Il punto di vista del Guardian sulla fortezza Europa: un continente che perde la sua bussola morale | editoriale

Sanni giovanili FaLa Convenzione delle Nazioni Unite sui rifugiati del 1951 ha stabilito i diritti dei rifugiati a cercare rifugio e gli obblighi degli stati a proteggerli. Sembra sempre più che la maggior parte dell’Europa scelga di celebrare l’anniversario stracciando alcuni dei principi fondamentali della convenzione.

Finora quest’anno, quasi 1.000 migranti sono morti nel tentativo di attraversare il Mediterraneo, più di quattro volte il bilancio delle vittime nello stesso periodo del 2020. Molti di loro saranno migranti economici. Altri saranno fuggiti dalla persecuzione. Sempre più spesso all’Europa non interessa. Erano tutti “irregolari”. Tutti devono essere ostacolati e scoraggiati attraverso una strategia di crudeltà.

L’ultima tragedia si è verificata la scorsa settimana quando almeno 57 persone sono morte quando una barca si è capovolta a causa del forte vento al largo delle coste libiche. I pattugliamenti navali, sia da parte di agenzie italiane che europee, sono stati notevolmente ridotti, rendendo più probabili tali disastri. I proprietari delle navi di soccorso delle ONG sono stati convocati in tribunale e hanno visto arrestare le loro navi. Mentre l’Europa è con le mani in mano, le forze di sicurezza libiche hanno riportato migliaia di marinai disperati in centri di detenzione dove sono comuni violenze sessuali, torture e maltrattamenti.

In Grecia, un gran numero è bloccato in una situazione senza speranza dimenticatoMolti di loro sono in campi affollati e affollati. Dopo il devastante incendio nel campo di Moria a Lesbo lo scorso settembre, la Commissione europea ha lanciato un “nuovo patto su migrazione e asilo”, sottolineando la necessità di bilanciare la protezione delle frontiere con le preoccupazioni umanitarie. Ma non c’è ancora accordo tra gli Stati membri dell’UE sulle quote di reinsediamento e sulle operazioni che potrebbero disinnescare la crisi. Nel frattempo, assordantecannoni sonori“Al confine greco con la Turchia per tenere lontani i migranti, è stato eretto anche un muro d’acciaio Trumpian per chiudere i valichi di frontiera. La sua prossima missione potrebbe essere quella di impedire alle migliaia di afgani di sfuggire ai talebani e che stanno attualmente attraversando la Turchia.

READ  Lo 0-0 dell'Inghilterra contro San Marino dimostra che la FIFA deve ripensare la Coppa del Mondo

Ci sono stati più resoconti, dalla Grecia e altrove, di rifugiati espulsi senza aver ascoltato le loro richieste di asilo. come il cosiddettocorpetto“Va contro l’accordo del 1951. I politici stanno anche giocando velocemente e velocemente con altri principi che sono stati firmati 70 anni fa. Nel Nord Europa, il governo socialdemocratico della Danimarca ha approvato una legge per consentire ai richiedenti asilo di allontanarsi a migliaia di chilometri, mentre i loro le domande vengono elaborate nel paese di III. Male obbiettivo Il primo ministro danese Mette Frederiksen, è che non dovrebbero più essere presentate domande di asilo in Danimarca. Il suo governo sta cercando di rimpatriare con la forza centinaia di rifugiati in Siria, una mossa che probabilmente sarà contestata dalla Corte europea dei diritti dell’uomo. La Gran Bretagna ha criminalizzato i migranti che arrivano attraverso rotte irregolari, sperando di costringerli a chiedere asilo altrove.

Spietatamente e immorale, l’Europa è in ritardo su una dura strategia di “fortezza” basata sulla forza bruta e sulla deterrenza. Tuttavia, i rifugiati rappresentano solo lo 0,6% della popolazione dell’UE. Il numero di immigrati clandestini che cercano di entrare in Europa è nulla rispetto a quello che era sei anni fa, quando la guerra civile siriana era al culmine, e Angela Merkel ha insistito su questo dicendo”noi svolgimento il(“Possiamo farcela.”) Con una leadership efficace e la solidarietà tra i paesi, sarà possibile un approccio umano a un problema complesso. Ma manca la volontà politica. Dalla crisi migratoria del 2015, la destra populista è stata autorizzata a dettare il Temendo l’ascesa di Mathieu, Salvini, Victor Urban e Marine Le Pen – e, in Gran Bretagna, l’influenza di Nigel Farage – i politici dominanti in tutto il continente hanno indurito i loro cuori, imbavagliato le loro coscienze e hanno smesso di dare agli aspiranti rifugiati un giusto ascolto. Questa mancanza di ambizione morale tradisce lo spirito della grande conquista umana di sette decenni.

READ  Restrizioni revocate: che giorno suonava a Saskatoon senza ordini di salute pubblica?

Celestino Traglia

"Fanatico del web. Aspirante evangelista del bacon. Appassionato di musica esasperatamente umile. Lettore estremo. Pensatore amichevole. Pioniere televisivo."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x