Il procuratore italiano dice che Salvini non dovrebbe essere processato nel caso Gregoretti Immigrant | Il mondo | notizia

ROMA (Reuters) – Un pubblico ministero ha detto sabato che il leader del partito della Lega di destra italiana Matteo Salvini non dovrebbe essere deferito a processo per detenzione illegale di immigrati in un caso pendente in un tribunale di Catania, in Sicilia.

Il caso degno di nota, sul quale fu chiesto di testimoniare all’ex premier Conte, è incentrato su un episodio avvenuto nel luglio 2019, quando Salvini, allora ministro dell’Interno, bandì per sei giorni più di 100 persone a bordo di una nave della guardia costiera in attesa degli europei. arrivare. Alleati per accettare di essere reinsediati.

I giudici hanno sostenuto che Salvini aveva rapito i migranti, non permettendo loro di sbarcare i Gregoretti ma tenendoli invece in mare nel caldo soffocante lontano da Porto Augusta.

Il procuratore Andrea Ponomo ha dichiarato sabato che l’ex ministro non dovrebbe essere perseguito, in quanto la sua decisione non violava i trattati internazionali e non è stata considerata un dirottamento, dato che la nave della guardia costiera era un cosiddetto luogo sicuro dove veniva fornita assistenza medica ai migranti. E supporto.

Intervenendo in un’udienza in tribunale, Buonomo ha aggiunto che il governo ha sostenuto la decisione e la politica di Salvini in generale, dato che la coalizione ha chiesto all’Europa di discutere un meccanismo diverso per la distribuzione dei migranti nel blocco.

Il giudice deciderà se procedere o meno con il processo il 14 maggio.

Salvini, a capo del partito Lega anti-immigrazione, aveva sempre sostenuto di agire nell’interesse nazionale e che l’intero governo appoggiava la sua iniziativa, cosa che Conte si opponeva.

READ  Torre Velasca (Torre Velasca) - Milano, Italia

In un caso separato, a Palermo, la Procura ha chiamato formalmente Salvini per incriminarlo con sequestro di persona per la sua decisione nell’agosto 2019 di impedire lo sbarco dei migranti da un’altra nave, una nave di salvataggio gestita dall’ente benefico Open Arms.

La decisione finale sull’opportunità di procedere con il caso spetta a un giudice di alto rango.

(Preparato da Julia Segreti; Montaggio di Frances Kerry)

Celestino Traglia

"Fanatico del web. Aspirante evangelista del bacon. Appassionato di musica esasperatamente umile. Lettore estremo. Pensatore amichevole. Pioniere televisivo."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x