione Europea, e che Salvini sta combattendo con Di Maio, colpisce i consumatori”, ha detto. “Le aziende cercano stabilità”.

Melania Cocci

"Pioniera degli zombi. Fan della tv esasperante e umile. Lettore. Creatore. Giocatore professionista."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Read also x