― Advertisement ―

spot_img

L'ultimo accessorio dell'estate? I cuscinetti auricolari ispirati a Trump invadono la Convention Nazionale Repubblicana – Nazionale

Sembra che Donald Trump possa ora aggiungere il titolo di "fashion influencer" al suo curriculum.L'ex presidente, anche se non particolarmente conosciuto come un fan...
HomeWorldIl presidente boliviano ringrazia il popolo per aver sventato il fallito colpo...

Il presidente boliviano ringrazia il popolo per aver sventato il fallito colpo di stato Notizie militari

sviluppo della storia,

Le organizzazioni regionali si schierano a sostegno del governo boliviano mentre truppe e veicoli blindati si radunano nella capitale.

Il presidente boliviano Luis Arce ha espresso il suo ringraziamento al popolo dopo aver affrontato un tentativo di colpo di stato che ha suscitato la condanna internazionale e ha visto i soldati fare irruzione nelle porte del palazzo presidenziale.

Le forze guidate dal comandante in capo dell'esercito, Juan Jose Zuniga, hanno iniziato a ritirarsi dalla zona circostante il palazzo presidenziale, dopo che Arce ha invitato il Paese a difendere la democrazia e ha licenziato Zuniga insieme ai comandanti della Marina e dell'Aeronautica. Forze. Leader di tutto il mondo hanno criticato le azioni dell'esercito, definendole illegali.

“Grazie mille al popolo boliviano”, ha detto Arce. “Lunga vita alla democrazia”.

Un filmato drammatico trasmesso mercoledì dalla televisione boliviana mostrava Arce affrontare Zuniga all'ingresso del palazzo. “Sono il tuo comandante, ti ordino di ritirare i tuoi soldati e non permetterò questa disobbedienza”, ha detto Arce.

Il nuovo capo di stato maggiore José Wilson Sánchez ha ordinato a tutte le truppe mobilitate di tornare nelle loro caserme, dicendo: “Nessuno vuole le immagini che vediamo nelle strade”. L'ufficio del procuratore generale ha dichiarato di aver aperto un'indagine penale sui responsabili del fallito tentativo contro il governo.

Un soldato invita i giornalisti a lasciare Plaza Murillo mentre i soldati si radunano vicino al palazzo presidenziale a La Paz, Bolivia, mercoledì 26 giugno 2024. [Juan Karita/AP Photo]

Prima di entrare nell'edificio, Zuniga aveva parlato con i giornalisti nella capitale.

Ha detto: “Smettetela di distruggere, smettetela di impoverire il nostro Paese, smettetela di umiliare il nostro esercito”.

“I tre comandanti delle forze armate sono venuti ad esprimere il nostro sgomento. Ci sarà un nuovo governo, le cose cambieranno sicuramente, ma il nostro Paese non può più continuare così.” Il generale ha sottolineato di aver riconosciuto Arce come comandante in capo le forze armate “per ora” ma sta cercando di “ripristinare la democrazia”.

READ  Mar Rosso: il Canada invia 3 ufficiali di stato maggiore nell’operazione guidata dagli Stati Uniti

L'ex presidente Evo Morales ha denunciato l'azione dell'esercito in piazza Murillo davanti al palazzo, chiedendo un processo penale contro Zuniga e tutti coloro che lo hanno aiutato.

Ha aggiunto: “Non permetteremo alle forze armate di violare la democrazia e terrorizzare la gente”.

Anche il più grande sindacato del paese ha annunciato uno sciopero a tempo indeterminato in difesa del governo. I video che circolano sui social media sembrano mostrare folle di persone che inseguono le forze golpiste da una piazza della capitale, La Paz.

Anche i leader e le organizzazioni dell’America Latina hanno espresso preoccupazione per gli sforzi mercoledì, con funzionari di paesi tra cui Brasile, Messico, Cuba, Cile, Perù, Honduras, Paraguay e Colombia che hanno condannato le azioni dei militari come un attacco alla democrazia.

Un portavoce della Casa Bianca ha affermato che gli Stati Uniti sollecitano calma e moderazione e che l’amministrazione Biden sta monitorando gli sviluppi.

“Abbiamo condannato gli avvenimenti in Bolivia. L'esercito deve sottomettersi all'autorità civile legittimamente eletta”, ha dichiarato Luis Almagro, leader dell'Organizzazione degli Stati Americani, dopo la notizia secondo cui un carro armato si era schiantato contro le porte del Palazzo Nazionale. aprendo la strada all'ingresso dei soldati.

Una donna passa davanti a un gruppo di poliziotti pesantemente armati
Una donna passa davanti alla polizia militare in Plaza Murillo, a La Paz, Bolivia, mercoledì 26 giugno 2024. [Juan Karita/AP Photo]

Le scene hanno allarmato il paese andino, dove l’ex presidente di sinistra Morales, dello stesso partito a cui appartiene Arce, è stato rimosso dall’incarico in eventi che molti hanno descritto come un colpo di stato nel 2019.

“Penso che sia molto importante ricordare che la Bolivia ha avuto un governo illegittimo con il sostegno dei militari e un colpo di stato nel 2019”, ha detto ad Al Jazeera Catherine Ledebour dell’Andean Information Network.

READ  Meghan Markle e il principe William si allontanano dopo aver twittato sul razzismo

“Così siamo tornati alla democrazia, ma c’è ancora l’impunità, anche se ci sono accuse contro alcuni ufficiali dell’esercito e alcune personalità politiche sono in prigione. Ma abbiamo un problema strutturale nelle forze armate”.

Le foto dell'Associated Press mostrano i soldati che rimuovono i giornalisti vicino al palazzo presidenziale della capitale, La Paz. C'erano veicoli blindati e soldati pesantemente armati.

Il presidente messicano Andrés Manuel Lopez Obrador ha dichiarato: “Esprimiamo la nostra più ferma condanna del tentato colpo di stato in Bolivia”.

Il presidente dell'Honduras Xiomara Castro ha descritto la mobilitazione come un “colpo di stato criminale”, e il capo della politica estera dell'Unione Europea Josep Borrell ha affermato che la Comunità Europea ha condannato qualsiasi tentativo di rovesciare il governo democraticamente eletto.