― Advertisement ―

spot_img

Paolini e Mozzetti alzano il tricolore in gare storiche

LONDRA - Un mese fa gli appassionati di sport italiani avrebbero potuto pensare che questa settimana avrebbero guardato la loro squadra difendere il titolo...
HomesportIl progetto speciale di Adrian Newey che ha dato vita alla RB19...

Il progetto speciale di Adrian Newey che ha dato vita alla RB19 MONSTER e alla formidabile caratteristica della Red Bull F1

Sin dagli albori delle corse automobilistiche, è stato tutto incentrato sui piloti. Certo che l’ha fatto. I campioni che guidano supercar a velocità che sfidano la morte in nome dello sport saranno naturalmente al centro dell’attenzione. Viene da loro. E rimane così.

Ma nelle corse di Formula 1 del 21° secolo è emerso un campione alternativo. Non sexy, non eroico, ma laborioso, altamente qualificato con un occhio per i dettagli solitamente associato ad altri eroi che eseguono interventi chirurgici salvavita.

Ingegneri e scienziati sono sempre stati lì, progettando auto che gli spadaccini si proponevano di guidare a velocità vertiginose, ma non ne sapevamo molto. Non ne avevamo bisogno e per molti versi non volevamo.

Ma domenica, durante la copertura di Sky Sports del Gran Premio di Spagna, Martin Brundle, in una conversazione con David Croft, ha fatto un commento che ha catturato perfettamente e accuratamente il ruolo supremo che i pionieri della F1 hanno giocato oggi.

Stavano discutendo di un prolungamento del contratto recentemente firmato da Adrian Newey per tenerlo alla Red Bull.

“Christian Horner mi odierebbe per averlo detto, ma qualunque sia il valore di un pilota pagato, Adrian Newey merita di più.”

Per saperne di più: Perché Adrian Newey è la cosa migliore e peggiore che possa capitare alla F1

Adrian Newey, a destra, festeggia con Max Verstappen e Christian Horner

E chi può discutere?

Senza il coinvolgimento di Newey, è improbabile che la Red Bull possa avere una stretta mortale su questo sport che ha portato a un vantaggio di 129 punti nel Campionato Mondiale Costruttori 2023 dopo appena sette gare. Senza Newey, è improbabile che Max Verstappen avrebbe tagliato il traguardo con quasi due chilometri di vantaggio sul suo concorrente più vicino.

Le modifiche ai regolamenti che entreranno in vigore in F1 nel 2022 hanno avuto un ruolo diretto in uno dei maggiori punti di forza di Newey, i nuovi pavimenti ad effetto suolo.

READ  Un tifoso di calcio londinese si reca a San Marino in una squadra non appartenente alla lega per completare la Continent Scrambling Challenge

Ci sono stati altri importanti cambiamenti organizzativi, come uno spoiler anteriore aerodinamico, un nuovo spoiler posteriore affilato e pneumatici da 18 pollici con alette per le ruote, ma è stata la sua esperienza in materia di effetti al suolo che ha portato la Red Bull a un altro livello.

Per aiutare a capire perché Newey, soprattutto gli altri ingegneri altamente esperti e qualificati nel circuito di F1, è stato in grado di cogliere le complessità di questo nuovo concetto più velocemente dei suoi concorrenti, vale la pena rivisitare il suo percorso verso la F1.

Effetto Southampton (suolo)

All’Università di Southampton nel 1980 Newey si è laureato con lode in Aeronautica e Astronautica, periodo durante il quale ha lavorato per la prima volta sul fenomeno noto come Earth Effects.

Ha detto ad Auto Motor und Sport: “Ho studiato l’effetto suolo come fenomeno aerodinamico all’università, e l’argomento del mio ultimo progetto durante i miei studi è stata la sua applicazione al motorsport”.

All’epoca non sapeva quale ruolo avrebbe avuto questo lavoro nella sua carriera circa 40 anni dopo.

Terminata l’università gli viene offerto uno stage dal team Fittipaldi di Formula 1, ma dopo solo un anno entra a far parte del team March dove, dopo un breve periodo come ingegnere di corse, inizia a progettare auto da corsa.

Il suo tocco magico è stato evidente fin dall’inizio e la sua vettura sportiva GTP ha vinto il titolo IMSA GTP per due anni consecutivi.

La sua fulminea ascesa nei ranghi degli sport motoristici era in corso con la sua prossima tappa nel team Indy Car a marzo, dove il suo team March 86C ha vinto l’Indy Car World Series Championship e la 500 Miglia di Indianapolis.

READ  Paul Pogba "sotto la protezione della polizia" in Italia dopo "un piano di estorsioni del valore di 11 milioni di sterline da parte di una banda che includeva suo fratello"

Nel 1991 si è trasferito alla Williams, dove, per cinque anni, ha goduto di continui successi, ma è stato anche travolto dalla tragedia.

Alte fortune alla Williams

Mentre lavorava al fianco di Patrick Head, la Williams di Newey registrò 59 vittorie in gara, 78 pole position e 60 giri più veloci in 114 gare, ma la tragedia arrivò al Gran Premio di San Marino del 1994 quando Ayrton Senna, alla guida di una FW16, Matt.

Negli anni che seguirono, Newey e diversi membri del team di Williams furono accusati di omicidio colposo. Le accuse da cui sono stati inizialmente assolti e poi, dopo la riapertura del caso, è stata concessa loro una piena assoluzione nel maggio 2005.

Nel 1997 passò dalla Williams alla McLaren, dove rimase fino alla fine del 2005. Fu un’ondata di alterne fortune per gli standard Newey, conquistando due titoli mondiali piloti, nel 1998 e 1999, e il titolo costruttori nel 1998, ma nel i primi anni 2000 Dal 20° secolo, hanno lottato per competere con la Ferrari sotto Michael Schumacher.

La politica interna della Formula 1 ha inviato un’onda turbolenta per Newey, con il capo della McLaren Ron Dennis che negava costantemente che il suo ingegnere capo stesse per lasciare la squadra, ma alla fine arrivò nel febbraio 2006 quando le aperture della Red Bull si rivelarono troppo grandi per lui per resistere.

Gli anni della RedBull

I primi anni di Newey alla Red Bull sono stati insignificanti, non aiutati dal fatto che stava lavorando su un’auto che non aveva progettato, ma i segnali erano minacciosi per il resto della griglia quando sono arrivati ​​secondi nel Campionato Costruttori 2009 con un vettura che sembrava migliorare gara dopo gara.

READ  Calcio: Pellegrini torna in nazionale per le finali della Nations League

Con Sebastian Vettel come primo pilota e con Newey che sfornava auto da corsa veloci e affidabili – la RB6, RB7, RB8 e RB9 – hanno continuato a completare il binomio pilota/costruttore per quattro stagioni consecutive, dal 2010 al 2013.

Sette stagioni senza campionato dovevano seguire Newey e Red Bull mentre lottavano per eguagliare la potenza e la velocità della Mercedes di Lewis Hamilton e, per esempio, Nico Rosberg, ma nel 2021 il divario si era ridotto a sufficienza per Verstappen. Il titolo piloti è stato deciso tra polemiche ad Abu Dhabi nell’ultima gara della stagione.

Quindi sono seguite modifiche alle specifiche. In particolare, quello che è atterrato perfettamente nel punto debole di Niue.

Questo progetto finale, realizzato a Southampton, dove ha studiato, nei minimi dettagli, l’impatto del terreno e la sua applicazione al motorsport ha improvvisamente avuto un senso.

Il risultato è che la Red Bull è attualmente due o tre passi avanti rispetto ai suoi rivali più vicini ad ogni curva, e si è messa in condizione di restare e vincere ogni gara della stagione 2023.

Il modo in cui agiranno quando arriverà il giorno in cui il 64enne Newey chiamerà il tempo per la sua carriera è qualcosa di cui preoccuparsi per Christian Horner, ma Brundle aveva ragione.

Tutto si riduce alla qualità dell’auto e, qualunque cosa tu la guardi, la Red Bull capisce una buona cosa quando la vede.

Qualunque cosa abbiano deciso di pagare a Newey nel suo nuovo accordo, non è abbastanza.

Per saperne di più: Chi è Helmut Marko? Red Bull Genius sale al potere