Il Primo Ministro italiano afferma che buone relazioni con la Cina sono possibili senza la Belt and Road Initiative

Il Primo Ministro italiano afferma che buone relazioni con la Cina sono possibili senza la Belt and Road Initiative

Il primo ministro italiano Giorgia Meloni ha affermato in un’intervista pubblicata domenica che buone relazioni con la Cina sono possibili anche senza far parte dell’accordo Belt and Road Initiative, in un momento in cui il suo governo sta valutando di abbandonare il progetto.

L’Italia è l’unico grande paese occidentale ad aver aderito alla Belt and Road Initiative della Cina, che prevede la ricostruzione dell’antica Via della Seta per collegare la Cina all’Asia, all’Europa e oltre attraverso ingenti investimenti infrastrutturali.

In un’intervista al quotidiano Il Messaggero, la Meloni ha affermato che è troppo presto per prevedere l’esito della decisione dell’Italia sulla permanenza o meno nel progetto, firmato nel 2019, suscitando le critiche di Washington e Bruxelles.

“La nostra valutazione è molto accurata e tocca molte preoccupazioni”, ha detto Meloni. L’accordo scade a marzo 2024 e si rinnoverà automaticamente a meno che una delle parti non comunichi all’altra di recedere, con un preavviso di almeno tre mesi.

In un’intervista a Reuters l’anno scorso, prima di conquistare il potere alle elezioni di settembre, la Meloni ha chiarito di non essere d’accordo con la mossa del 2019, affermando di non avere “alcuna volontà politica… di favorire l’espansionismo cinese in Italia o in Europa”.

Meloni ha osservato che mentre l’Italia è stato l’unico Paese tra le ricche democrazie del Gruppo dei Sette (G7) a firmare il Belt and Road Memorandum, non è stato il Paese europeo e occidentale con i legami economici e commerciali più forti con la Cina.

“Ciò significa che è possibile stabilire buone relazioni, anche in aree importanti, con Pechino, senza necessariamente essere parte di un disegno strategico complessivo”, ha affermato.

READ  I dignitari degli esteri si congratulano con il nuovo ministro degli Esteri georgiano per la sua nomina

All’inizio di questo mese, un alto funzionario del governo italiano ha detto a Reuters che è improbabile che l’Italia rinnovi l’accordo Belt and Road.

Un primo test della posizione del governo di destra sulla Cina si profila mentre Roma vaglia il patto parasociale per il produttore di pneumatici Pirelli (PIRC.MI), in cui la cinese Sinochem è il maggiore investitore.

La Cina è uno dei mercati più grandi per la maggior parte dei paesi del G7, in particolare per le economie dipendenti dalle esportazioni come il Giappone e la Germania.

Funzionari ed esperti hanno affermato che i leader del G7 si sono impegnati al vertice dello scorso fine settimana a “ridurre i rischi” senza “sganciarsi” dalla Cina, un approccio che riflette le preoccupazioni europee e giapponesi per l’eccessiva pressione su Pechino.

(Segnalazione di Valentina Za) Montaggio di Frances Kerry

I nostri standard: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

Melania Cocci

"Pioniera degli zombi. Fan della tv esasperante e umile. Lettore. Creatore. Giocatore professionista."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x