― Advertisement ―

spot_img
HomeTop NewsIl primo ministro Meloni ha detto che l'Italia è stata "lasciata sola"...

Il primo ministro Meloni ha detto che l’Italia è stata “lasciata sola” per salvare i migranti in mare

Il primo ministro italiano, Giorgia Meloni, ha affermato che l’Italia è stata “lasciata sola” a salvare i migranti nel Mediterraneo, respingendo le accuse secondo cui i bambini sarebbero stati “lasciati morire” in mare.

“Siamo lasciati soli a fare questo lavoro, a volte oltre i confini nazionali”, ha detto il 22 marzo il primo ministro italiano Giorgia Meloni alla Camera dei deputati, la camera bassa italiana, in risposta alle domande sui salvataggi in mare.

“Dire davanti al mondo… lasciamo morire i bambini nel Mediterraneo non è solo una calunnia contro il governo ma anche contro lo Stato italiano, gli uomini e le donne delle forze dell’ordine e tutto il nostro sistema”. . Egli ha detto.

Meloni ha anche sottolineato che, in termini di numero di arrivi, è stato il governo a salvare più vite. Questa affermazione non può essere immediatamente verificata in modo indipendente.

La regola di Dublino dovrebbe essere rivista

Il presidente del Consiglio ha detto che l’unico modo per evitare tragedie come quella di Cotro è “fermare le partenze illegali”, aggiungendo che “questo è ciò che il governo sta cercando di fare”.

Ha aggiunto di non essere a conoscenza dei “piani alternativi”. Come ha spiegato Meloni, Regolamento Dublino Bisogno di “rivedere”. Allo stesso tempo, ha detto, cambiare il regolamento “non è una soluzione per l’Italia”.

“Si riferisce a coloro che possono avere un ragionevole accesso alla protezione internazionale, ma la percentuale di queste persone in termini di arrivi in ​​Italia è una minoranza”, ha detto.

Un invito a collaborare con Tunisia e Libia

Meloni ha aggiunto che il 70-80% dei migranti che arrivano irregolarmente in Italia “rimangono senza alcuna risposta o soluzione. Penso che sia necessario un approccio più globale e questo non può avvenire senza il dialogo con i Paesi africani”.

READ  Arcadia, Whittier Christian, Bonita in testa - San Gabriel Valley Tribune

Il premier ha difeso la sua scelta di coinvolgere l’Europa nel considerare un piano per impedire le partenze, sottolineando che la prima cosa da fare è parlare con la Tunisia per evitare “flussi migratori che nessuno sa governare”.

Ha inoltre ribadito l’idea di un blocco navale nell’ambito della missione Ue in cooperazione con la Libia.