Il più grande terremoto della storia è stato identificato in Cile

Un nuovo studio ha trovato prove che il più grande terremoto della storia potrebbe essere stato un terremoto cileno di magnitudo 9,5 verificatosi quasi 4.000 anni fa.

Ricercatori provenienti da Cile, Regno Unito, Australia e Francia affermano che questo terremoto si è verificato 3.800 anni fa nel deserto di Atacama, situato nell’attuale Cile settentrionale, e ha causato uno tsunami che ha colpito le coste fino alla Nuova Zelanda e forse al Giappone.

I risultati sono stati pubblicati in peer review rivista progresso della scienza anticipo questo mese.

Secondo lo studio, la forza dell’antico terremoto è paragonabile al terremoto del 1960 a Valdivia, nel sud del Cile.

La magnitudo del terremoto di Valdivia è stata stimata tra 9,4 e 9,6, rendendolo il terremoto più forte mai registrato. Tuttavia, quel terremoto tagliò 800 chilometri di lunghezza. Si stima che questo terremoto recentemente scoperto nel deserto di Atacama si sia esteso per 1.000 km.

“Si pensava che non si potesse avere un evento di questa portata nel nord del paese solo perché non si poteva ottenere una rottura abbastanza a lungo”, ha affermato James Goff, coautore dello studio e professore in visita all’Università di Southampton. In un comunicato stampa. “Ma ora abbiamo trovato prove di una rottura a circa 1.000 chilometri al largo della costa del deserto di Atacama ed è enorme”.

I ricercatori hanno trovato grandi depositi di rocce costiere nelle profondità dell’entroterra, indicando la prova di un enorme tsunami. Hanno anche trovato sedimenti oceanici, nonché resti di vita marina che avrebbero spazzato il deserto a causa dello tsunami.

“Il deserto di Atacama è uno degli ambienti più aridi e ostili del mondo, ed è sempre stato difficile trovare prove di tsunami lì”, ha affermato Goff nella dichiarazione.

READ  Il crollo di un edificio al Cairo, in Egitto, uccide molte persone | Notizie dal Medio Oriente

“Tuttavia, abbiamo trovato prove di sedimenti marini e molti mostri che sarebbero vissuti tranquillamente nel mare prima di essere scaricati nell’entroterra. E abbiamo scoperto che tutti questi sedimenti sono molto alti e lontani dalla terraferma, quindi non può essere un tempesta li ha messi lì”.

I ricercatori affermano che il terremoto e il successivo tsunami hanno causato “eccezionali disagi sociali” alle comunità di cacciatori-raccoglitori che vivevano lì in quel momento.

“La gente del posto non è rimasta lì senza niente”, ha detto Goff. “Il nostro lavoro archeologico ha scoperto che una massiccia interruzione sociale è seguita quando le comunità si sono spostate nell’entroterra fuori dalla portata dello tsunami”.

Goff ha detto che la gente del deserto di Atacama non è tornata sulla costa fino a più di mille anni dopo il terremoto.

“È possibile che la tradizione tramandata di generazione in generazione abbia favorito questo comportamento resiliente, anche se non lo sapremo con certezza”, ha affermato.

Dall’altra parte del Pacifico meridionale, i ricercatori hanno anche trovato prove in Nuova Zelanda che lo tsunami potrebbe aver lanciato rocce delle dimensioni di un’auto per centinaia di metri nell’entroterra.

“In Nuova Zelanda, abbiamo detto che quelle rocce avrebbero potuto essere spostate solo da uno tsunami dal nord del Cile e avrebbero bisogno di qualcosa come un terremoto di magnitudo 9,5 per generarle. E ora le abbiamo trovate”, ha detto Goff.

I ricercatori sperano che le loro scoperte forniscano una migliore comprensione degli effetti di forti terremoti e sottolineino l’importanza di imparare a costruire una società che sia resiliente a tali disastri naturali.

“Questo è l’esempio più antico che abbiamo trovato nell’emisfero australe in cui un terremoto e uno tsunami hanno avuto un impatto catastrofico sulla vita delle persone, e c’è molto da imparare da questo”, ha detto Goff. “La prossima volta che si verifica un evento come questo, le conseguenze potrebbero essere disastrose a meno che non impariamo da questi risultati”.

READ  La Russia risponde duramente alla strambata dei Blinkin sulle truppe in Kazakistan

Sergio Venezia

"Fanatico del web. Aspirante evangelista del bacon. Appassionato di musica esasperatamente umile. Lettore estremo. Pensatore amichevole. Pioniere televisivo."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Read also x