Il presidente afferma che Taiwan non si sottoporrà a China News

Il presidente di Taiwan Tsai Ing-wen ha affermato che il suo governo non soccomberà alle pressioni della Cina e continuerà a rafforzare le difese dell’isola per proteggere il suo stile di vita democratico.

La forte risposta di Tsai di domenica arriva il giorno dopo che il presidente cinese Xi Jinping ha promesso ancora una volta di ottenere una “riunione pacifica” con la regione autonoma.

Taiwan, che la Cina rivendica come suo territorio, è stata sottoposta a crescenti pressioni militari e politiche per accettare il dominio di Pechino.

Ciò include le ripetute incursioni dell’aeronautica cinese nella zona di identificazione della difesa aerea di Taiwan. Solo nella prima settimana di ottobre, Pechino ha inviato circa 149 aerei militari vicino all’isola, costringendo Taiwan a decollare con i suoi aerei da combattimento e causando preoccupazione a livello internazionale.

Rivolgendosi a una manifestazione tenuta per celebrare la Giornata nazionale di Taiwan nel centro di Taipei, Tsai ha detto che spera di allentare le tensioni attraverso lo stretto di Taiwan.

Ha detto che il suo governo non avrebbe “agito in modo avventato”, ma ha detto che “non ci dovrebbero essere illusioni di sorta che il popolo taiwanese soccomberà alle pressioni”.

In un discorso fuori dall’ufficio presidenziale, ha affermato che Taiwan “continuerà a rafforzare la nostra difesa nazionale e dimostrerà la nostra determinazione a difenderci al fine di garantire che nessuno possa costringere Taiwan a seguire il percorso tracciato dalla Cina”.

“Questo perché il percorso che la Cina ha tracciato non fornisce uno stile di vita libero e democratico per Taiwan, né sovranità per i nostri 23 milioni di persone”.

Una guardia d’onore militare partecipa alle celebrazioni della Giornata Nazionale di fronte all’edificio presidenziale a Taipei, Taiwan, domenica 10 ottobre 2021 [Chiang Ying-ying/ AP]
Una donna tiene e indossa la bandiera nazionale di Taiwan durante le celebrazioni della Giornata Nazionale di fronte all’edificio presidenziale a Taipei, Taiwan, domenica 10 ottobre 2021. [Chiang Ying-ying/ AP]

Ufficialmente conosciuta come la Repubblica di Cina (ROC), Taiwan è un’isola governata democraticamente situata a circa 161 chilometri (100 miglia) dalla costa della Cina continentale.

READ  Coronavirus: l'Organizzazione mondiale della sanità ora utilizza l'alfabeto greco per vari nomi

Le due parti sono state governate separatamente dalla fine della guerra civile cinese nel 1949, quando i comunisti fondarono la Repubblica popolare cinese a Pechino ei nazionalisti sconfitti fuggirono a Taiwan e vi stabilirono un governo.

Nonostante la sua indipendenza di fatto, Pechino vede Taiwan come una provincia separatista e ha introdotto un modello di autonomia “un paese, due sistemi” per Taiwan, proprio come viene utilizzato con Hong Kong. Ma tutti i principali partiti di Taiwan lo hanno respinto, soprattutto dopo la repressione della sicurezza cinese nell’ex colonia britannica.

Le tensioni sono salite ai massimi livelli sotto Xi, che ha interrotto i contatti ufficiali con Taipei dopo che Tsai era stato eletto cinque anni fa.

Pechino definisce il 65enne un separatista che rifiuta di riconoscere Taiwan come parte di “una Cina”.

Domenica, Tsai ha ripetuto l’offerta di parlare con la Cina sulla base della “parità”.

Ha detto che la buona volontà di Taiwan non cambierà e il suo governo farà del suo meglio per impedire che lo status quo con la Cina cambi unilateralmente.

Tsai ha continuato ad avvertire che la situazione a Taiwan è “più complessa e snella che in qualsiasi altro momento negli ultimi 72 anni” e ha affermato che la presenza militare di routine della Cina nella zona di difesa aerea di Taiwan ha seriamente compromesso la sicurezza nazionale e la sicurezza aerea.

Ha aggiunto che Taiwan è in prima linea nella difesa della democrazia.

Più otteniamo, più pressione dobbiamo affrontare dalla Cina. Quindi voglio ricordare a tutti i miei concittadini che non abbiamo il privilegio di abbassare la guardia”.

READ  La "nuova normalità" negli Stati Uniti è di mezzo grado più calda rispetto a 20 anni fa

Tsai sta supervisionando un programma di modernizzazione militare per rafforzare le sue difese e la sua deterrenza, compresa la costruzione dei suoi sottomarini e missili a lungo raggio che possono colpire in profondità la Cina.

Le forze armate erano una parte importante della parata della Giornata Nazionale presieduta da Tsai, con aerei da combattimento che ronzavano sopra l’ufficio presidenziale e lanciarazzi montati su camion tra le altre armi passate davanti al podio dove era seduta.

Rob McBride di Al Jazeera, di Hong Kong, ha definito il discorso di Tsai una “sfida” e ha affermato che riflette “l’opinione prevalente a Taiwan al momento, dove la maggior parte delle persone è ugualmente resistente all’aumento della pressione dalla Cina continentale”.

“La riunificazione con Taiwan è stata l’obiettivo dei presidenti cinesi sin dalla formazione della Repubblica popolare cinese e Xi è determinato a raggiungere questo obiettivo sotto la sua guida”, ha affermato McBride.

“Ma la posizione di Tsai Ing-wen è che il futuro dell’isola sarà deciso dalla sua gente”, ha detto.

Nel suo discorso, ha anche parlato dell’esperienza di Hong Kong, che negli ultimi mesi ha visto l’erosione di alcuni diritti e libertà nell’ambito dell’attuazione di una nuova legge globale sulla sicurezza. Dice che dovrebbe servire da avvertimento per il popolo di Taiwan.

Sergio Venezia

"Fanatico del web. Aspirante evangelista del bacon. Appassionato di musica esasperatamente umile. Lettore estremo. Pensatore amichevole. Pioniere televisivo."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x