Il regista ucraino Stanislav Kapralov: È come se fossimo in un film

Il regista ucraino Stanislav Kapralov: È come se fossimo in un film

Il regista ucraino Stanislav Kapralov (“Let It Snow”) era nel mezzo della pre-produzione di un nuovo film – un progetto hollywoodiano con attori americani e un distributore americano – quando la Russia ha invaso l’Ucraina giovedì. Il film doveva essere girato a Chernobyl, che è stata catturata dalle forze militari russe il primo giorno della battaglia. Kapralov, che è anche sceneggiatore e produttore, ha lavorato con alcuni dei più grandi nomi in Ucraina, tra cui Ivanna Sakhno (“Pacific Rim: Uprising” e “High Fidelity”). Il suo ultimo film, il thriller poliziesco ucraino-americano Egregor, è stato presentato in anteprima nel 2021.

Kapralov ha parlato diverso via e-mail il venerdì mattina.

Dove sei ora?

Io e la mia famiglia siamo in Ucraina. Non è stato possibile partire, ma ci siamo trasferiti da Kiev nell’Ucraina occidentale. Mio padre e mia nonna sono ancora a Kiev. Si nascondono negli scantinati dai bombardamenti – gli anziani sono seduti negli scantinati umidi … Eppure mio padre e mia nonna non si fanno prendere dal panico. Tutti credono nell’esercito ucraino e nessuno si perde d’animo. L’esercito ucraino sta compiendo uno sforzo eroico e infligge pesanti perdite ai russi. Tutti sono uniti nel loro odio per la Russia. Mia nonna visse durante l’occupazione dell’Ucraina nella seconda guerra mondiale. Ora tutti gli ucraini confrontano la Russia con la Germania fascista.

Come ti senti?

È come se fossimo in un film. A volte si ha la sensazione che questo non stia accadendo a noi. La donna sta piangendo. I bambini piccoli chiedono perché i russi ci stanno uccidendo. Vediamo alti edifici distrutti dalle bombe, bambini che piangono insanguinati … Capiamo che non perdoneremo la Russia per questo. Da questo giorno in poi, questa sarà una vendetta personale. Non sono un guerriero, quindi mi vendicherò come meglio posso, attraverso l’arte e i film.

READ  Come Dan Marino di Piglet's Clue si relaziona a Nick Lachey

Credi che la comunità internazionale stia facendo abbastanza?

Gli Stati Uniti, la Gran Bretagna e l’Europa ci hanno aiutato con le armi nelle ultime settimane. Li ringraziamo, ma è passato solo un giorno da quando la Russia ha invaso l’Ucraina, e la comunità internazionale ha espresso la sua “profonda preoccupazione” e imposto sanzioni ridicole che di certo non fermeranno Putin. La situazione era simile all’occupazione della Crimea nel 2014 e all’attacco russo al Donbass nel 2015. Tutti i paesi occidentali “hanno espresso preoccupazione” per l’Ucraina e non hanno fermato Putin. Il risultato è l’aggressione odierna a cui l’Europa non assisteva da 80 anni.

Mi sembra che il mondo intero, in particolare l’Europa, debba capire che ora l’Ucraina non sta solo combattendo per la sua indipendenza, ma l’Ucraina sta combattendo affinché l’intera Europa fermi l'”Hitler” del 21° secolo. Ma ci sentiamo come se stessimo combattendo da soli… La NATO ha rifiutato di chiudere lo spazio aereo; Germania, Italia e Ungheria hanno bloccato una proposta per escludere la Russia da SWIFT (la Società per le telecomunicazioni finanziarie interbancarie mondiali) e la Turchia ha rifiutato di aiutare nel Mar Nero. Per fermare l’aggressione, la Russia deve essere colpita con la forza.

La comunità internazionale deve capire: se gli invasori russi conquistassero l’Ucraina, ciò significherebbe un nuovo ordine mondiale e un’aggressione incontrollabile. L’Ucraina ha davvero bisogno di aiuto. Siamo stati bombardati con missili, attaccati da aerei, fanteria, artiglieria … Immagina se la Polonia non si fosse arresa nel 1939? Se fermano il progresso di Hitler? Sarebbe successa una tragedia del genere?

Stanislav Kapralov nel gruppo
Per gentile concessione di Stanislav Kapralov

Stavi lavorando a un progetto quando i russi hanno invaso?

Sì, ero in pre-produzione per il mio nuovo film. Questo è un progetto internazionale con attori americani e un distributore hollywoodiano. Il film doveva essere girato in Ucraina, a Chernobyl. Oggi le forze russe hanno catturato la centrale nucleare di Chernobyl. Il mio film precedente è stato anche ambientato nei cinema in Ucraina in poche settimane e successivamente a livello internazionale.

Continuerai a provare a lavorare al film?

Abbiamo deciso di evacuare il progetto in Europa e girare lì. Spero che il nostro piano si avveri. Per fare questo, io e il mio team dovremo viaggiare in Europa. Preferibilmente vivo. Siamo ancora tutti in Ucraina adesso.

Hai intenzione di lasciare l’Ucraina?

Ho intenzione di lasciare l’Ucraina. Forse per gli Stati Uniti, non credo che ci sarà l’opportunità nei prossimi anni di lavorare pacificamente e realizzare le mie idee. La Russia ha preso la mia casa, il mio mondo e la mia possibilità di creare nella mia madrepatria.

C’è qualcosa che la comunità artistica può fare per aiutare?

Sono sicuro che molti dei miei colleghi lasceranno l’Ucraina e inizieranno la loro vita da zero. Sappiamo tutti quanto può essere difficile e lungo iniziare una nuova carriera in un posto nuovo. Sarebbe fantastico se la comunità artistica potesse supportare le persone che cercheranno lavoro negli Stati Uniti, in Canada e in Europa. Sarebbe importante per loro non essere soli, poiché l’esercito ucraino è rimasto ora.

Celestino Traglia

"Appassionato di musica. Giocatore. Professionista dell'alcol. Lettore professionista. Studioso del web."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x