Il primo modello 3D dei recettori degli odori umani che ci dice come odoriamo

Il primo modello 3D dei recettori degli odori umani che ci dice come odoriamo

“Questo è stato un grande obiettivo nel campo per qualche tempo”, ha detto Aashish Manglik, MD, PhD, professore associato di chimica farmaceutica. Il sogno, ha detto, è mappare le interazioni di migliaia di molecole di odore con centinaia di recettori degli odori in modo che un chimico possa modellare una molecola e prevederne l’odore.

“Ma non siamo riusciti a creare questa mappa perché senza un’immagine non sappiamo come le molecole degli odori interagiscono con i loro corrispondenti recettori degli odori”, ha detto Manglik.

Rappresentavano il formaggio svizzero

La metà della famiglia di recettori più completa e diversificata nel nostro corpo sono i recettori degli odori, che sono proteine ​​che legano le molecole degli odori sulla superficie delle cellule olfattive. Possono essere meglio compresi, aprendo nuove prospettive su diversi processi biologici.

“È come colpire i tasti di un pianoforte per produrre un accordo”, ha detto Hiroaki Matsunami, PhD, professore di genetica molecolare e microbiologia alla Duke University e stretto collaboratore di Manglik. “Vedere come i recettori degli odori si legano a un odore spiega come funziona a livello di base”, ha aggiunto Matsunami.

La metà della famiglia di recettori più completa e diversificata nel nostro corpo sono i recettori degli odori, che sono proteine ​​che legano le molecole degli odori sulla superficie delle cellule olfattive. Possono essere meglio compresi, aprendo nuove prospettive su diversi processi biologici.

READ  Giove e Venere, SpaceX e Relativity: notizie spaziali di marzo

Giustina Rizzo

"Appassionato di musica. Giocatore. Professionista dell'alcol. Lettore professionista. Studioso del web."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x