Il prossimo grande telescopio della NASA esaminerà Dusty Exocomet

Il James Webb Space Telescope della NASA deve ancora essere lanciato, ma gli scienziati stanno già delineando nuove sfide per il Generations Observatory.

Una delle sue prime grandi missioni dopo essere andato nello spazio alla fine di quest’anno è esplorare la misteriosa polvere di Beta Pictoris, una stella il cui disco di detriti ospita almeno due pianeti massicci, una cintura di detriti in cui piccoli oggetti si scontrano tra loro, una collezione di esocomete (sì, comete in un altro sistema solare) e altre possibili meraviglie.

“Cosa c’è in mezzo? Quanto è simile questo sistema al nostro sistema solare? La polvere e il ghiaccio d’acqua dalla fascia esterna potrebbero alla fine farsi strada nella regione interna del sistema? Chris Stark del Goddard Space Flight Center della NASA nel Maryland, che sta conducendo uno degli studi su questo famoso sistema, ha dichiarato:

Ciò che distingue Webb dagli altri osservatori spaziali è la sua grande dimensione e sensibilità, insieme alla sua posizione nello spazio. Il suo predecessore, il telescopio spaziale Hubble, è in orbita vicino alla Terra perché gli ingegneri volevano l’opportunità di ripararlo periodicamente con gli equipaggi degli astronauti. Questo ha funzionato bene per Hubble, ma Webb ha un viaggio diverso nel futuro: viaggiare in una regione gravitazionalmente stabile tra il Sole e la Terra per sfruttare invece l’oscurità assoluta per guardare oggetti distanti alla luce infrarossa.

La luce infrarossa è il campo perfetto per le osservazioni di Beta Pictoris, perché la polvere, come sa chiunque nel deserto o in una giornata nebbiosa, oscura l’ambiente circostante. La luce infrarossa è “in cerca di calore” e consente di guardare attraverso la polvere per vedere cosa c’è dentro. Pertanto, Webb darà un’immagine unica di Beta Pictoris usando il suo vantaggio spaziale, senza l’atmosfera terrestre opaca e poca luce parassita per distorcere le osservazioni.

“Le immagini web consentiranno ai ricercatori di studiare come i piccoli grani di polvere interagiscono con i pianeti in questo sistema”, ha affermato il sito Web del telescopio in un comunicato stampa. “Inoltre, Webb descriverà in dettaglio tutta la polvere fine che scorre da questi corpi, consentendo ai ricercatori di dedurre la presenza di corpi rocciosi più grandi e quale sia la loro distribuzione nel sistema”.

Naturalmente, ciò che impareremo non sarà utile solo a Beta Pictoris. Mentre costruiamo un’immagine della polvere e della sua composizione, possiamo iniziare a confrontare questo sistema vicino (distante solo 63 anni luce – ricorda che il sistema stellare più vicino dista circa 4 anni luce) dal nostro sistema solare. Possiamo iniziare a fare più confronti tra le nostre regioni e quelle vicine e costruire un’immagine di dove viviamo e di quanto siamo diversi dagli altri mondi.

La polvere sarà utile anche in due studi condotti da Christine Chen dello Space Telescope Science Institute (STScI) di Baltimora. Uno studio, ad esempio, esaminerà le particelle di polvere per vedere che aspetto hanno i grani, se sono soffici o densi e, soprattutto, la loro composizione.

Se tutto va come previsto, il contenuto di polvere potrebbe rivelare tracce di “pianeti minori” – corpi più grandi di rocce o asteroidi, ma più piccoli dei pianeti – che si insinuano nei detriti e sono quindi difficili da rilevare. Potremmo anche vedere flussi di comete polverose in sistemi diversi dal nostro e saperne di più su come si comportano questi corpi ghiacciati in altri quartieri, ma i pianeti e i pianeti minori saranno molto più facili da individuare.

“Dopo i pianeti, si pensa che la maggior parte della massa nel sistema Beta Pictoris si trovi su pianeti più piccoli che non possiamo osservare direttamente”, ha detto Chen nello stesso comunicato stampa. “Fortunatamente, possiamo osservare la polvere che viene lasciata indietro quando i pianeti minori si scontrano”.

Con un po’ di fortuna, Webb alla fine esaminerà molti altri quartieri della nostra galassia per costruire un quadro generale di come appare la nostra area locale. Da lì, possiamo quindi iniziare a estrapolare le regioni lontane dell’universo per apprendere la nostra storia di origine definitiva: come si formano i pianeti, quanto sono amichevoli con la vita e come svolgono un ruolo nell’evoluzione del nostro universo più ampio.

READ  Webinar sulla demenza che esplora i legami tra musica e cervello - Surrey Now-Leader

Giustina Rizzo

"Professionista di musica estrema. Twitter geek. Aspirante fanatico di viaggi. Nerd appassionato di alcol."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x