Il procuratore generale ucraino chiede l’ergastolo per un soldato russo in un processo per crimini di guerra

Kiev (Reuters) – Giovedì il procuratore capo dell’Ucraina ha chiesto a un tribunale di condannare all’ergastolo un soldato russo per aver ucciso un civile disarmato nel primo processo per crimini di guerra derivanti dall’invasione russa del 24 febbraio.

Vadim Shishimarin, un comandante di carri armati russo di 21 anni, ha chiesto alla vedova Katerina Shelipova di perdonarlo per l’omicidio di suo marito Oleksandr nel villaggio ucraino nord-orientale di Chubakhivka il 28 febbraio.

“Riconosco la mia colpa … ti chiedo di perdonarmi”, ha detto a Chelipova giovedì in un’audizione alla presenza di Reuters.

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

Si è dichiarato colpevole dell’omicidio mercoledì. Leggi di più

L’uccisione di Oleksandr Shlipov è stato uno di quelli che l’Ucraina e i paesi occidentali descrivono come un quadro molto più ampio: l’Ucraina ha accusato la Russia di atrocità e brutalità contro i civili durante l’invasione e ha affermato di aver identificato più di 10.000 possibili crimini di guerra. La Russia ha negato di prendere di mira i civili o di essere coinvolta in crimini di guerra.

Durante la sessione del tribunale di giovedì, Shishimarin ha ritagliato una scena disperata in una cabina di vetro per gli imputati: un ragazzo in tuta da ginnastica con la testa rasata.

Il Cremlino ha affermato di non avere informazioni sul processo e che la mancanza di una missione diplomatica in Ucraina limitava la sua capacità di fornire assistenza.

La vedova ha detto alla corte che il giorno in cui suo marito è stato assassinato, ha sentito spari a lunga distanza dal loro cortile e che ha chiamato suo marito.

READ  Un malore improvviso nel ciclo di preparazione, Marina muore al nono mese con il suo bambino

Ha detto: “Sono corsa da mio marito, era già morto. Gli hanno sparato alla testa. Ho urlato, ho urlato così forte”. Sembrava stordita e la sua voce tremava per l’emozione.

Shlepova ha detto alla corte che non si sarebbe opposta se Shishimarin fosse stata rilasciata in Russia come parte di uno scambio di prigionieri per portare i “nostri ragazzi” fuori dalla città portuale di Mariupol, riferendosi a centinaia di soldati ucraini che si sono arresi alla Russia. Leggi di più

Il processo si sta svolgendo mentre il destino dei suoi soldati in Ucraina è sotto controllo nella speranza che la Russia li consegni come parte di uno scambio. In Russia, alcuni alti legislatori hanno chiesto il perseguimento dei combattenti del reggimento Azov.

Shelipova ha detto che suo marito era disarmato ed era in abiti civili. Ha aggiunto che hanno un figlio di 27 anni e due nipoti insieme.

I pubblici ministeri ucraini hanno affermato che Shishimarin ha sparato diversi colpi con un fucile d’assalto alla testa di un civile da un’auto dopo che lei lo aveva ordinato. Leggi di più

Alla domanda se fosse stato costretto a seguire un ordine che equivaleva a un crimine di guerra, Shishimarin ha detto: “No”.

“Ho sparato un breve lotto di tre o quattro proiettili”, ha detto alla corte.

“Vengo da Irkutsk Oblast (una regione della Siberia) e ho due fratelli e due sorelle… sono il maggiore”, ha detto.

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

Segnalazione di Max Hunder; Scritto da Tom Palmforth. Montaggio di Alexandra Hudson, Nick McPhee e Frances Kerry

READ  L'inviato del primo ministro britannico tiene colloqui con i talebani in Afghanistan | Notizie talebane

I nostri criteri: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

Sergio Venezia

"Fanatico del web. Aspirante evangelista del bacon. Appassionato di musica esasperatamente umile. Lettore estremo. Pensatore amichevole. Pioniere televisivo."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Read also x